Giuggiole

Quanto annaffiare

L’annaffiatura dell'albero delle giuggiole deve essere effettuata per le piantine giovani e non per quelle adulte che prediligono terreni asciutti. Quindi l’innaffiatura del giuggiolo si deve eseguire nei mesi più caldi e quando mancano le precipitazioni. Questa pianta da frutto si adatta a tanti tipi di terreno; è resistente infatti anche al terreno calcareo e compatto o sassoso e povero. Per ottenere però dei buoni risultati si consiglia una terra ricca di sostanze organiche e ben drenata. Il giuggiolo è abbastanza diffuso in Italia, ma cresce di solito spontaneamente e sono poche le varietà che si conoscono, le quali variano per forma e dimensione dei frutti. Questi ultimi sono le famose giuggiole che all'inizio della maturazione si presentano verdi, poi sempre più rosse. Il loro interno giallo verde è dolce e leggermente acidulo, ma quando sono troppo mature si raggrinziscono esternamente e acquistano un elevato contenuto zuccherino.
Albero giuggiole

10pcs vegetali casa bonsai semi di giuggiola, semi di alberi da frutto perenne

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Coltivazione

Giuggiolo La pianta delle giuggiole non ha bisogno di molte cure, ma l’impianto dei polloni delle radici e degli astoni si deve effettuare in inverno nelle zone dal clima mite e in autunno se le temperature sono più basse. Il giuggiolo comunque si riproduce anche con l'innesto, da fare in inverno o in estate e considerando le dimensioni della pianta che si vuole ottenere e il tipo di terreno. Tuttavia, questa pianta si può moltiplicare anche con seme o per talea. Infatti, se si vuole effettuare la produzione del giuggiolo con il seme bisogna conservarlo al caldo per tre mesi e poi al freddo per ulteriori tre mesi, nell'umidità della sabbia. La germinanazione avverrà in primavera. Per ciò che riguarda la tecnica della talea, bisogna prelevarla da novembre a gennaio, tagliando una parte di ramo dove c'è una gemma. Togliere le foglie nella parte inferiore e posizionare il ramoscello in un contenitore con terriccio leggero.

  • ribes Insieme a ribes sativum, a frutto bianco, e a R. nigrum, a frutto nero-violaceo, questo arbusto a foglia caduca, di dimensioni vicine ai 120-150 cm, è diffuso in Europa, nell'America settentrionale e ...
  • Tralci vite Il vino è sicuramente un componente immancabile sulle tavole di tutti noi, essendo notoriamente il simbolo della compagnia, oltre che la bevanda ideale da servire insieme ad una vasta gamma di pietanz...
  • Albero Nocciolo Proprio come avviene per qualsiasi altra tipologia di pianta, anche il Nocciolo ha le sue specifiche necessità per quanto riguarda le annaffiature. Queste devono essere ben differenziate a seconda del...
  • Frutti cachi albero La pianta di Cachi non ha particolari esigenze per quanto concerne la necessità, o meno, di essere annaffiata. Si tratta, infatti, di una pianta relativamente resistente alle condizioni del clima più ...

semi di giuggiola semi di spinaci giuggiola ago Ge con alberi da frutto di circa 20 semi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Come concimare

Frutto giuggiola L'albero delle giuggiole gradisce un terreno drenato e concimato nei mesi autunnali con delle sostanze organiche, mentre tutti gli anni è bene apportare alla pianta del concime complesso verso la fine dell'inverno. Si utilizza di solito del fertilizzante animale fatto riposare almeno per 9 mesi. Le prime potature si possono effettuare da quando il giuggiolo viene messo a dimora e seguendo la forma che si vuol dare alla pianta contenendo la chioma e togliendo i rami vecchi o malati. La raccolta delle giuggiole si effettua in autunno, ma si può svolgere in periodi diversi in relazione alla maturazione graduale dei frutti; infatti gli stessi maturano in settembre e sono commestibili sia da verdi o acerbi che da rossi e dolcissimi. Le giuggiole infatti sono piccole, profumate e dal sapore particolare; vengono coltivate anche in vivaio per produrre la varietà più grande che assomiglia ad una mela per la sua polpa interna.


Giuggiole: Esposizione e malattie

Giuggiole acerbe Dove posizionare il grazioso albero delle giuggiole? Sicuramente è meglio optare per un posto soleggiato, ma se il luogo ha temperature rigide e venti frequenti bisogna coltivare il giuggiolo in una zona riparata. La pianta è comunque rustica e resistente, in quanto in inverno supera temperature molto basse, anche se non sopporta le gelate e il freddo inaspettato dell'autunno. Alla fine, è bene tenere questa pianta in un clima temperato anche se verrà attaccata da qualche parassita e malattia come l'antracnosi, la muffa grigia e la ruggine oppure la mosca della frutta, la cydia molesta e la carpomya incompleta. Il giuggiolo però non ama nemmeno il terreno troppo acido e umido in quanto in condizioni simili non si sviluppa bene e quindi produce pochi frutti che sono sempre stati utilizzati in erboristeria e in medicina, oltre che per la produzione di vini e liquori, come il noto "brodo di giuggiole".


  • giuggiola frutto Il giuggiolo è una pianta da frutto che fa parte della famiglia delle Rhamnacee. Si tratta di una pianta che proviene d
    visita : giuggiola frutto

COMMENTI SULL' ARTICOLO