Pitosforo nano

Pitosforo nano: caratteristiche generali

Il pitosforo nano, noto anche sotto il nome di Pittosporum tobira nanum, è un piccolo arbusto sempreverde dalla forma rotonda e a cespuglio. È una pianta originaria della Cina, Taiwan e del Giappone. È costituita da foglie verdi, a crescita lenta, lucide e dalla forma allungata; le infiorescenze variano dal bianco al giallo panna e profumano d’arancio. Il pitosforo nano ha bisogno di un terriccio ben drenato, si può mettere a dimora in giardini rocciosi, in vasi o in cassette. Le sue dimensioni massime raggiungono 1 metro circa d’altezza e 1,5 metri circa di larghezza. Per quanto riguarda il clima, esso può essere messo a dimora sia in zone semiombreggiate ma anche esposto ai raggi solari diretti; preferisce climi temperati, anche se resiste alla siccità e alle basse temperature (-10 °C e -5 °C).
Pitosforo nano in vaso.

Vivai Le Georgiche PITTOSPORUM TENUIFOLIUM VARIEGATUM (PITTOSPORO O PITOSFORO)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


Pitosforo nano: coltivazione

Dettaglio foglie di pitosforo nano. Il pitosforo nano, come affermato in precedenza, può essere messo a dimora sia in luoghi esposti alla luce diretta del sole o nella penombra. È in grado di sopportare la siccità, l’aria di mare ma, non ama il vento. Durante la primavera e l’estate, deve essere annaffiato con una certa regolarità in modo tale da avere un fogliame folto e permettere la nascita d’infiorescenze ricche. Il terriccio da utilizzare per avere delle piante sempre sane, deve essere a base di torba, terra da giardino e di sabbia, in modo tale da permettere un ottimo drenaggio ed evitare quindi il ristagno d’acqua. Il pitosforo adora gli ambienti esterni a clima mite mentre, nei luoghi con clima rigido è conveniente posizionare la pianta in una serra fredda.

  • piante da giardino In questa sezione parliamo di arbusti.Una raccolta di schede dettagliate sulle diverse specie coltivate nei nostri giardini.I consigli per una giusta scelta in base alle esigenze della vostra aiuo...
  • schefflera Le schefflere sono grandi arbusti o piccoli alberi di origine tropicale, appartenenti alla famiglia delle araliacee, molto utilizzati in Italia come piante da appartamento, a causa del loro fogliame m...
  • Cornycarpus laevigata Il Corynocarpus laevigata o corinocarpo è una pianta sempreverde originaria della Nuova Zelanda; in natura è un piccolo albero, che raggiunge i 7-8 metri di altezza, in contenitore si mantiene al di s...
  • Cordyline australis Al genere Cordyline australis o Cordilinea appartengono circa venti specie di arbusti o piccoli alberi sempreverdi, diffusi in Asia, in Australia ed in Sud America, oltre a numerose cultivar. Queste p...

3 PIANTE DI DIPLADENIA ROSA VASO 14CM SEMPREVERDI E RAMPICANTI MANDEVILLA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,5€


Pitosforo nano: moltiplicazione e potatura

Pitosforo nano. La moltiplicazione del pitosforo nano può avvenire mediante semina, talea o margotta. Per quanto riguarda la talea, occorre utilizzare rami con dimensioni di circa 8/10 centimetri tagliati tra maggio e giugno. Si prosegue con il loro posizionamento in cassette da moltiplicazione ed esposte a temperature comprese tra i 16 °C e i 18 °C. nel momento in cui si formano le radici, si procede con il mettere a dimora la pianta figlia, in vasi di 8 cm e usando lo stesso terriccio della pianta madre. In inverno si lasciano nella serra fredda e tra maggio e giugno potranno essere messi in giardino. Per quanto riguarda la semina occorre: pulire bene i semi e metterli in cassette all’interno di serre fredde; dopo 3/4 anni possono essere messi a dimora in giardino. La potatura avviene in aprile in modo da tenere una forma armoniosa e agevolare una sana crescita della pianta.


Pitosforo nano: parassiti e malattie.

pitosforo malato Il pitosforo nano, come altre piante, può essere attaccato dagli afidi, dalle cocciniglie cotonose e da quelle brune. Le cocciniglie cotonose aggrediscono le piante dimorate in climi caldi e secchi. Dopo averle asportate manualmente, si tratta la pianta con un anticoccidico e si vaporizza la chioma con dell’acqua in modo tale da incrementare il livello di umidità. Se non si vuole utilizzare un prodotto chimico, è possibile eliminare la cocciniglia con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool e acqua. Le cocciniglie brune invece, ricoprono la pianta di escrescenze scure e di una sostanza zuccherina appiccicosa. Anche in questo caso occorre eliminarle manualmente dalla pianta, utilizzando del cotone imbevuto in acqua e alcool. Gli afidi aggrediscono i fiori e le foglie. Esse traggono nutrimento succhiando da essi la linfa e rendendo la pianta appiccicosa. Per eliminarli basta lavare la pianta e usare un insetticida specifico per gli afidi.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO