Limone potatura

Quando eseguire la potatura del limone

La potatura della pianta di limoni o di un qualsiasi altro albero, è un tipo di intervento che è mirato non solo a potenziare la sua struttura, ma anche a gestire correttamente la sua crescita e a dare una regolare forma alla pianta. Inoltre mediante una buona tecnica di taglio si favorisce il rapporto corretto tra quantità di frutti e di vegetazione. In particolare la pianta del limone è uno degli alberi che vanno potati e necessitano di una particolare attenzione, specialmente per ciò che riguarda la scelta del periodo dell'anno in cui è preferibile eseguire la potatura. In genere l’albero ha la sua fioritura in inverno pieno e poco prima dell'estate. Quindi fruttifica sia nei primi mesi dell'anno che nel periodo di agosto o di settembre. Di conseguenza i migliori periodi per una corretta potatura si individuano durante i periodi di pausa fra le sue due fioriture, cioè quando non c’è pericolo di gelate, e subito dopo il periodo della sua produzione estiva.
Limoni da potare

Mastice per innesti e ferite delle piante Arbokol Classic confezione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,07€


Come eseguire la potatura di un limone giovane

Un limone con molti frutti Ai fini di una buona crescita della pianta risulta molto importante saper distinguere la potatura che va eseguita su alberi giovani rispetto a quella da eseguire sulle piante che sono più mature.Nel caso di una pianta giovane si deve eseguire una potatura cosiddetta di formazione, la quale avrà lo scopo di dare una forma che sia più adatta a raccogliere i suoi frutti. Occorre usare le forbici oppure le cesoie e vanno eliminati quei rami che sono spezzati o secchi, oltre ai rami che tendono in basso oppure in alto, sempre in un modo spropositato. Quando l’albero è giovane reagirà a questo taglio producendo una vegetazione ricca e florida e si predisporrà a una accelerazione della produzione dei suoi frutti.Durante il taglio bisogna stare attenti ai succhioni. Sono quei rami sterili e lunghi verso l'alto che spuntano oltre il normale perimetro che ha la chioma della pianta. Questi succhioni creano un problema dovuto all’energia sottratta alla pianta che impedisce un'ottimale penetrazione della luce del sole. Questi succhioni vanno sempre eliminati, anche nel periodo in cui la pianta è in fiore, evitando però di toccare quei rami che sono produttivi.

  • potare le rose Le cesoie sono lo strumento essenziale per una buona potatura. Affilate e ben pulite, si usano per tagliare i germogli, facendo un’incisione di circa 5 millimetri al di sopra di una gemma, mantenendo ...
  • Un Automower® al lavoro Tutti i robot tosaerba lavorano in piano, molti anche in pendenza, ma quanti lo fanno con pendenze del 45% e garantendo un risultato ottimale? Sicuramente gli Husqvarna Automower®, ma non basta: per c...
  • Lavanda dopo una potatura energica La lavanda è una pianta aromatica di origini mediterranee, che quindi nel nostro paese vive anche allo stato selvatico, soprattutto nelle zone costiere, caratterizzate da inverni miti. Sono piante rob...
  • Fiori di lavanda Sia che si abbia un giardino con molte piante, sia che la si coltivi in vaso, sapere quando potare la lavanda è fondamentale per permettere una crescita equilibrata della pianta. Il periodo migliore p...

Pinze Citricos professionale 135 mm.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,35€


Come eseguire il taglio di una pianta matura

Una pianta di limone vecchia da potare Gli alberi di limone che sono più datati, anche oltre i vent’anni, invece, hanno la necessità di essere potati con un criterio diverso, ossia hanno bisogno di una potatura cosiddetta di produzione. Questa tecnica è orientata a facilitare l'incremento della quantità dei frutti prodotti dalla pianta. Il limone infatti produce i suoi frutti solo sui rami che sono cresciuti nell'anno precedente, i quali non dovranno assolutamente essere toccati in questo tipo di taglio. Inoltre bisogna fare attenzione alle piante di limone che sono piuttosto vecchie. Queste devono essere potate con molta cautela, cercando di accorciare quei rami che nel tempo passato hanno prodotto già i loro limoni, rimuovendo invece quei rami che sono troppo piccoli o secchi.Inoltre occorre prestare attenzione all’operazione di spollonatura che riguarda i rami che si sono sviluppati alla base della pianta oppure a partire dal tronco, che sono chiamati polloni. Questi assorbono risorse e possono ridurre la produzione dei frutti. Le eventuali ferite sulla pianta per il taglio dovrebbero essere coperte con un apposito mastice, al fine di facilitare una corretta cicatrizzazione.


Limone potatura: Criteri per la potatura

Tutte le parti del limoneLa pianta, come ogni essere vivente, è dotata di un ritmo naturale per il suo sviluppo e ogni volta che si decide di eseguire un intervento di potatura, è assolutamente indispensabile cercare di limitarsi a quelli veramente necessari. Occorre intervenire in modo da consentire alla pianta di potersi sviluppare in modo ordinato anche per avere una produzione di frutti sui rami che sono illuminati e scaldati dal sole. Grazie a una accorta tecnica la pianta potrà crescere armonioso e forte e riuscirà a fruttificare maggiormente, dando grossi e succosi frutti. Oltre a una buona resa e a un migliore aspetto estetico, il limone con il taglio verrà anche curato o almeno preservato da malattie. Infatti se la pianta è troppo grossa, il modo migliore per combattere le malattie è proprio la potatura. Occorre intervenire con una tecnica adatta per evitare che l'affezione si diffonda nelle vie della linfa: occorre uccidere quindi i rami in crescita visto che il limone non dà frutti sugli stessi rami ma sui nuovi rami.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO