Stella di natale potatura

vedi anche: Stella di Natale

La stella di natale: descrizione

Il nome scientifico della stella di natale è Euphorbia pulcherrima. In occidente è presente alla vendita durante il periodo natalizio, ma a dire il vero, si tratta di una pianta tropicale della famiglia delle Euphorbiacee. Proprio per questo motivo ha bisogno di un clima caldo, sopravvive difficilmente a temperature inferiori ai 15°, per questo motivo è coltivata, in Italia, soprattutto in Liguria e Sicilia. Grazie alle grandi foglie verdi e ai meravigliosi fiori rossi, questa pianta è diventata presto un simbolo e un dono gradito. Nel periodo invernale la Euphorbia produce fiori di colore giallo. Le parti rosse tanto caratteristiche? Si tratta di foglie così colorate a causa del particolare periodo dell'anno e della stagione. L'Euphorbia, come detto sopra, possiede particolari brattee (sono esattamente delle false foglie). Queste foglie sono collocate alla cima dei rami, possono variare il colore in prossimità della fioritura della pianta e la coronano con piccoli fiori gialli. Gli steli sono piuttosto delicati e cavi: in caso di rottura possono far uscire un lattice bianco, molto caustico e velenoso qualora fosse ingerito.
La Poinsettia

Il Kit Fiori Gourmet di Plant Theatre – 6 varietà di fiori commestibili da coltivare – regalo ottimale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


La stella di natale: tecniche colturali specifiche

La coltivazione della stella di natale L'euphorbia pulcherrima vive al meglio ad una temperatura compresa tra i 14 e i 22 gradi, le esatte condizioni che si possono trovare in ogni appartamento durante l'inverno. Qui può sopportare le condizioni di caldo secco tipicamente presente nelle nostre case. Possono, invece, risultare fatali le improvvise gelate, perciò, solo nel clima temperato del Sud Italia è possibile tenere la Poinsettia all'esterno: ad esempio in un giardino riparato e ben esposto. Differente questione durante l’estate: è possibile portare la pianta all’aperto, specialmente in posizione di mezzombra e preferibilmente sotto il sole del mattino. Attenzione, può essere affaticata dall'aria troppo ferma e dunque sarà importante arieggiare il più possibile la stanza dove è posizionata sempre facendo attenzione alle correnti di aria fredda. Un altro dato da tenere ben presente riguarda l'apparato radicale. Le radici sono molto sviluppate. Questo significa la necessità di un terriccio sempre umido, ma mai fradicio. Vediamo ora come è possibile realizzare la potatura della pianta.

  • Stella di Natale La stella di Natale, detta anche poinsettia, è un arbusto originario del Messico, dove si sviluppa abbondantemente allo stato selvatico, fino a raggiungere dimensioni cospicue, intorno ai 2-3 metri di...
  • Stella di Natale Sono una delle piante più tipiche utilizzate per il Natale, anche se non molti sanno che vengono da lontano; la stella di Natale, anche conosciuta come Poinsettia, è una pianta di origini Messicane, i...
  • Stella di Natale La chiamiamo Stella di Natale, anche se in realtà si tratta di un arbusto di origine centro americana, che riscuote grande successo sotto le feste natalizie da alcun decenni, perchè è una bellissima p...
  • stella di natale La mia Stella di Natale, tenuta in casa vicino alla finestra e bagnata quanto basta per mantenere il terreno umido, sta rapidamente perdendo foglie e brattee. Cosa devo fare per farla durare a lungo? ...

Il Kit Fiori Gourmet di Plant Theatre – 6 varietà di fiori commestibili da coltivare – regalo ottimale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Cura e potatura della stella di natale

La potatura della stella di natale Finito il periodo delle feste, molto probabilmente la vostra pianta sfiorirà e le bellissime foglie rosse si seccheranno. Non buttatela! Come abbiamo spiegato, ciò è parte del normale ciclo biologico. Come intervenire per realizzare una perfetta potatura? Si possono potare gli steli a dieci centimetri dalla base e posizionare la pianta in un luogo della casa molto illuminato avendo tuttavia l'accortezza di evitare l'esposizione diretta ai raggi solari. Un'altra raccomandazione riguarda l'umidità: cercate di mantenere il terriccio asciutto. Si faccia particolare attenzione: nel corso della potatura è possibile che dalle parti tagliate fuoriesca il lattice urticante. Con l'arrivo della stagione calda si potrà procedere al rinvaso della pianta, magari utilizzando un vaso maggiorato rispetto a quello di partenza: questo consentirà lo sviluppo rigoglioso della pianta. Con la stagione autunnale e i primi freddi sarà necessario spostare il vaso nuovamente al riparto ma soprattutto posizionare l'euphorbia di natale in un luogo buio per almeno 15 ore al giorno. In questo modo sarà possibile ottenere una nuova meravigliosa fioritura!


Stella di natale potatura: La tradizione della stella di natale: un'invenzione recente

L'Euphorbia: spirito delle feste! L’Euphorbia pulcherrima prende il nome da Jr Poinsett, ed è stato introdotto nei primi anni del XIX secolo. Da sempre popolare, il commercio Poinsettia oggi è un business multi-milionario, con piante vendute ovunque: dai fioristi e vivai a supermercati perfino nei negozi di alimentari. Le stelle di natale, naturalmente, sono sempre selezionate e vengono coltivate in modo da avere numerose e grandi brattee. Le Mikkelsen (specie particolare di Euphorbia) sono state introdotte nei primi anni Sessanta. Sono meglio adattate alla cultura in serra e possiedono grandi fiori. I coltivatori commerciali, in genere, si sforzano di limitare l'altezza delle piante per evitare di ottenere esemplari troppo pesanti. Questo può essere realizzato attraverso diverse tecniche, ma, più comunemente, le piante sono spruzzate con un particolare agente chimico. Albert Ecke emigrato dalla Germania a Los Angeles nel 1900, aprì una serra nella zona di Eagle Rock, California. Egli venne incuriosito dalla pianta e vendette le prime in una piccola bancherella da strada. E' alla terza generazione di Eckes, Paul Ecke Jr. che dobbiamo l'associazione tra la pianta e il Natale.



COMMENTI SULL' ARTICOLO