Gelsomino giallo

Il gelsomino giallo - generalità

Nel linguaggio dei fiori, il gelsomino giallo indica gentilezza ed eleganza. In effetti, anche se piccoli e poco appariscenti, i fiori di questo arbusto risaltano per il colore splendente e l'insolita stagione di fioritura. Il gelsomino giallo fu scoperto in Cina e introdotto in Europa intorno alla metà del 1800 da un botanico scozzese; da allora, la sua popolarità e diffusione sono cresciute grazie alla sua resistenza ai climi freddi e alla sua rusticità, che gli permette di crescere con pochissime cure. La sua natura versatile consente di impiegarlo per bordare aiuole, come tappezzante, o di utilizzarlo per ricoprire muri o spallette - in questo caso si dovrà fornire alla pianta un supporto. Le piccole foglie lucide compaiono in primavera, dopo la fioritura, riunite in ciuffi di tre foglioline.
Fiori di gelsomino giallo

Gelsomino-Star of Toscane/Stella di Toscana (Pianta sempreverde) - Vaso 1,5 litro (Pianta rampicante - Gelsomino - Pianta adulta) - Muri e recinzioni, Pergola, Balconi e terrazze | ClematisOnline - clematidi e rampicanti più economiche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,95€


Coltivazione

Gelsomino giallo Questa pianta è considerata un arbusto rustico, che richiede poche cure e si ambienta bene in tutti i climi non richiedendo particolari attenzioni. Relativamente al suolo, questa pianta si adatta a qualsiasi terreno, anche povero di materia organica; l'arbusto appena piantato necessita di innaffiature regolari, in modo che le sue radici attecchiscano e si sviluppino con facilità; successivamente, si accontenterà dell'acqua piovana. Se posta in posizione soleggiata, la pianta regalerà ricche fioriture, mentre in ombra si svilupperanno maggiormente le foglie. Inoltre, la particolare resistenza allo smog e la capacità di ridurre l'inquinamento acustico, grazie al fitto fogliame che costituisce una barriera contro i rumori esterni, rendono il fiore ideale per balconi e terrazzi cittadini. Risulta ottimo quindi per dare vivacità e colore alle nostre case e portare un po di verde anche in città!

  • Jasminum nudiflorum Siamo abituati a pensare al gelsomino come ad un rampicante con i fiori candidi, profumati; in realtà al genere jasminum appartengono decine di piante, molte delle quali producono fiori di colore gial...
  • pianta da appartamento Nel periodo invernale le piante da interno e da esterno, subiscono dei cambiamenti fisiologici per adattarsi ai cambiamenti climatici. Infatti, come ben sappiamo, le piante per crescere e svilupparsi ...
  • coltivazione Le soluzioni possibili sono molte. Recentemente si è di molto diffuso l'utilizzo del c.d. tessuto non tessuto, un materiale in fibra sintetica molto leggero ed economico da appoggiare direttamente sug...
  • fiori invernali Nei mesi di gennaio e febbraio, quando l'inverno non sembra finire mai, e la primavera è ancora un sogno che ci accompagna nelle notti più fredde, possiamo riscaldarci lo sguardo scegliendo per il gia...

AmgateEu graticcio per piante, in rete di supporto per piante rampicanti, vite e Veggie Griglia rete

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,9€


Potatura e riproduzione

Piantine di gelsomino giallo La potatura della pianta andrà eseguita alla fine della fioritura, nei mesi tra marzo ad aprile, prima che sui rami spuntino le foglie. Leggere potature annuali eviteranno che i rami crescano eccessivamente disordinati e contribuiranno allo sviluppo di una quantità maggiore di foglie. Per favorire la cicatrizzazione e, contemporaneamente, evitare le infestazioni, questa operazione dovrà essere eseguita con forbici apposite e affilatissime, con le quali si effettueranno tagli obliqui e netti. Per quanto riguarda la riproduzione, essa avviene per talee, di circa 10-15 cm, da prelevare in autunno e mettere a radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali. Le piantine così ottenute dovranno essere tenute al riparo per 2 anni e successivamente trapiantate per facilitare loro la crescita.


Gelsomino giallo: Parassiti e malattie

Cocciniglia farinosa Il gelsomino giallo è esposto agli attacchi di due fra i più comuni parassiti delle piante: gli afidi e la cocciniglia. Afidi: vivono in colonie che si ingrandiscono velocemente, succhiando la linfa della pianta che, di conseguenza, deperisce. Una pianta infestata da questi parassiti presenta, sul lato inferiore delle foglie, grappoli di piccoli insetti mobili, biancastri o giallognoli. Si combattono con specifici trattamenti antiparassitari. Cocciniglie: anche questi insetti si nutrono della linfa della pianta; la loro presenza è rivelata da macchie biancastre sulla parte inferiore delle foglie, che si seccano, si accartocciano e cadono. Se l'infestazione è contenuta, le cocciniglie si possono rimuovere con un batuffolo di cotone imbevuto di alcol; nel caso in cui, invece, l'invasione sia estesa, occorrerà ricorrere agli antiparassitari.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO