Corbezzolo pianta

vedi anche: Trova piante

La pianta del corbezzolo - Storia e curiosità

Il nome scientifico della pianta di corbezzolo, Arbutus unedo, deriva dal latino "unum edo" ovvero "ne mangio uno solo", a indicare che sin dall'antichità era nota la necessità di consumare i suoi frutti con moderazione; infatti, mangiare quantità eccessive di frutti della pianta di corbezzolo può creare problemi gastrointestinali. Ottimi, invece, risultano la marmellata e il miele ricavato dai fiori, vera e propria specialità della Sardegna, regione dove questo arbusto prospera. Oltre a rappresentare l'ospitalità, la pianta del corbezzolo è al centro di una leggenda patriottica: sembra, infatti, che questo arbusto venne adottato dai patrioti italiani come simbolo del risorgimento, per la simultanea presenza sulla pianta di foglie verdi, frutti rossi e fiori bianchi, e che proprio i suoi colori abbiano poi ispirato la bandiera italiana.
La pianta del corbezzolo

1 Pianta di Corbezzolo Arbutus Unedo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,5€


Coltivazione corbezzolo

Giovani piante di corbezzolo Sebbene la pianta resista a basse temperature (-5/-8°C), rimane pur sempre un arbusto mediterraneo, che ama una posizione ben soleggiata e che, nei climi più rigidi, d'inverno necessita di una copertura in tessuto non tessuto e di un riparo dai venti freddi. Per quanto riguarda il terreno, la scelta migliore è un suolo neutro o acidulo, purché ben drenato - si consiglia di posizionare del ghiaietto sul fondo della buca, allo scopo di evitare pericolosi ristagni d'acqua. La pianta richiede scarsa manutenzione: spazio sufficiente per le radici, innaffiature regolari (soprattutto le piante giovani) e una buona concimazione in primavera. La moltiplicazione avviene per semina e per talea - i semi devono essere piantati alla fine dell'inverno in un composto di sabbia e torba, mentre le talee devono essere tagliate in inverno e le piantine così ottenute trapiantate in terra piena dopo due anni.

  • Corbezzolo Albero o arbusto sempreverde originario dell'Irlanda e dei paesi che si affacciano sul mediterraneo, che può raggiungere i 9-10 metri di altezza, ma che più comunemente rimane di dimensioni intorno ai...
  • Corbezzolo Il corbezzolo, il cui nome latino è arbutus unedo, è un elegante arbusto di dimensioni medio grandi, con sviluppo abbastanza disordinato, sempreverde; è molto apprezzato nei giardini grazie al fogliam...
  • corbezzolo Nome: Arbustus unedo L.Raccolta: Le foglie da maggio ad agosto; la corteccia nei mesi successivi.Proprietà: Diuretico, antinfiammatorio, depurativo, antisettico.Famiglia: Ericacee.Nomi...
  • corbezzolo Anche chiamato ceraso marino o albatro. Il nome botanico, Arbutus unedo (= ne mangio uno solo), gli fu assegnato da Plinio il Vecchio, facendo una chiara allusione alla scarsa gustosità dei suoi frutt...

PIANTA DI CORBEZZOLO, ARBUTUS UNEDO, FRUTTI CORBEZZOLI, PIANTE, FRUTTA V.18

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€


Utilizzo della pianta

Il frutto del corbezzolo Come già accennato, oltre che a fini ornamentali, il corbezzolo può essere coltivato per i suoi frutti, dal sapore piacevolmente acidulo, che devono però essere consumati con moderazione: il frutto contiene infatti molti tannini, che possono provocare diversi disturbi gastrointestinali, soprattutto nei soggetti più sensibili a tali sostanze. Dai fiori della pianta si ricava un miele dal caratteristico sapore particolare, non eccessivamente dolce, che risulta ottimo abbinato a pane tostato o formaggi stagionati. Zone d'elezione per la produzione del miele di corbezzolo sono la Toscana e la Sardegna, dove questa pianta cresce prosperosa. Infine, le foglie e la corteccia sono anch'esse ricche di tannini e vengono impiegate nella concia delle pelli.


Corbezzolo pianta: Proprietà del corbezzolo

Disegno di foglie, fiori e frutti del corbezzolo La pianta è ricca di numerose proprietà balsamiche, concentrate nelle foglie, soprattutto quelle dei rami più giovani. Le foglie devono essere raccolte d'estate, essiccate in ambiente buio e caldo e poi conservate al buio in sacchetti di carta. Con esse si possono preparare decotti, infusi e tisane. Grazie all'alto contenuto di derivati fenolici, le preparazioni dalla pianta di corbezzolo possiedono proprietà antisettiche, antinfiammatorie e depurative. In particolare, l'infuso di foglie viene impiegato in erboristeria per la cura delle affezioni delle vie urinarie, dei reni e nei casi di febbre e diarrea; il decotto (sempre di foglie) viene utilizzato come tonico astringente per la pelle e il decotto della radice può essere impiegato per la cura dell'arteriosclerosi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO