Narciso

Quando e quanto annaffiare il narciso

Per quanto concerne l'apporto di acqua al narciso, occorre semplicemente inumidire il terreno, specialmente se le piogge mancano da molto. E' importantissimo che il terreno non sia mai completamente asciutto, ma esso non deve risultare nemmeno troppo bagnato perché i bulbi rischiano di essere affogati. L'acqua stagnante, infatti, è un grandissimo nemico per i narcisi. Ma quanto occorre annaffiare? Le quantità reali dipendono dalla stagione in cui ci si trova. In primavera ed in estate occorre effettuare quest'operazione molto frequentemente. Le annaffiature si possono, poi, ridurre anche drasticamente fino a non essere più necessarie durante la stagione autunnale e durante quella invernale. Con una corretta annaffiatura, il narciso crescerà sicuramente sano e garantirà una bellissima fioritura.
Piante di narciso in fiore

Verde narcisi Brokers Limited, pacchetto all'ingrosso, di colore giallo, varietà "Tete a Tete", pacchetto 45er

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,06€


La coltivazione e la cura del narciso

narciso fiori Il narciso, nonostante possa apparire molto delicato, non è assolutamente un fiore troppo esigente ed è semplicissimo da coltivare. Ogni tipologia di terreno può rivelarsi adeguata alla sua coltivazione, a patto che non risulti troppo ricco in carbonio. I terreni ideali sono caratterizzati da profondità e sofficità. Un terreno come la torba non sarebbe, dunque, adeguato. Per la moltiplicazione del narciso, si piantano i bulbi ad inizio autunno, ovvero tra settembre e ottobre. Questa pianta non necessita di cure eccessivamente complesse. Con una cadenza periodica, di circa 2-3 anni, bisogna semplicemente procedere con lo sfoltimento dei nuovi bulbi in modo da permettere alla pianta di svilupparsi e crescere correttamente. Lo spazio, infatti, è di importanza vitale per una pianta realmente in salute.

  • Narciso A questo genere appartengono centinaia di specie di bulbose, diffuse in Europa ed in Asia; questi fiori venivano coltivati già dai greci e dagli egiziani, nell’antichità. Esistono centinaia di specie,...
  • Narciso  Le piante di narcissus sono tra le bulbose più diffuse in coltivazione in Europa, anche se in effetti sul nostro continente esistono anche allo stato selvatico, nei boschi collinari e montani. Le bu...
  • narciso Il significato di questo fiore, ovvero autostima, vanità ed incapacità d'amare, è da far risalire alla storia di Narciso, un giovane e splendido pastore di cui Ovidio parla nel terzo libro della Metam...
  • foto narciso Sulla finestra m'è nato un Narcisoe il Sol gli ha dato il suo primo saluto,ed io poi gli ho rivolto un dolce risoper ringraziarlo che ci sia venuto;per ringraziarlo che venuto siaa germoglia...

BULBI AUTUNNALI NARCISI LARGEFLOWERING MIX CONFEZIONE DA 25 BULBI BULBS

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Come e quando concimare il narciso

Coltivazione di narcisi bianchi Quando si ha intenzione di intraprendere la coltivazione del narciso, è assolutamente necessario prevedere una corretta concimazione per il terreno ospiterà le piantine. Questo, infatti, deve per regola, risultare perennemente ben concimato. Ma quali sono i fertilizzanti che maggiormente si adattano allo scopo? Quello ideale è soprattutto povero di azoto (elemento non indispensabile per il narciso). Deve risultare, invece, ottimamente pensato per integrare le quantità di fosforo e potassio presenti nel terreno (elementi, invece, importantissimi). Il periodo ottimale per procedere con la concimazione del narciso è quello corrispondente alla fioritura. Anche il post-fioritura è un momento delicatissimo. Quando si pianta, occorre un concime a lento rilascio. Durante il periodo di riposo, invece, evitare la concimazione.


Narciso: Malattie e parassiti del narciso

Narciso giallo Il narciso, normalmente, non teme né le condizioni di caldo eccessivo né quelle di freddo. L'esposizione ottimale è al sole, specialmente durante il periodo della fioritura. Se la pianta si trova in vaso, è meglio posizionarla in zone riparate durante le fasi di riposo, mentre andrà al sole nelle fasi vegetative. Il narciso può essere vittima di diverse tipologie di malattie. Innanzitutto gli insetti che penetrano nei bulbi e se ne nutrono, causando la morte della pianta. Si tratta, ad esempio, della cosiddetta "mosca dei bulbi" o di particolari acari (ovvero i pidocchi) che erodendo il bulbo favoriscono le infezioni di funghi e batteri. Diversi i funghi che causano marciume delle foglie e dei bulbi. Gli antiparassitari rappresentano un ottimo rimedio, ovviamente da differenziare in base al tipo di problema da risolvere.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO