Rosa del deserto, oleandro del Madagascar - Adenium obesum

Generalità

Generalità: pianta caudiciforme con fusti ramificati di colore marrone, con base rigonfia, formata sia dalle radici che dal fusto, che ha il compito di immagazzinare acqua.

Foglie: le foglie sono ovali, brillanti e coriacee, con venature prominenti sulla base inferiore.

I fiori: di colore rosa, bianchi o cremisi, con i margini esterni più scuri, compaiono sui nuovi rami e raggiungono il diametro di 13 cm. I fiori sono seguiti da frutti verdi bilobati.

piante grasse

OUNONA Vasi di fiore pianta Fata Vaso da giardino con dolci della casa (argento)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€
(Risparmi 10€)


Rosa del deserto, oleandro del Madagascar - Adenium obesum: Trattamento

Generalità: pianta caudiciforme con fusti ramificati di colore marrone, con base rigonfia, formata sia dalle radici che dal fusto, che ha il compito di immagazzinare acqua.

Foglie: le foglie sono ovali, brillanti e coriacee, con venature prominenti sulla base inferiore.

I fiori: di colore rosa, bianchi o cremisi, con i margini esterni più scuri, compaiono sui nuovi rami e raggiungono il diametro di 13 cm. I fiori sono seguiti da frutti verdi bilobati.

Esposizione: luminosa e soleggiata; in appartamento deve essere esposta in pieno sole.

Temperatura: la minima invernale non può scendere sotto i sedici gradi perché ama il clima caldo asciutto, per cui nei mesi più caldi può stare sul terrazzo, mentre in inverno deve stare in appartamento.

Annaffiature: da ottobre a maggio dev'essere innaffiata una volta ogni due settimane; nei restanti mesi ogni qualvolta il terreno è asciutto. Le piante poste in un vaso piccolo necessitano però di annaffiature più frequenti.

Fertilizzazione: durante il periodo di crescita o di fioritura dev'essere dato un fertilizzante liquido per cactacee ogni due settimane, dimezzando la dose prevista nelle indicazioni.

Terreno: terriccio universale con aggiunta di graniglia, oppure il terriccio già pronto adatto ai cactus. Il terreno dev'essere ben drenato per evitare il marciume.

Moltiplicazione: si effettua per seme nello stesso composto di coltivazione umido, mettendo il vaso sotto una campana di vetro. Essendo una pianta a crescita molto lenta, fiorirà dopo circa tre-quattro anni.

Parassiti e malattie: teme molto il freddo poiché può farla marcire. Può essere attaccata dalla cocciniglia bruna.

  • Pianta rosa gerico La Selaginella lepidophylla è conosciuta con il nome comune di Rosa di Gerico o pianta della resurrezione. La caratteristica più interessante di questa tipologia di vegetali è che nei periodi siccitos...
  • In accessori da esterno trovi moltissimi articoli di approfondimento su tutti gli oggetti ed i complementi d'arredo per il giardino che possono tornare utili per arricchire il proprio garden e rendere...
  • irrigazione L'irrigazione del giardino è diventata con gli anni una componente sempre più importante e diffusa. Dapprima presente solo nei grandi spazi e nei parchi pubblici, si è velocemente diffusa anche in cas...
  • yucca Le yucche sono piante erbacee succulente provenienti da ambienti caldi e secchi dell’America Settentrionale e Centrale. Appartengono alla famiglia delle Agavaceae e il loro genere comprende non meno ...

PIANTE GRASSE VERE ASSORTITE DA 20 PZ DIAMETRO 5.5 MONDONATURA SRL

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24€
(Risparmi 2€)


Guarda il Video
  • rosa del deserto pianta La rosa del deserto è una pianta grassa tropicale, originaria del continente africano e appartenente alla classificazion
    visita : rosa del deserto pianta
  • adenium L’Adenium è di origine tropicale, di provenienza africana e fa parte della famiglia delle Apocynaceae. E’ una pianta che
    visita : adenium
  • oleandro pianta L'oleandro è un arbusto tipico della vegetazione mediterranea, è diffuso in tutta Italia in coltivazione, nelle zone mer
    visita : oleandro pianta
  • pianta oleandro La talea di oleandro è un metodo di propagazione che tende a dare ottimi successi, anche in condizioni climatiche non de
    visita : pianta oleandro

COMMENTI SULL' ARTICOLO