Schiacciata uva

Schiacciata uva

La schiacciata uva, o schiaccia all'uva, è un tipico dolce toscano, di origne contadina. Un tempo lo si preparava solo nel periodo di maggior maturazione del frutto, ovvero in settembre. Oggi, grazie alle uve che vengono importate da altre zone del mondo, è possibile avere l'uva matura per molti mesi all'anno, e quindi si può preparare più spesso questo dolce. La ricetta originaria prevede solo ingredienti semplici e di facile reperimento: pasta del pane, zucchero, olio d'oliva, e uva nera. Anticamente si utilizzava solo una varietà, detta canaiola, che era poco indicata per la vinificazione. Oggi molti preparano questo dolce con la varietà fragola, che ha un sapore molto più dolce delle varietà da tavola, o anche con una qualsiasi tipologia trovata al supermercato. L'uva deve essere rigorosamente nera, perchè i chicchi cotti rilasciano un succo scuro, che rende più appetitoso il dolce.
Schiacciata con l'uva

BLATTWERK Pure - 1.000 ml: fertilizzante 100% biologico e vegano, fertilizzante da erba liquido per piante da appartamento e giardino, con amminoacidi, acidi lattici, zuccheri e sali minerali.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,95€


La ricetta tradizionale

Una fetta di schiacciata Tradizionalmente si utilizzava la pasta del pane, quello preparato per la famiglia, o per pochi fortunati anche l'impasto acquistato dal fornaio ancora crudo. Alla pasta del pane si aggiunge poco zucchero perché il frutto è già dolce e zuccherino, e un poco di olio, per renderla più simile ad una focaccia. Per circa 800 g di pasta del pane già lievitata, si utilizzano circa un kg di uva da vino nera, la più dolce e matura possibile, a chicchi non troppo grossi. Nella preparazione del pane si aggiungono circa 200 g di zucchero semolato, e si stende metà impasto su una teglia ben unta di olio toscano; sull'impasto si schiacciano circa due terzi dei chicchi, cercando di farli affondare leggermente; si ricopre con la restante pasta del pane e con i chicchi rimanenti, e si unge bene il dolce; chi desidera può aggiungere anche qualche foglia di rosmarino, o qualche seme di anice. Il tutto va in forno caldo, a 180°C, per circa un'ora. La schiaccia si mangia tiepida o fredda, se riuscite ad aspettare.

  • arctostaphylus L'uva ursina è un piccolo arbusto sempreverde originario dell'Europa e del nord America; al genere arctostaphylos appartengono svariate specie, diffuse nelle regioni temperate dell'emisfero boreale, s...
  • uva nera La vite è una delle piante che venivano coltivate dall'uomo già nell'antichità; ne viene fatta menzione nella Bibbia, e ritrovamenti archelogici ne testimoniano la coltivazione già dal periodo neoliti...
  • oidio Come tutte le malattie crittogame, dette anche comunemente fungine, l'oidio (conosciuto più comunemente come mal bianco, nebbia o manna) si sviluppa soprattutto in presenza di condizioni climatiche um...
  • Malattie della vite In questa terza parte, dedicata alla cura delle malattie delle piante fruttifere, esamineremo le principali cause di danneggiamento sulla coltura della vite da vino e da tavola e saranno indicati i pr...

UVA SPINA BIANCA GIALLA (1 PIANTA)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


La ricetta moderna

Schiacciata all'uva Se volete potete andare dal fornaio a farvi vendere l'impasto del pane, a cui aggiungerete lo zucchero, per poi farlo lievitare nuovamente prima di impastarlo con i chicchi. Si utilizzano 500 g di farina, 250 g di acqua, 150 g di zucchero, e un pizzico di sale, a cui si aggiungono 25 g di lievito di birra in panetto, o 12 g di lievito di birra secco. Si impasta il tutto per almeno 15 minuti, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, che va fatto lievitare fino a che non ha raddoppiato, tenendolo in luogo tiepido e lontano da correnti d'aria. Nel frattempo lavate bene un kg di uva nera, da vino o ad tavola, a seconda di quello che avete trovato dal fruttivendolo, e se preferite potete utilizzare anche la varietà fragola, che ha un sapore particolare. Riprendete l'impasto e tagliatelo a metà; stendetelo ad un'altezza di circa un centimetro o poco più, e posizionatela in uno stampo da forno, con il fondo chiuso; ponetevi sopra i chicchi lavati, e un altro strato di pasta. Terminate con altra uva, una spolverata di zucchero e olio per lucidare. Cuocete in forno per circa un'ora.