Calathea

Quanto e come irrigare la calathea

La calathea, altrimenti conosciuta anche come "calatea", ha origini tropicali, motivazione per la quale l'umidità dell'ambiente che la circonda ricopre un'importanza fondamentale nella sua coltivazione. I terreni vanno controllati spessissimo. Bisogna assolutamente evitare che siano asciutti per troppo tempo. Conseguentemente, le annaffiature devono avvenire in maniera abbastanza regolare prevedendo quantità idriche rilevanti in primavera ed estate e dosi drasticamente diminuite in inverno. I substrati non devono comunque mai risultare inzuppati eccessivamente. Questo avviene perché la pianta teme moltissimo i ristagni idrici che possono causare gravissime malattie o portare alla sua morte mediante il marcimento della radice. Essendo l'umidità ambientale importantissima, è fondamentale nebulizzare la calathea relativamente spesso.
Pianta di calathea

Shadowplant with unusual leafpatterns - Calathea Dottie - 14cm pot - 45-50cm tall

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€


La coltivazione e la cura della calathea

Pianta di calathea fiorita La coltivazione della calathea è realmente abbastanza complicata, dato che si tratta di una pianta delicatissima. I terricci devono essere ricchi e leggeri. A questi è necessario aggiungere pochissima pietra pomice al fine di renderli più drenanti. E' consigliabile posizionare il vaso su ciottoli di argilla espansa sempre ben bagnati in modo che le radici possano beneficiare di un terreno sempre leggermente umido. Allo stesso tempo, l'evaporazione contribuisce in maniera non indifferente alla corretta umidità ambientale che è costantemente adeguata. Le foglie secche vanno periodicamente eliminate, estirpandole alla base. La pulizia delle foglie è importantissima e da eseguire con un panno in microfibra. Ogni 2-3 anni occorre procedere alla rinvasatura perché le radici necessitano di moltissimo spazio.

  • Calathea makoyana La calathea (comunemente detta calatea) è una pianta tropicale, originaria dell’America meridionale, diffusa in natura anche in alcune zone dell’Asia; in natura queste piante si sviluppano come sottob...
  • calathea crocata I fiori che si sono seccati vanno recisi? se si a che distanza dalle foglie.? grazie...
  • schefflera Le schefflere sono grandi arbusti o piccoli alberi di origine tropicale, appartenenti alla famiglia delle araliacee, molto utilizzati in Italia come piante da appartamento, a causa del loro fogliame m...
  • Cornycarpus laevigata Il Corynocarpus laevigata o corinocarpo è una pianta sempreverde originaria della Nuova Zelanda; in natura è un piccolo albero, che raggiunge i 7-8 metri di altezza, in contenitore si mantiene al di s...

50 Pezzi / Bag Rare Calathea Semi aria per rinfrescare le piante Ice Cream Fiori Office Desk Bonsai per Flower Pot Fioriere

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Come e quanto concimare correttamente la calathea

Piante di calathea all'esterno La concimazione è un'operazione importantissima nella coltivazione della calathea. Questa deve essere attuata differentemente in base al periodo dell'anno in cui ci si trova e, conseguentemente, alla fase vegetativa della pianta. Durante i mesi di maggiore vigore della calathea (corrispondenti normalmente ai mesi compresi tra aprile e settembre) occorre procedere con una concimazione 2 volte al mese. Il fertilizzante ideale deve essere liquido, da diluire secondo le dosi indicate sulle confezioni, direttamente con l'acqua utilizzata per l'irrigazione. In inverno, la concimazione può avvenire semplicemente una volta al mese. Gli elementi assolutamente indispensabili sono l'azoto, il fosforo e il potassio, anche se immancabili devono risultare anche il ferro e il rame. Particolarmente l'azoto favorisce le parti verdi della pianta.


Calathea: L'esposizione ideale e le possibili malattie della calathea

Diverse tipologie di calathea La calathea viene coltivata in vaso generalmente dentro casa in luoghi abbastanza luminosi (anche se non eccessivamente). Se strettamente necessario la calathea può trovarsi anche all'ombra, ma in questa situazione le foglie risulteranno visibilmente meno brillanti. Importantissima la non esposizione ai raggi solari diretti. La calathea è una pianta delicatissima e per questo colpita frequentemente da malattie e parassiti. Tra questi ultimi, i più devastanti sono la cosiddetta "cocciniglia farinosa" e il "ragno rosso". Questi vanno trattati con appositi antiparassitari. Alcuni metodi di coltivazione errati possono portare problemi. Ad esempio, un'eccessiva luce fa accartocciare le foglie, così come un ambiente secco o una concimazione errata causano rispettivamente foglie secche ai bordi e spente. Necessari un aumento dell'umidità ambientale e una riconcimazione.


  • calathea La Calathea è una pianta di appartamento molto ricercata a causa della sua bellezza dovuta dalle foglie grandi, colorate
    visita : calathea

COMMENTI SULL' ARTICOLO