Robinia

Come irrigarla

Questa pianta non deve essere sottoposta ad eccessive irrigazioni; nei periodi caratterizzati da frequenti precipitazioni è sufficiente l'acqua piovana, mentre è necessario intensificare la somministrazione di risorse idriche in caso di siccità prolungata. È indispensabile che il terreno, tra un'annaffiatura e l'altra, abbia il tempo di diventare asciutto, e che resti tale per uno o due giorni. Gli esemplari più giovani, comunque, hanno bisogno di essere irrigati più costantemente, ogni quindici giorni circa: questa operazione garantisce loro un adeguato sviluppo ed un rafforzamento delle radici. Sono assolutamente da evitare i ristagni idrici, determinati da un'umidità sovrabbondante e causa di marciumi radicali; essi possono essere scongiurati regolando le annaffiature ed inserendo della ghiaia nel terreno.
Esemplare robinia

Vivai Le Georgiche Robinia Pseudoacacia [H. 210 Cm.]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 57€
(Risparmi 6€)


Coltivazione e cura

Robinia curata La robinia predilige un terreno profondo e ben drenato, anche se generalmente si adatta senza problemi a numerose tipologie di suolo; può essere conveniente piantarla sui pendii delle colline, in quanto le sue radici, sviluppate ed irrobustite, sono in grado di limitare il pericolo delle frane. Prima della semina è opportuno lavorare il terreno con un rastrello per renderlo più malleabile e, nell'eventualità in cui esso presenti un'eccessiva quantità di calcare, amalgamare con il terriccio del solfato di ferro. Una volta formatesi, le piantine vanno trasferite in recipienti singoli per preservarne lo sviluppo: sarà possibile il trapianto in piena terra dopo circa due anni. La potatura va effettuata periodicamente, tagliando i rami vecchi con attrezzi disinfettati ed asportando le parti malate.

  • Mimosa  La mimosa (acacia dealbata) è un albero originario della Tasmania, ma che, giunto nel nostro paese verso la metà del 1800, si è adattato benissimo al clima della Riviera Ligure e a quello delle region...
  • Mimosa Con il termine mimosa si indica comunemente un arbusto appartenente al genere delle acacie, in particolare l'acacia dealbata, i cui piccoli fiori gialli vengono usualmente donati alle donne nel giorno...
  • Mimosa  Simbolo da sempre della festa della Donna, la Mimosa è anche una delle prime piante a fiorire verso la fine del'inverno, e quindi preannuncia la primavera, con il suo colore giallo sole, che rallegra ...
  • Robinia La Robinia pseudoacacia è un albero a foglia caduca, originario dell'America settentrionale, che raggiunge i 25-30 m di altezza. Questi alberi sono molto diffusi nei boschi Europei ed Australiani, in ...

Nuova casa della pianta di giardino 10 Semi robinia, Robinia pseudoacacia, veloce! Semi dell'albero di trasporto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


La concimazione

Fiori robinia Una prima fertilizzazione va effettuata al momento della messa a dimora, utilizzando concimi organici come lo stallatico: quest'ultimo è assolutamente consigliato, in quanto fornisce abbondanti sostanze nutritive e migliora le caratteristiche e la qualità del terreno. In seguito si raccomanda di procedere ogni due o tre anni, preferibilmente nel periodo autunnale, combinando con i fertilizzanti naturali un prodotto a rilascio lento che contenga potassio e fosforo, ma non troppo azoto: tale elemento aiuta la crescita delle parti vegetative e, se presente in eccesso, tenderebbe ad indebolire la pianta. Il potassio, invece, favorisce una fioritura rigogliosa, mentre il fosforo rafforza le radici e la chioma. Il concime può essere somministrato anche in forma liquida, insieme all'acqua delle annaffiature.


Robinia: Esposizione, parassiti e malattie

Fungo pianta L'esposizione della robinia deve verificarsi in un luogo soleggiato e luminoso; la pianta non teme il freddo, purché le temperature non scendano troppo sotto lo zero, ma è fondamentale evitare le aree colpite da venti intensi o forti nevicate, che potrebbero danneggiare il legno. Tra i parassiti più diffusi va menzionata la cocciniglia, la quale si insinua nelle fenditure del tronco e nei punti meno visibili della chioma e provoca l'ingiallimento delle foglie, attirando inoltre le formiche tramite la produzione della melata: come rimedio si suggerisce l'olio bianco minerale, che causa la morte delle cocciniglie per soffocamento. La pianta può essere colpita anche da malattie fungine se l'ambiente in cui cresce è molto umido; in questo caso bisogna servirsi di specifici prodotti anticrittogamici.



COMMENTI SULL' ARTICOLO