Posa struttura giardino verticale

vedi anche: giardino

Posa struttura giardino verticale

La posa della struttura principale e la sua realizzazione dipenderanno in gran parte dalle caratteristiche della pianta scelta per ricoprirla: infatti a seconda della sua modalità di ancoraggio e di crescita ci sarà bisogno di una conformazione geometrica particolare. Se si tratta infatti di specie volubili andremo a posizionare in verticale alcuni cavi metallici tesi, che all'occorrenza intersecheremo con legacci che, almeno in una fase iniziale devino la pianta anche in direttrici orizzontali. Posizionate i supporti verticali alla distanza di 20-40 cm tra di loro, tenendo sempre conto dello sviluppo della pianta: se cresce vigorosamente separate i montanti anche di 80 cm. Per quanto riguarda invece le piante che crescono grazie a viticci o in maniera intrecciata, si dovranno utilizzare supporti che prevedano sia uno sviluppo verticale sia uno orizzontale: potrete ottenere questo effetto o combinando cavi tesati oppure mediante l'impiego di strutture metalliche o grigliate: potete impiegare i materiali più disparati, dalle reti a matrice metallica o polimerica fino a quelle elettrosaldate da cantiere, con una larghezza della maglia che può arrivare fino a 60 cm a seconda del fogliame e della lunghezza dei viticci. Vi sono inoltre in commercio alcuni prodotti specificamente progettati per queste esigenze , che potrete utilizzare e posare secondo le istruzioni fornite sulla confezione. Tra di essi vi sono anche pannelli modulari, solitamente autoportanti che possono essere forniti già con vegetazione oppure da riempire.
Posa struttura giardino verticale

Giardino verticale MH organico per far crescere il en tu parete

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO