Camelia pianta

Camellia japonica in giardino

Se non è particolarmente esposta al vento o ad una radiazione solare diretta, tipica delle prime ore pomeridiane, la camelia, è un’ottima pianta da vaso, collocabile facilmente su terrazze o balconi. Qualora fosse possibile, preferire la sistemazione in zone illuminate, ma in ombra. Come tutte le piante da giardino di questa varietà, la camellia, tollera bene le precipitazioni abbondanti e trova il suo equilibrio climatico ideale in zone lacustri, collinari e pianure nell’entroterra avanzato. Non è una pianta che ama l’aria salmastra e le zone subalpine. Altre specie invece tollerano questi climi senza alcun problema e riescono a svilupparsi tranquillamente. Il terreno di coltivazione dovrebbe essere composto di humus da bosco per facilitare la crescita della pianta.
Il fiore della camelia

1 PIANTA DI CAMELIA JAPONICA BIANCA VASO 17CM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Varietà di camelie

Fioritura invernale della camelia pianta La camelia è una specie disponibile in grandi varietà. Quelle più indicate per il giardino hanno la fioritura in primavera e si presentano sotto forma di arbusto rustico che può raggiungere dieci metri di altezza. Sono specie di grande impatto e per questo considerate piante ornamentali a tutti gli effetti. La specie più nota e utilizzata in giardino è la ‘Camellia Japonica’, la pianta di questa famiglia che ha maggior numero di scelta, riconoscibile dal colore delle foglie molto verdi e scure; la ‘Camellia Hiemalis’, con piccole foglie a lancia e arbusto folto; la ‘Camellia Oleifera’, che sboccia con grandi fiori rosa e bianchi; la ‘Camellia Sasanqua’, che al contrario di tutte le altre specie cresce bene con un’esposizione soleggiata. In Italia sono state importate diverse specie di camelia e oggi è possibile acquistarne di molteplici varietà. Presso i centri giardino specializzati o i vivai è possibile trovare la specie desiderata e coltivarla cosi nel proprio giardino di casa.

  • Camellia Japonica La Camellia, la pianta da fiore nota come Camelia, appartiene alle Theaceae, in Italia commercializzate in più di 800.000 esemplari all'anno. Una splendida pianta da fiore che in Cina e Giappone, suoi...

1 PIANTA DI CAMELIA JAPONICA COLETTI VASO 17CM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Uso ed applicazioni della camelia

La camelia pianta, una delle tante varietà La camelia trova largo uso nelle applicazioni in campo cosmetico, omeopatico e fitoterapico. Dal suo olio essenziale si ricavano prodotti cosmetici contro l’invecchiamento e necessari alla distruzione dei radicali liberi. Particolarmente rilevante è l’uso topico nei casi di acne rosacea e dermatite seborroica, inoltre è abbastanza diffuso il suo utilizzo anche nella cura estetica delle cicatrici oppure come crema preventiva per le smagliature. Usato come shampoo, l’olio di camelia, aiuta i capelli sfibrati e rovinati dall’azione del phon. E’ possibile utilizzare l'olio della camellia, come crema da stendere sui capelli, per ostacolare l’insorgere dei pidocchi. La lozione di camellia è usata con efficacia anche per i dolori muscolari e come antinfiammatorio locale dagli sportivi.


Camelia pianta: Cura e prevenzione alle malattie

Patologie più comuni della camelia pianta La camellia japonica ha bisogno d’interventi di giardinaggio finalizzati perlopiù alla potatura e alla prevenzione delle malattie. La potatura non è indispensabile fuorché quei casi in cui è opportuno eliminare le parti che influenzano, perché improduttive, la cattiva crescita della pianta. La fioritura può essere oltremodo generosa, pertanto anche i fiori vanno ‘ripuliti’ da tutti quei petali in più, per non corromperne il portamento. Foglie e fiori secchi vanno rimossi dopo la fioritura per favorire il passaggio d’aria e la luce essenziale all’arbusto. Un eccesso di umidità o di poca luminosità, potrebbe causare l'imbrunimento delle foglie. I principali agenti nocivi della specie sono il ragnetto rosso, la cocciniglia e gli afidi, che arrecano danni alle foglie rendendole appiccicose al tatto.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO