Bonsai abete

vedi anche: bonsai

Bonsai abete

L’abete è una conifera sempreverde molto diffusa nelle foreste dell’emisfero settentrionale e spesso utilizzata come albero ornamentale. In natura può raggiungere dimensioni imponenti, ma è frequentemente impiegato anche per la formazione di bonsai.
Bonsai abete

PY Cremagliera del fiore dei bonsai del balcone dell'interno dello scaffale del fiore dello scaffale del fiore mobile di legno solido dello scaffale del fiore

Prezzo: in offerta su Amazon a: 61,14€


CARATTERISTICHE

Bonsai abete La famiglia degli abeti è molto ampia e comprende diversi generi e specie, separabili in Abeis e Picea. Entrambi sono contraddistinti da un fogliame minuto, una silhoutte slanciata e una crescita rapida e regolare del tronco, caratteristiche che li rendono particolarmente adatti alla realizzazione di giardini e boschetti e facilitano la formazione e la modellatura della pianta bonsai. In Italia sono facilmente reperibili bonsai di Abete bianco (Abies alba), che è l’unico Abeis che cresce spontaneamente sul nostro territorio, e l’Abete rosso (Picea abies), tradizionalmente usato come albero di Natale.

L’abete bianco presenta un fusto dritto, una corteccia liscia di colore bianco-argenteo, una cima piatta e una chioma piramidale di colore verde scuro. Gli aghi, sempreverdi e persistenti, sono rigidi e leggermente ristretti alla base, presentano margini lisci e punta arrotondata non pungente, si dispongono a doppio pettine in ramificazioni regolari.

L’Abete rosso è caratterizzato da una corteccia resinosa e sottile dal colore rossastro che diviene bruno-grigiastra negli esemplari adulti, una cima acuta e una chioma conica e stretta, di forma piramidale e colore verde scuro. La ramificazione superiore è ascendente, mentre quella inferiore è orizzontale o pendente; le foglie sono costituite da aghi a sezione quadrangolare, appuntiti.


  • bonsai L’arte bonsai è qualcosa di estremamente antico ed elevato, un’arte che anche nel nostro Paese trova numerosi seguaci e moltissimi appassionati. In questa rubrica di giardinaggio.it interamente dedica...
  • carmona Salve ho ricevuto un bonsai in regalo e vorrei sapere notizie piu particolari rispetto a quello che ho letto sul vostro sito, che ritengo molto molto utile: Posso rivolgermi a voi o all'esperto di com...
  • bonsai Salve!Volevo chiedere una cosa: mi sto appassionando molto ai bonsai, ma è una cosa appena nata e vorrei sapere come si fa a farli, basta prendere delle piante normali o c'è bisogno di piante partic...
  • ficus bonsai SECONDO VOI E' POSSIBILE CREARE DELLE TALEE DA UN'ALTRO BONSAI?...

WETONG Secchiatori a Cricchetto Forbici da Giardino Giappone SK5 Lama Inox Design Ergonomico Potatura per Rami Bonsai Rose Fiori Olivo Siepi Vigna Uva …

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
(Risparmi 7€)


ESPOSIZIONE, ANNAFFIATURA E CONCIMAZIONE

Bonsai abete Nonostante l’Abete sia una specie diffusa nelle zone caratterizzate da un clima rigido, bisogna prestare molta attenzione all’esposizione e alla cura dell’Abete bonsai. Esso necessita di una posizione molto luminosa, per cui viene identificato come bonsai da esterno e richiede l’esposizione all’aria aperta, con qualche fondamentale accorgimento: nei mesi invernali, è bene proteggere la pianta dal gelo, rivestendo il vaso e le radici; all’inizio della primavera è necessario curare particolarmente l’annaffiatura, per evitare lo stress causato dal brusco cambiamento climatico; nei mesi caldi è consigliabile collocare la pianta in una zona ombreggiata e ventilata, per evitare un eccessivo disseccamento del terreno.

Il bonsai Abete non tollera il ristagno dell’acqua, dunque è buona norma attendere che il terreno si asciughi uniformemente tra un'annaffiatura e l'altra. L’operazione va inoltre eseguita lentamente, versando l’acqua direttamente sul terreno senza bagnare la pianta, e la frequenza dell’irrigazione deve variare a seconda della stagione climatica: se d’inverno si preannunciano gelate, è consigliato rimandare l’intervento o effettuarlo nelle ore più calde; nei mesi caldi si deve invece vaporizzare la chioma con acqua distillata ed effettuare frequenti annaffiature, preferibilmente la mattina presto o la sera tardi.

Per ripristinare i nutrienti del terreno e stimolare la radicazione, durante la stagione vegetativa, che va da aprile all’inizio di luglio, è necessario somministrare ogni dieci-quindici giorni del concime liquido organico, diluendolo nell’acqua delle annaffiature.


RINVASO E POTATURA

L’intervento di rinvaso va eseguito all’inizio o al termine della stagione vegetativa, perciò al sopraggiungere della primavera o in autunno inoltrato, ma l’Abete bonsai non ha particolari esigenze di terreno, purché il substrato sia poroso e il terreno sia costituito da torba, sabbia e argilla con prevalenza di sabbia. L’operazione va ripetuta ogni due anni negli esemplari giovani, ogni quattro-cinque anni negli esemplari adulti, ricordandosi di non esporre la pianta al sole subito dopo il rinvaso.

La formazione dell’Abete bonsai va scrupolosamente curata e controllata per evitare lo sviluppo di una ramificazione povera e irregolare. La potatura di formazione va eseguita nel periodo di stasi vegetativa (dall’autunno alla fine dell’inverno), quando la pianta perde meno linfa, cercando di dare al bonsai un profilo triangolare e di sfoltirne uniformemente la chioma. Le ferite più grandi devono essere tempestivamente curate con mastice cicatrizzante, una sostanza che contribuisce anche a creare una barriera ad eventuali parassiti. Durante la stagione vegetativa, per evitare un ammasso confuso di nuovi germogli, è bene applicare un’accurata selezione, alleggerendo le zone troppo folte ed eliminando le gemme rivolte troppo verso l’alto o verso il basso. Durante tutto l’anno è possibile praticare interventi di mantenimento, provvedendo a ripulire la chioma dai rami spezzati.


PATOLOGIE

Bonsai abete L’Abete è una pianta resistente e robusta che viene attaccata raramente da parassiti animali e vegetali, tuttavia il sopraggiungere di patologie è possibile se il bonsai viene trascurato o non curato correttamente. Le malattie più frequenti sono provocate da ruggini, funghi, afidi lanigeri, acari, ragno rosso e cocciniglia, e possono causare l'ingiallimento o la parziale caduta delle foglie. E’ dunque consigliato eseguire un paio di volte all’anno dei trattamenti preventivi, per esempio somministrando del liquido jin o spruzzando olio di pino sul fogliame. All’eventuale sopraggiungere di patologie, è consigliato agire tempestivamente, abbinando all’uso di una soluzione fungicida e germicida la rimozione manuale delle incrostazioni.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO