Potatura Kiwi corretta

Domanda : Potatura Kiwi corretta

Salve,la domanda che vi pongo, mi serve per saper dare un informazione più giusta a mio futuro suocero, bravissimo nei lavori nell'orto, ma che a mio parere fa qualche errore nel potare il kiwi.Io a casa dei miei, ho sempre visto potare le piante togliendo semplicemente i rami secondari,quelli aggrovigliati,tenendo quelli principali dove poi ricresceranno nuove gemme e rami,insomma una potatura abbondante, ma non eccesivamente drastica. e inoltre da terra la tengo abbastanza alta almeno 2 metri, e di frutti ne fanno sempre abbastanza. Invece mio suocero, si lamenta la moglie,ha l'abitudine di tagliarli troppo come se fosse una vite, lasciando poche decine di cm di altezza da terra o poco più di mezzo metro, e ha paura che sia per questo che non producono tanti frutti.

Può essere vero?E qual è il metodo più giusto per curare queste piante?

grazie mille per l'attenzione.

Kiwi

EECOO 1200W Lampada led per Piante Spettro Completo, 120 LEDs Luci per piante Simile al Sole, Luci di Crescita a led Ideale per Piante da Interno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 91,99€


Risposta : Potatura Kiwi corretta

Gentile Elena,

il Kiwi è il frutto dell’actinidia chinensis, pianta rampicante molto vigorosa, diffusa in Asia e in gran parte della Nuova Zelanda e dell’Australia, zone da cui è arrivato fino a noi l’utilizzo di questo frutto, verso la fine del XX secolo, quando in tutto il mondo si diffusero i kiwi di origine neozelandese; la coltivazione dell’actinidia in Italia ha preso molto piede, tanto che oggi l’Italia è il maggior produttore mondiale di kiwi. Le prime coltivazioni cominciarono in Trentino, oggi i kiwi si coltivano anche in Veneto, Piemonte, Friuli, Lazio, Puglia e Campania. Si tratta di una pianta rampicante molto fruttifera e vigorosa, e come ormai tutti sanno è una pianta dioica, ovvero i fiori maschili ed i fiori femminili sono presenti su piante diverse; per avere un buon raccolto occorre almeno una pianta maschile ogni 5-6 piante femminili.

Come giustamente fa il tuo futuro suocero, sono piante che vanno potate come le viti; bisogna però ben capire cosa significa questa frase; infatti se la tecnica di potatura ed il periodo sono decisamente simili a quelle attuate per la vite, in effetti l’actinidia si lascia un poco più lunga e con più rami e gemme, perché una singola pianta può sopportare più rami e frutti rispetto a quanti ne sopporta una vite (quindi in effetti avete ragione entrambi).

Quindi si potano le actinidie in febbraio-marzo (a fine inverno, quando non c’è più rischio di gelate intense); si procede potando vicino alla base i rami che hanno fruttificato l’anno precedete, e sui restanti rami si lasciano circa 5-6 gemme; se alla base della pianta si formano dei succhioni vigorosi, li si elimina; allo stesso modo si eliminano rami rovinati o intrecciati o che si sviluppano troppo fitti.

In molte zone, ogni 2-3 anni si pratica una potatura di svecchiamento, ovvero si accorciano tutti i rami, lasciandone solo un paio con almeno 3-4 gemme, per favorire lo sviluppo di una vegetazione più forte; questo tipo di potatura può portare ad uno scarso raccolto nell’anno in corso, ma favorisce raccolti più abbondanti negli anni a venire.

Quando sulla pianta sono già presenti i frutti, in genere si cimano i rami che portano i frutti, fino a 2-3 foglie dopo l’ultimo frutto, e si accorciano leggermente i rami che non portano frutti.

I kiwi sono piante resistenti, una volta a dimora da tempo, anche se è bene posizionarli in una zona del giardino riparata dal vento; necessitano di una concimazione a base di stallatico da fornire a ogni anno, a fine inverno; le annaffiature sono importanti, soprattutto quando la bella stagione si presenta siccitosa, ma evitiamo di lasciare le piante costantemente in un terreno umido o con acqua stagnante. Queste piante non amano terreni con ph molto alti, superiori a 7, dove spesso producono scarsi raccolti.

  • kiwi Ho una pergola con dieci piante di kiwi, sette femmine e tre maschi.La proporzione è giusta?Li ho piantati da quattro anni e finora mi hanno fatto pochissimi frutti. È normale?Da cosa si riconos...
  • kiwi Salve,sarei interessato a coltivare sulla mia terrazza da 40mq (quindi una terrazza molto grande, che tra l'altro funge anche da tetto) dei kiwi e farli rampicare sul mio piccolo pergolato, ho letto...
  • Kiwi ho piantato da poco delle piante di kiwi quanti anni ci vuole per fruttificare?grazie...
  • actinidia Vengono comunemente chiamati kiwi i frutti ovali di una pianta di origine cinese, il cui nome botanico è actinidia deliciosa, o actinidia chinensis; queste piante sono molto diffuse in Asia, e in part...

Wolf Garten Turbo LR 50 Prato per risemina per 50 mq

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,16€


Attrezzi per potare il kiwi

kiwi Come per tutti i tipi di potature, anche per potare il kiwi è consigliabile utilizzare degli strumenti affilati e in grado di produrre tagli netti e precisi. Forbici, cesoie e forbicioni da potatura sono l'ideale per la potatura di queste piante rampicanti in quanto i tagli devono essere netti e precisi e non slabrati, seghettati.

Per questo motivo si sconsiglia vivamente di utilizzare seghetti, segacci e motoseghe da potatura perchè sono tutti strumenti con dei denti che lacerano la corteccia e quindi producono dei tagli sfilacciati che aumentano la superficie d'ingresso dei patogeni come per esempio funghi e batteri.

Quindi prima di potare il kiwi assicuriamoci che le nostre forbici o gli strumenti a lama che abbiamo intenzione di utilizzare siano ben affilati, dopo di che procediamo con mano ferma e decisa e potiamo i rami.

Prima di iniziare le operazioni di potatura e sopratutto dopo aver tagliato piante infette o ammalate, è sempre una buona norma pulire le lame e disinfettarle con dell'alcol o con del disinfettante per uccidere eventuali spore o batteri che possono essere rimasti sulle lame.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO