Potatura Eucalyptus citriodora

Domanda : Potatura Eucalyptus citriodora

HO una Eucalyptus citriodora esposta in balcone come da foto:

https://www.dropbox.com/s/f2t9f4p60mibfu4/IMG_0592.JPG

Come si vede i rami alla base sono privi di foglie che invece si sono addensate in cima. Come posso intervenire per consentire una crescita più equilibrata. Dove e come posso potare?

Grazie, un saluto.

Simone

eucalipto

Acero giapponese Red Bonsai, Grow Your Own Albero, dell'ufficio della decorazione, 20pcs / sacchetto Semi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Risposta : Potatura Eucalyptus citriodora

Gentile Simone,

dalla foto si nota come il tuo eucalipto si stia sviluppando soprattutto in altezza, lasciando completamente spoglie le zone basse del fusto; in linea generale, lo sviluppo di questo albero è proprio questo in natura, dove cresce un fusto eretto molto alto, al cui apice si allarga una chioma non eccessivamente ampia, e difficilmente si vedono eucalipti di questa specie che formano dei cespugli; chiaro che in vaso uno sviluppo di questo tipo non è auspicabile, perché altrimenti presto ti troverai con un fusto alto fino a 3 metri e una chioma solo all’apice. Quindi dovremo cercare di potare la pianta in modo che abbia uno sviluppo più compatto, tondeggiante e denso. Il metodo migliore consiste nel potare la cima dell’alberello, per favorire lo sviluppo di rami nella parte bassa del fusto. Considera comunque che il tuo alberello tenderà costantemente a rinunciare ai rami bassi, in favore di uno sviluppo in altezza; quindi ogni anno dovrai cercare di cimare i rami più alti. Per avere un bell’arbusto è anche opportuno garantire a questa pianta un luogo molto ben soleggiato, in modo che goda di quante più ore possibile di luce solare diretta; questo favorirà lo sviluppo di una bella vegetazione compatta. Gli eucalipti in Italia possono vivere all’aperto, anche se non sono completamente adatti a vivere nelle zone con clima invernale molto rigido; infatti possono sopportare leggere gelate, ma se il gelo è intenso o prolungato tende a bruciare tutti i rami esterni, o possono anche cadere tutte le foglie. Quindi se vivi in una zona con inverni molto rigidi è il caso di coprirlo durante l’inverno, ma non portarlo in casa, o rischi che il clima sia eccessivamente caldo per i mesi invernali, e che la pianta abbia decisamente poca luminosità, cosa che la fa sviluppare in quel modo un po’ “filato”. Il terreno di coltivazione deve essere decisamente molto ben drenato, costituito da terriccio mescolato a perlite o pietra pomice, in modo che lasci scivolare via l’acqua senza trattenerla; le annaffiature saranno comunque abbondanti, ma tra due annaffiature è importante lasciare che il terreno asciughi; questo può voler dire annaffiare una volta al mese in inverno, e invece una volta ogni due o tre giorni in luglio. Ricordati anche, a fine inverno, di spargere del concime granulare a lenta cessione sulla superficie del terreno, un concime universale può andare bene, e per il tuo vaso ne serviranno circa un paio di cucchiai.


  • eucalipto Nome: Eucalyptus Globulus L.Raccolta: Tra giugno e ottobre.Proprietà: Antiparassitario, antidiabetico, tonico, astringente, balsamico, sedativo, anticatarrale.Famiglia: Mirtacee.Nomi c...
  • Eucalipto Le foglie di eucaliptus sono ottime per tosse, raffraddore ecc. Ma e' vero che se non vengono raccolte nel periodo giusto, sono cancerogene? Se si, in quale periodo si devono raccogliere? ...
  • miele di eucalipto Nelle zone centrali dell'Italia, in particolare nel Lazio, esiste una fitta vegetazione di eucalipti, alberi originari dell'Oceania importati e piantati nel territorio italiano durante il periodo dell...

100 semi Un Sacchetto Nuovo arrivo! Semi Paulownia tomentosa albero, fiori viola Per la casa giardino e bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€




COMMENTI SULL' ARTICOLO