Ginkgo

Quanto irrigare

Il Ginkgo Biloba può raggiungere i 30 metri di altezza e appartiene alle conifere con foglia piccola e di forma particolare, di colore verde brillante che diviene gialla in autunno. Si divide in pianta maschio e pianta femmina e il luogo ideale è una posizione particolarmente soleggiata in un clima mite, continentale o comunque fresco. Sopporta comunque bene anche le basse temperature, anche sotto lo zero. La crescita è piuttosto rapida e la sua propagazione è possibile con il metodo della talea. Il ginkgo biloba non richiede particolari indicazioni e impegni per l'innaffiatura, dato che sa "accontentarsi" di ciò che il meteo regala spontaneamente. Discorso leggermente diverso per le piante giovani, le quali devono essere irrigate con maggior frequenza, soprattutto se vi sono periodi di siccità.
Foglie ginkgo biloba

Ginkgo - Coltivazione - Un albero sconfigge il tempo di ExtraGreen

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,45€


Come coltivarlo

Foglia autunnale ginkgo Biloba L'albero del Ginkgo Biloba non è particolarmente esigente in termini di terreno anche se preferisce affondare le sue radici in terre piuttosto acide, profonde, in zone soleggiate. Sopporta molto bene l'inquinamento e quindi anche in zone prossime alle grandi città l'albero può tranquillamente vivere nel tempo. Per averlo in giardino è consigliabile optare per un albero maschio in quanto i semi dell'albero femmina emanano un odore fortemente sgradevole. Per la piantagione è necessario predisporre una buca molto larga dove inserire l'albero preferendo un "tutore" da lasciare per i primi anni curando la pianta con le classiche operazioni di zappa, irrigazione e ossigenazione del terreno. Solo quando si osserva la robustezza del fusto allora si potrà pensare di rimuovere il sostegno. In vaso invece è bene mettere una piantina giovane con del substrato di loam.

  • Ginkgo biloba Il nome è esotico, ma la pianta lo è meno di quanto possa sembrare: il ginco, o ginkgo biloba è una delle piante più antiche presenti sulla terra, ne sono state rinvenute tracce in fossili antichissim...
  • ginco bonsai albero deciduo a portamento colonnare, appartenente ad una delle famiglie più antiche esistenti in natura, ne sono stati ritrovate le caratteristiche foglie in fossili di milioni di anni, vicina alle ...
  • Ginco Il Ginkgo Biloba è un albero originario della Cina, completamente rustico e dal portamento eretto. Lo sviluppo della pianta può avvenire in altezza (fino ad un massimo di 40 metri) e in larghezza (fin...
  • Il Ginkgo biloba è un albero maestoso, a foglie decidue, diffuso in coltivazione in tutto il mondo; è un albero a crescita abbastanza lenta, con un bel fogliame a ventaglio, che diviene di colore gial...

SAFLAX - Set per la coltivazione - Albero dei ventagli - 4 semi - Ginkgo biloba

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€


Come concimare

Ginco pianta Sono moltissime le proprietà benefiche naturali che l'albero del Ginkgo Biloba possiede e per questo è una pianta che già di per sé è abbondantemente ricca. Proprio per questo non è necessaria una particolare concimazione del terreno, se non in casi particolari, come ad esempio il terriccio di humus che si deve procurare nel momento in cui si va ad impiantare i semi in cassetta. Infatti è preferibile arricchire il terreno con del concime organico (l'ideale sarebbe l'uso dello stallatico maturo) qualora l'albero di ginkgo biloba fosse appena stato trapiantato, al fine di favorire al meglio l'attecchimento delle radici. Meglio sarebbe evitare l'utilizzo di concimi chimici. Oltre queste semplici operazioni di concimazioni la pianta non ha particolari ulteriori esigenze.


Ginkgo: Malattie e rimedi

Albero capelvenere Non vi sono malattie tipiche del ginkgo biloba, anzi è un albero che di per sé ha una buona resistenza "fisica" e strutturale, al punto che è una delle piante che meglio resistono anche in luoghi particolarmente inquinati e che maggiormente si adatta alle varie situazioni climatiche e di terreno. Certo è che eventuali problematiche al terreno, specie di una pianta giovane, potrebbe creare problemi di crescita all'albero e quindi condizionarne lo sviluppo. Per questo è utile avere sempre un terreno "fresco" quando si ha a che fare con una pianta giovane ed è importante che l'albero possa godere di una luce solare diretta in un ambiente ventilato. Rispettando queste condizioni è difficile che l'albero possa ammalarsi. Altra condizione importante è la potatura: va ridotta al minimo indispensabile per evitare che le foglie e i rami possano avvizzire. Da fare esclusivamente nel periodo autunnale, preferibilmente coinvolgendo le foglie che si vedono deboli.



COMMENTI SULL' ARTICOLO