Origano selvatico

Proprietà curative

L’olio di origano selvatico sembra essere un buon antibiotico, antimicotico, anti-Candida, digestivo, stimolante del sistema immunitario, anti-ossidante, lenitivo per piccole ustioni, tagli o graffi e mal di denti. La composizione dei suoi principi attivi varia a seconda del periodo di raccolta, delle condizioni di coltivazione e di come la pianta viene raccolta e poi conservata. I principali costituenti dell’origano, responsabili delle sue innumerevoli virtù, sono i fenoli. In particolare: il timolo è un antisettico, antispasmodico e vermifugo che si utilizza per la preparazione dei prodotti a base di origano da utilizzare per uso interno ed esterno. Il carvacloro, poi, è un antisettico molto utilizzato in profumeria. Dell’origano si utilizzano le foglie e le sommità fiorite, raccolte in estate durante la piena fioritura. Queste parti devono essere essiccate in luoghi bui e ventilati. Con l’essicazione, a differenza di altre erbe, mantiene il suo aroma che risulta, anzi, più forte e concentrato.
Origano selvatico

Erbe Aromatiche 480 Semi In 24 Varietà, Collezione Completa di Semi Più Piccola Guida Alla Coltivazione Edizione 2017: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana, Peperoncino Cayenna Rosso, Peperoncino Tondo da Ripieno, Rucola, Cipolla Rossa Tonda di Tropea, Coriandolo, Maggiorana, Anice, Senape Bianca, Crescione Comune, Dragoncello, Melissa e Dente di Leone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,89€


Modalità di utilizzo

Origano essiccato I suffumigi di origano sono utili per liberare il naso. Sul cibo è d’aiuto nelle patologie dovuta a una cattiva digestione e, dunque, per il meteorismo, l’emicrania, ecc. L’infuso è ottimo nei trattamenti anti-cellulite. Lo stesso infuso, mischiato al vino, stimola le funzioni digestive, allevia il mal di testa, i dolori intestinali e aiuta in caso di raffreddore. I gargarismi sono utili contro le infiammazioni alla gola. Nella cosmesi, l’origano è usato per fare bagni purificanti, stimolanti e deodoranti. Basta immergere nell’acqua del bagno un sacchetto di tela con una manciata di origano. È indicato per il torcicollo. È sufficiente applicare un mazzetto di fiori di origano, come cataplasma, appena colto e appena riscaldato. L’olio essenziale della pianta è utilizzato nell’aromaterapia e in profumeria. Infine, e ovviamente, nei paesi mediterranei l’origano è utilizzato come spezia per aromatizzare molti piatti.

    Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


    L’olio essenziale

    Origano fioritoL’olio essenziale di origano si ricava dalle foglie della pianta. È una buona alternativa al trattamento medicinale contro le infezioni batteriche. Alcuni ricercatori americani pare abbiano dimostrato che l’olio essenziale è in grado di ridurre le infezioni tanto quanto gli antibiotici. È inoltre benefico contro i parassiti intestinali e anche nei confronti del fungo Candida albicans. Rilevante è la sua azione calmante nei confronti degli attacchi di tosse con eliminazione del catarro. Quest’olio è, quindi, consigliato a chi ha problema derivanti dalla bronchite, a chi ha problemi di digestione e dolori intestinali. Ottimo anche da utilizzare per massaggi anti-cellulite. Ottimo anche da utilizzare nella preparazione di tisane dalle proprietà digestive. Attenzione, però. Può avere azione irritante sulla pelle e sulle mucose, per cui va utilizzato solo dopo prescrizione medica.


    Origano selvatico: Caratteristiche della pianta

    Origano fiorito L’origano, appartenente al genere Originum, raggruppa piante erabacee, perenni, cespugliose, originarie dei paesi mediterranei. Cresce spontaneamente in luoghi assolati e aridi, fino a 2000 metri sul livello del mare. Può anche essere coltivata, come pianta aromatica e per le sue proprietà terapeutiche. Il suo nome deriva dal greco "oros = montagna" e da "gamos = splendore", cioè "gioia della montagna", perché allo stato selvatico colora, con i suoi fiori, i pendii montuosi e collinari sassosi e soleggiati. Il fusto della pianta è eretto, quadrangolare, e ramificato, alto ai 50 agli 80 centimetri. Nella parte superiore presenta un colore rossastro e ricoperto, nella gran parte della specie, da una fitta peluria. La radice è un rizoma nero dotato di radici fibrose. Le foglie sono ovali-lanceolate, dai margini lisci o lievemente dentellati. Sono provviste di un picciolo corto e sono spesso pubescenti. I fiori crescono raccolti in pannocchie poste sulla sommità degli steli. Sono di un gradevole colore bianco, rosato e rosso. Il frutto è una capsula di colore scuro.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO