Ibisco rosso

Ibisco rosso: caratteristiche generali

L’ibisco rosso appartiene alla famiglia delle Malvacee ed è originario delle isole del Pacifico e dell’Asia. È un sempreverde e come si può capire dal suo nome, le infiorescenze sono di colore rosso. Ciò che rende queste ultime speciali è la zona in cui si formano (in cima ai rami o tra le "ascelle" delle foglie) e la loro dimensione imbutiforme. Possono inoltre essere doppi, plurimi o semplici, il calice di ogni fiore è costituito da 5 sepali e nella corolla sono presenti 5 petali (nel caso dei fiori semplici). La colonna staminale ha 5 pistilli, è più lunga della corolla e sopra di essa si trovano degli stami. L’Ibisco può essere coltivato sia in giardino ma si può trovare come decorazione dell’ambiente urbano perché resiste agli ossidi di azoto, all’anidride solforosa ma anche agli agenti atmosferici.
Fiore di Ibisco rosso.

Fiori d'ibisco secchi, Bissap Karkadè 1 kg Biologico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,9€


Coltivazione

Ibisco rosso in vaso. L’Ibisco, come le altre specie di Hibiscus, sono delle piante che risultano molto versatili perché possono essere messe a dimora sia in vasi da posizionare all’interno dell’abitazione e sia dimorati nel proprio giardino. In quest’ultimo caso, occorre solo fare attenzione che ci siano le giuste condizioni climatiche atte allo sviluppo della pianta. Se si coltiva all’interno dell’abitazione, occorre disporre l’Ibisco in un ambiente luminoso, al riparo da correnti d’aria e in estate, occorre fare in modo che non si superino i 25 °C. Se invece si coltiva in giardino, occorre fare in modo che si ambienti gradualmente a questo tipo di clima. Prima si posiziona in un luogo ombreggiato poi, dopo qualche giorno si mette la mattina, al sole e, si riporta all’ombra durante le ore di punta. Passati dieci giorni si può lasciare in una posizione fissa.

  • Conoscere il significato ed il linguaggio dei fiori è di fondamentale importanza per non fare brutte figure e per non sbagliare mai tipo di fiori in ogni occasione. Scopri quale fiore regalare a secon...
  • Dieffenbachia genere appartenente alla famiglia delle araceae, che comprende 30 specie di piante perenni sempreverdi con un fusto robusto e foglie molto grandi, e oblunghe.Anche se è originaria dell'America cent...
  • Anthurium andreanum Gli anthurium sono tra le piate più coltivate in appartamento, appartengono alla famiglia della aracee, come ad esempio le comuni calle bianche da giardino; le somiglianze tra i due generi sono molto ...
  • columnea Questo genere raggruppa circa 150 specie di piante erbacee perenni epifite sempreverdi, originarie dell'America centrale e meridionale. Le specie più coltivate hanno portamento ricadente o rampicante;...

XX&GXM 2017 nuovo  Comfort classico di fiori di ibisco squisita high-end di tavolino igienico tabella runner 33*200cm , 33*200cm(Cucina di casa, regali, San Valentino, Mardi Gras)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32€


Ibisco rosso: moltiplicazione

Dettaglio fiore Ibisco rosso. L’Ibisco rosso è un fiore che si moltiplica per talea legnosa, pratica da attuare tra aprile e agosto. Occorre togliere un germoglio in salute dalla pianta madre, con base un pezzetto di legno creatosi l’anno precedente. Quest’ultima, per agevolare la formazione delle radici, deve essere immersa nella polvere rizogena. A questo punto occorre piantare il germoglio in un contenitore contenente perlite (meglio nota come sabbia di fiume) e terriccio fertile. In seguito si ricopre con della plastica trasparente fissata a dei bastoncini, in modo tale da non soffocare il germoglio. Per quanto riguarda la posizione che la cassetta deve tenere fino alla formazione delle radici, è quella di esposizione alla luce solare non diretta e a una temperatura di circa 21 °C. Ogni giorno si alza la pellicola per controllare il livello di umidità del terriccio, eliminando eventuali condense. Raggiunti i 3 mesi circa, le radici si saranno formate e i germogli saranno trasferiti in vasi di circa 10 centimetri.


Ibisco rosso: malattie e parassiti

Parassiti Ibisco rosso. Questa pianta, come molte altre varietà appartenenti a questa specie, possono essere attaccati da fitofagi come acari, cocciniglie, afidi etc. Nel caso esse subiscano attacchi da questi parassiti, è bene non usare gli stessi pesticidi per le piante dimorate in giardino e per quelle messe all’interno dell’abitazione. Riguardo quelle presenti in giardino, è bene coprire il vaso con della plastica e lavare la pianta con getti d’acqua, eliminando polvere ed eventuali insetti. Fare molta attenzione alla crescita delle foglie, dei fiori e ai colori da essi assunti. Nel caso in cui le foglie nascano normalmente ma, non ci sono fiori, può significare una concimazione eccessiva. In questo caso basta sospenderle per 2 mesi massimo e riprenderle con dosi inferiori. La presenza di macchie nella parte inferiore della foglia, denota la presenza di cocciniglia. In questo caso, basta eliminare i parassiti con un batuffolo di cotone imbevuto nell’alcool e, dopo lavare la pianta. Oltre a questi parassiti, occorre fare molta attenzione ai pidocchi e al ragnetto rosso (per eliminarli basta nebulizzare la chioma).



Guarda il Video
  • ibisco Arbusto a foglie caduche, originario dell’Asia, molto diffuso in coltivazione come pianta ornamentale, nei giardini e co
    visita : ibisco
  • ibisco fiore Buongiorno, circa 1 mese fa ho comperato un bellissimo ibisco rosso,da un paio di giorni cadono i fiori ancora in bocci
    visita : ibisco fiore
  • ibisco rosso L’Ibisco è una pianta molto bella che dona ai giardini ed alle nostre case una sorta di allegria e felicità grazie ai su
    visita : ibisco rosso

COMMENTI SULL' ARTICOLO