Innesti vite

vedi anche: Innesto

I vari tipi di innesti della vite

L'innesto consiste nel fissare sul portainnesto una parte della pianta, chiamata marza (se si tratta di una parte di ramo) o scudetto (se si tratta di una gemma), per ottenere un'unica pianta composta, però, da due sezioni diversi. Per questo, gli innesti si distinguono in innesti a marza ed a gemma (o a scudetto). Nella prima categoria, gli innesti della vite più diffusi sono l'innesto a spacco semplice o totale (con marza legnosa, si esegue in campo nel periodo invernale); l'innesto a doppio spacco inglese (con marza legnosa, si esegue al tavolo in inverno); l'innesto per approssimazione (per sostituire piante morte). Tra quelli a gemma, gli innesti della vite sono a gemma dormiente e a gemma vegetante. Nel primo caso, troviamo l'innesto alla maiorchina e l'innesto legnoso erbaceo; nel secondo, invece, sono adatti alla vite l'innesto a T e l'innesto a zufolo.
Innesto a spacco semplice

Forgefix STP18Z - Vite autofilettante a testa tonda con innesto a croce Pozidriv, placcata in zinco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,22€


Gli innesti a doppio spacco, ad incastro ed a omega

Innesto ad omegaGli innesti della vite più diffusi sono quelli a doppio spacco inglese. La tecnica di esecuzione materiale prevede l'impiego di due sezioni, la marza e il portainnesto, di diametro uguale, tagliati con un angolo di 45 gradi in prossimità di un nodo a becco di clarino. Poiché necessita di manodopera specializzata e costosa, è stata introdotta la tecnica dell'innesto a macchina (a incastro semplice, a omega, a doppio spacco), che comporta maggiore velocità di lavoro senza che la percentuale di attecchimento ne risenta. Altri innesti della vite particolarmente usati sono quelli a incastro ed a omega, in quanto consentono di stabilizzare la fuoriuscita della linfa e, si conseguenza, una buona cicatrizzazione. Nelle regioni meridionali italiane è diffuso l'innesto alla maiorchina, che è tipico delle zone temperato-calde o calde. Dopo l'innesto (che si esegue ad agosto) si legano le due sezioni con rafia.

  • Agnocasto Piccolo albero o grande arbusto a foglie caduche, originario dell’Europa e dell’Asia; gli esemplari adulti possono raggiungere i 3-4 metri di altezza, ma è possibile contenerne la crescita con interve...
  • Vite canadese Ampelopsis brevipedunculata è una famiglia composta da circa cinquanta arbusti decidui rampicanti originari dell'America settentrinale e dell'Asia. La vite canadese ha grandi foglie tri-penta lobate, ...
  • uva, vite In questa sezione del sito si trova un interessante approfondimento, [avversità vite], che descrive le principali malattie e le principali cause di disfunzioni nella vite dovute a problemi ambientali,...
  • Malattie della vite In questa terza parte, dedicata alla cura delle malattie delle piante fruttifere, esamineremo le principali cause di danneggiamento sulla coltura della vite da vino e da tavola e saranno indicati i pr...

Holzstar - Mandrino a 4 griffe M33, 100 mm, con innesto a vite e griffe di ricambio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 158€


Condizioni per la riuscita dell'innesto

Innesto a spacco Le condizioni necessarie per una buona riuscita degli innesti della vite sono la sovrapposizione perfetta delle zone generatrici di entrambe le sezioni (nesto e portainnesto) e l'affinità tra la marza e il soggetto. La disaffinità, infatti, può essere causa del mancato attecchimento dell'innesto, oppure di scompensi più o meno gravi o grossi calli da innesto. Può essere dovuta a differenze nella biochimica, negli enzimi o negli ormoni tra nesto e portainnesto, oppure a virosi. In più, i bionti devono presentare un'analogia fisiologica (per ritmi fenologici o fisiologici, composizione cellulare) e bisogna rispettare la polarità: infatti, invertendo la polarità, il soggetto ottenuto risulta più debole. Ultima, ma non meno importante, raccomandazione per la riuscita degli innesti della vite è scegliere il periodo adatto per la propagazione: infatti, il periodo in cui realizzarla varia a seconda della tipologia di innesto prescelta.


Innesti vite: Periodo per gli innesti e consigli utili

Innesto a incastro Il periodo migliore per gli innesti della vite a omega e ad incastro è all'inizio dell'inverno, quando comincia il riposo vegetativo della vite (ottobre-novembre). Invece, quello a doppio spacco inglese si esegue in inverno e quello a T fino all'inizio dell'estate. Nel realizzare gli innesti bisogna stare attenti a seguire alcune raccomandazioni: innanzitutto, mentre si fa il taglio, non si deve assolutamente ledere la corteccia della vite. Inoltre, il taglio deve essere preciso e netto, in modo da interessare tutti gli strati del nesto e del portainnesto. Bisogna poi stare attenti a tagliare una marza con almeno 1 o 2 gemme. Dopo aver realizzato il taglio (la parte incavata deve sempre trovarsi sul portainnesto mentre la parte sporgente sulla marza), si fanno combaciare i due tagli. Quindi bisogna saldarli insieme, proprio nella zona del taglio, con una striscia di rafia oppure con una striscia di carta particolare o di teflon.


Guarda il Video
  • vite La vite è una pianta arbustiva del genere Vitacee. Il tipo di vite più nota è quella che andrà a produrre l'uva dalla qu
    visita : vite
  • innesto vite L’innesto è una tecnica colturale applicata per la propagazione di diverse piante. Nella vite, gli innesti vantano prati
    visita : innesto vite
  • innesto a incastro Gli innesti comprendono diverse pratiche colturali che mirano a migliorare le condizioni generali della pianta e la qual
    visita : innesto a incastro

COMMENTI SULL' ARTICOLO