Fiordaliso

L'habitat del fiordaliso

Il fiordaliso è una pianta erbacea originaria dell'Europa, del Nord America e dell'Asia. Cyanus segetum e Centaurea cyanus sono i nomi scientifici di questa pianta e derivano da due episodi della mitologia romana. Il primo riguarda il mito della dea Flora e di Cyano che venne trovato morto tra i fiordalisi. Il nome di Cyano dà il colore al fiore. Il secondo riguarda il mito del centauro Chirone, per questo il fiore prende il nome di Centaurea. Segetum invece viene dal latino seges che vuol dire campo di grano, luogo dove cresce il fiordaliso. Infatti questo fiore ha bisogno di sole diretto, un terreno morbido e ben drenato e molta acqua. Per un ottimo mantenimento è necessario che venga annaffiato spesso e con regolarità lasciando drenare e asciugare il terreno tra una irrigazione e l'altra. Il fiordaliso deve essere annaffiato tre o quattro volte alla settimana. Si consiglia di fare molta attenzione ad evitare i ristagni di acqua perché potrebbero portare danni alle sue radici.
Campo di fiordalisi

Il cacciatore di stelle e altre fiabe. Ediz. a colori

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,67€
(Risparmi 2,23€)


Come curare il fiordaliso

Coltivare il fiordaliso Ci sono diverse specie di fiordaliso quella più conosciuta è il fiordaliso comune. C'è la Centaura montana tipica delle Alpi oltre i 1900 metri, la Centaura macrocephala o fiordaliso dalla grossa testa e la Centaura moschata o ambretta. Per avere un'ottima crescita di questa pianta in genere si comincia la semina a primavera, a marzo o ad aprile. Per prima cosa si semina in vivaio e successivamente si trapianta. E' consigliabile seminare direttamente il fiordaliso a dimora perché la maggior parte delle volte soffre il trapianto. Per quanto riguarda la semina del fiordaliso in vasi o aiuole una volta scelti recipienti e o gli spazi adeguati vanno come prima cosa posizionati ghiaia o cocci sul fondo per permettere all'acqua di defluire. In seguito va inserito il terriccio morbido e i semi. Per ricreare appieno l'habitat naturale del fiordaliso sarebbe opportuno usare un substrato di tipo siliceo o calcareo con valori nutrizionali piuttosto bassi e pH neutro. La sua fioritura può allungarsi fino ad autunno inoltrato e non ha bisogno di potatura o di ripari particolari.

  • Fiordaliso Il genere Centaurea riunisce circa trecento specie di piante erbacee annuali e perenni originarie dell'Europa, dell'Asia e dell'America settentrionale. Queste piante hanno foglie alterne, solitamente ...
  • fiordaliso Alcuni resti di questo fiore risalgono all’era neolitica, le sue origini sono antichissime. E’ soprannominato “erba degli incantesimi”. Una leggenda racconta che la deaFlora, avendo ritrovato morto ...
  • fiore del fiordaliso Tempo fa era usuale ammirare in un campo di grano tutte le tinte del blu, condensate in solo fiore: il fiordaliso. I suoi petali di un azzurro particolare, vivo, delicato lo facevano apparire di uno s...
  •  fiordaliso Fiori di campo contraddistinti da due strati di steli all’apice, i fiori di fiordaliso amano il sole e non soffrono in maniera particolare il freddo tipico dei mesi invernali. Si tratta, infatti, di u...

Fiordaliso addio... Saggi autobiografici su Firenze

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,63€
(Risparmi 1,03€)


Concimare il fiordaliso

fiore fiordaliso Il fiordaliso è una pianta resistente che crea un ecosistema per insetti come le sirfidi e le coccinelle. Può nascere tra le rocce spontaneamente anche con poca acqua piovana e per questo non ha necessità di particolari concimazioni. Ma se si vuole invece coltivare grandi terreni di fiordaliso la concimazione diventa importante. Proprio nel caso di riempimenti di giardini, aiuole e coltivazioni in terra piena si consiglia di usare del concime liquido per piante da fiore diluito nell'acqua per l'irrigazione almeno una volta al mese. In alternativa si può usare del concime granulare a lenta cessione da distribuire ai piedi delle piante una volta ogni due mesi. E' molto importante per una buona crescita che il concime sia ricco di potassio e fosforo. Se si sceglie di usare dei metodi del tutto naturali si può usare in alternativa del concime stallatico.


Fiordaliso: Le proprietà del fiordaliso

fiordaliso fioriti Il fiordaliso è una pianta davvero resistente alle malattie e ai parassiti. Le possibili cattive condizioni di coltivazione possono favorire l'attacco dei funghi. Infatti questa pianta pur così forte teme l'attacco dell'oidio o mal bianco, un fungo che vive come parassita delle piante. Questo fungo si presenta quando c'è troppa umidità sotto forma di depositi farinosi di color bianco e può far marcire le sue radici. Allo stesso tempo il fiordaliso è una pianta curativa e officinale. Viene utilizzata sia per uso interno che esterno. La pianta è impiegata moltissimo in campo oftalmico come acqua distillata per colliri astringenti e antinfiammatori. Negli stati influenzali i decotti di fiordaliso sono un ottimo rimedio per tosse e raffreddore basta far bollire e macerare qualche fiore in un litro d'acqua. Nei liquori e come vino oltre ad avere un ottimo sapore favorisce la digestione, merito di flavonoidi e antociani. Nella cosmesi il fiordaliso viene usato per borse, occhiaie, rughe e acne. Leviga la pelle ed è utile anche sui capelli contro la forfora.



COMMENTI SULL' ARTICOLO