Maculatura Bruna del Pero

Stemphylium vesicarium

Lo Stemphylium vesicarium è un fungo parassita che colpisce le piante e che causa la maculatura bruna del pero. È un fungo insidioso che è in grado di rovinare interi raccolti. Il fungo è in grado di provocare lesioni sull'epidermide dei peri dal momento che durante la sua attività vegetativa elabora delle sostanze tossiche per la pianta. Nelle aree che risultano poi necrotizzate dalle tossine si sviluppa un processo di marcescenza che si estende alla pianta. Il fungo è facilmente localizzato in zone umide, dove siano presenti terreni limosi o argillosi e in assenza di una giusta areazione delle piante. Il fungo è in grado di resistere da un anno all'altro sia sulle foglie sia sui frutti caduti a terra, riprendendo in primavera la propria attività vegetativa e patogenetica. Il fungo si sviluppa con una temperatura compresa tra i 22 e i 26 gradi.
Maculatura bruna del pero

POLTIGLIA BORDOLESE MANICA KG.1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,7€


Maculatura bruna del pero

Maculatura bruna I principali sintomi dei questa particolare tipologia si possono evidenziare durante tutto il periodo che va dalla fioritura fino alla raccolta. La malattia si manifesta con delle macchie necrotiche sulle foglie, sui frutti, sui rametti. Sulle parti verdi della pianta si potrebbero iniziare a notare delle macchie puntiformi che procedendo nell'infezione sono in grado di provocare la necrotizzazione di tutti i tessuti. Sui frutti le lesioni si possono evidenziare maggiormente nelle parti più esposte alla luce. Sui frutti inizialmente si formano delle macchie brune con una dimensione di pochi millimetri che poi si ingrandiscono mantenendo sempre una forma circolare. L'infezione se non adeguatamente contrastata si potrebbe estendere alla polpa iniziando un processo che porterà al marciume del frutto.

  • Tappeto erboso sano ciao a tutti..premetto di avere un giardino giovane,ho fatto la semina in marzo e in un primo momento l'erba era davvero bella, verde scura e molto fitta.. a poco a poco però sul prato si sono forma...
  • Esemplare di Russula virescens, ovvero verdone Il nome verdone è quello con cui viene più comunemente chiamato il fungo Russula virescens, una varietà molto ricercata dagli estimatori di questo gustoso frutto autunnale. Il termine virescens in lat...
  • Prataiolo giallo Il prataiolo è un fungo che appartiene alla famiglia delle Agaricaceae, che comprendono funghi carnosi, con gambo e cappello distinti, che si decompongono facilmente. Il prataiolo è un fungo che cresc...
  • Esempio di Edulis Boletus L'Edulis Boletus è particolarmente facile da riconoscere anche per chi non è un esperto di funghi. La caratteristica principale è senza dubbio l'ampio cappello carnoso che può raggiungere un diametro ...

kg 10 poltiglia bordolese manica solfato di rame 20 % vite olivo frutta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 41,6€


Sviluppo della maculatura bruna del pero

Maculatura bruna del pero Lo sviluppo della patologia è fortemente influenzato dalle condizioni ambientali e dalle condizioni generali delle piante che vengono colpite da questa patologia. Per esempio si è riscontrata un'alta incidenza della malattia sulle piante risultate poco vigorose oppure con clorosi dovuta a carenza di elementi nutritivi o di ristagno d'acqua. I terreni troppo compatti e con carenza di areazione e ossigenazione possono essere una delle cause dello sviluppo della malattia. La mancanza della lavorazione del terreno ed eccessive irrigazioni possono rappresentare fattori che influenzano la proliferazione del fungo creando un ambiente adatto alla sua sopravvivenza. Le parti più sensibili della pianta sono quelle che si trovano in fase di accrescimento. La malattia si sviluppa principalmente in presenza di parti della pianta bagnate che se perdura a lungo è un ambiente ideale allo sviluppo della patologia.


Maculatura Bruna del Pero: Prevenzione e cura di questa patologia

Maculatura bruna Per la cura delle piante colpite dalla maculatura bruna del pero si potrebbe provvedere all'utilizzo di fungicidi specifici, o si potrebbero utilizzare prodotti a base di sali di rame o l'etil fosfito di alluminio. Oltre a procedere con prodotti per la cura della patologia, si dovrebbero attuare degli interventi preventivi che non consentano lo sviluppo adeguato del fungo. Si dovrebbero per prima cosa limitare le irrigazioni, soprattutto si dovrebbe evitare assolutamente di bagnare le chiome. I frutti colpiti dalla malattia e caduti a terra dovrebbero essere distrutti, le foglie andrebbero interrate, ma solo dopo essere state trattate con urea per facilitarne il processo di degradazione. La fase di concimatura è delicata e dovrebbe essere correttamente bilanciata negli elementi introdotti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO