Margherita africana - Arctotis X hybrida

Generalità

La margherita africana è una pianta erbacea perenne tappezzante originaria dell’Africa meridionale. Questa specie, conosciuta anche come Arctotis X hybrida, produce ampi cespi di foglie sottili, ovali, spesso finemente incise, di colore verde argentato; nell’arco di una stagione i cespi di foglie, lunghe in genere 30-40 cm, si allargano per almeno 50-70 cm; dalla primavera avanzata fino ai primi freddi intesi producono grandi fiori a margherita, di colore giallo, arancio, rosso o anche porpora, in genere con centro in colore contrastante. Di facile coltivazione, spesso tendono ad avere vita breve, ed a non sopravvivere per più di 2-3 anni, anche se si autoseminano, provvedendo quindi nuovi esemplari che sostituiscono le piante “vecchie”. Come i fiori delle gazanie, anche quelli delle arctotis si schiudono solo quando splende il sole. Si utilizzano nelle bordure o nelle aiole, sono molto apprezzate per la fioritura molto prolungata.
Margherita africana

Tappeto Da Cucina Con Retro Antiscivolo Disegno Margherite By Suardi 55x140 Grigio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Esposizione

Margherita africanaPer garantire alla nostra margherita africana un'ottima crescita, le specie vanno poste a dimora in luogo soleggiato del giardino; in questo modo potrà ricevere direttamente i raggi del sole di cui necessita per svilupparsi vigorosamente. In genere le arctotis X hybrida non temono il freddo, anche se è consigliabile tagliare i cespi a 10-15 cm da terra e coprirli con foglie secche durante i mesi invernali. Queste specie non temono neppure il caldo estivo. Si possono anche coltivare in vaso o contenitore, molto indicato nelle zone con clima invernale molto rigido.

  • Lotus Il Lotus berthelotii è una pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto ...
  • piante perenni Con il termine generico Perenni si intendono quelle piante erbacee che hanno uno sviluppo pluriennale, quindi rimangono nel nostro giardino per anni, contrariamente a quanto accade alle annuali, che i...
  • Eliotropio al genere heliotropium appartengono circa duecentocinquanta specie di piante, diffuse in gran parte delle zone temperate del pianeta; Heliotropium arborescens è una pianta erbacea, perenne, sempreverd...
  • potentilla fructicosa red ace Piccolo arbusto a foglia caduca, originario dell'America settentrionale e dell'Asia; esistono circa cinquecento specie di potentilla, diffuse in tutto il globo, soltanto alcune vengono coltivate come ...

Spray pronto all’uso SB Plant Invigorator con antiparassitario da 500 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Annaffiature

Le specie di margherita africana sopportano senza problemi periodi anche prolungati di siccità, ma la fioritura è più continua ed abbondate se si interviene con le annaffiature quando il terreno è secco; quando si desidera ottenere una fioritura abbondante è quindi necessario innaffiare con regolarità il terreno. In ogni caso è comunque sempre opportuno evitare che si formino ristagni idrici. Durante i mesi invernali le annaffiature vanno invece evitate. Da marzo a settembre fornire del concime per piante da fiore, mescolato all’acqua della annaffiature, ogni 15-20 giorni circa.


Terreno

Le arctotis X hybrida prediligono terreni asciutti e molto ben drenati, non particolarmente ricchi, preferibilmente sabbiosi o sassosi, costituiti da torba, sabbia e della sostanza organica.


Moltiplicazione

margherita africana La moltiplicazione della margherita africana avviene in primavera, per seme, oppure in autunno, per divisione dei cespi. Per quanto riguarda il rinvaso, è consigliato di anno in anno prelevare i nuovi cespi e travasarli in nuovi contenitori per offrire più spazio di crescita alle piante.


Margherita africana - Arctotis X hybrida: Parassiti e malattie

Si tratta di piante difficilmente attaccate da parassiti o da malattie; inverni moto umidi possono favorire lo svilupparsi di marciumi o di muffe; talvolta gli afidi aggrediscono i giovani boccioli. Si tratta di minuscoli insetti o parassiti chiamati più comunemente con il termine di "pidocchi delle piante" che succhiando la linfa dalla foglie provocano gravi alterazioni fisiologiche alle stesse e all'intera pianta. Gli afidi sono inoltre capaci di trasmettere molteplici virus. Questo perchè succhiando la linfa da piante infette e passando a piante sane, trasportano il virus alle nuove specie. Per risolvere in maniera efficace il problema, è opportuno utilizzare specifici prodotti antiparassitari.



COMMENTI SULL' ARTICOLO