Uva prosecco

Uva Prosecco, origini lontane nel tempo

L'uva Prosecco è ottenuta dal vitigno Glera. Quest'ultimo altro non è che il vitigno Prosecco universalmente conosciuto e identificato col vino stesso. Purtroppo, a causa della sua popolarità in tutto il mondo, vi sono stati numerosi tentativi di imitazione del prodotto stesso. Molto spesso col nome Prosecco viene erroneamente indicato qualsiasi vino frizzante soprattutto nell'ambito del vino per aperitivi. Per tutelare il prodotto si è pensato di ritornare alle origini del vitigno stesso richiamandolo Glera. In effetti, questo era il vino conosciuto già in epoca romana come Pucinum. Il termine prosecco deriva da una cittadina friulana da cui partì l'allevamento del vitigno. In seguito, si diffuse anche in Veneto, soprattutto nella provincia di Treviso. Valdobbiadene, in particolare è all'apice della produzione di questa varietà.
Filari di un vigneto di Glera

Portalampada con rete Repta Round Cage - Attacco E27, con interruttore e cavo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 40,48€


Caratteristiche dell'uva Prosecco

Tipico aperitivo a base di prosecco Il vitigno Glera ha trovato in Veneto un terreno adatto alla sua indole complicata. Il vitigno riesce ad esprimersi al meglio in terreni collinari soleggiati con un buon drenaggio dell'acqua. Non gradisce terreni che trattengano molta umidità. Le forme di allevamento sono quelle classiche, non è consentito quello a pergola o a tendone, più adatti a produrre vini di minore pregio. Questa varietà deve essere prodotta senza forzatura alcuna e con almeno 2300 ceppi per ettaro. Il grappolo è piramidale, alato e piuttosto spargolo. In funzione dell'esposizione dei terreni, gli acini a maturazione assumeranno un colore giallo-verde o giallo dorato. Il vino ottenuto un colore giallo con riflessi verdognoli se prodotta in climi più freddi. Un colore giallo paglierino se i terreni sono più soleggiati e con temperature più miti.

  • arctostaphylus L'uva ursina è un piccolo arbusto sempreverde originario dell'Europa e del nord America; al genere arctostaphylos appartengono svariate specie, diffuse nelle regioni temperate dell'emisfero boreale, s...
  • uva nera La vite è una delle piante che venivano coltivate dall'uomo già nell'antichità; ne viene fatta menzione nella Bibbia, e ritrovamenti archelogici ne testimoniano la coltivazione già dal periodo neoliti...
  • oidio Come tutte le malattie crittogame, dette anche comunemente fungine, l'oidio (conosciuto più comunemente come mal bianco, nebbia o manna) si sviluppa soprattutto in presenza di condizioni climatiche um...
  • Malattie della vite In questa terza parte, dedicata alla cura delle malattie delle piante fruttifere, esamineremo le principali cause di danneggiamento sulla coltura della vite da vino e da tavola e saranno indicati i pr...

90 X 100 GREMBIULE VERDE IN PVC ANTISTRAPPO IMPERMEABILE VENDEMMIA RACCOLTA UVA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,4€


Vini DOCG e DOC

Flute di Prosecco L'uva Prosecco è alla base della produzione di vini conosciutissimi e di grande fama. Il Prosecco è il vino da aperitivo per antonomasia. La franchezza dei sentori e il gusto gradevole e raffinato lo rendono inconfondibile. I giovani sono i maggiori consumatori del prodotto. I vini prodotti possono essere DOCG e DOC, in funzione delle zone di produzione. Rientrano nella denominazione Prosecco DOCG: Conegliano -Valdobbiadene e Colli Asolani. Lo spumante viene immesso sul mercato con la dicitura " Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG". Le versioni prodotte sono dry, extra-dry e brut. Il vino spumante ottenuto da uva Prosecco proveniente dalla frazione di S. Stefano di Barbozza, detta Cartizze, può essere etichettato con la dicitura " Superiore di Cartizze". I vini a base uve prodotte in territori della provincia di Treviso che non ricadono nella DOCG possono essere immessi al consumo con la dicitura DOC.


Uva prosecco: Caratteristiche del vino Prosecco

Invitante flute di Prosecco La vinificazione deve avvenire secondo i metodi previsti dal rigido disciplinare. Le uve raccolte vengono sottoposte a pressatura soffice. Quindi il mosto ottenuto viene lasciato riposare per 10-12 ore affinché possa decantare. Il passaggio successivo prevede l'avvio della fermentazione alcolica per ottenere il vino base. Quest'ultimo verrà immesso in autoclave e inoculato di lieviti selezionati per la presa di spuma. Il vino così ottenuto da uva Prosecco può essere spumante o frizzante, in base alla pressione cui viene sottoposto. Lo spumante avrà bollicine più sottili e una spuma morbida e soffice. Il vino frizzante, invece, avrà bollicine più grosse. I sentori saranno fruttati e ricorderanno fiori e frutta a polpa bianca. La presa di spuma può avvenire anche in bottiglia. In questo caso, la lavorazione può durare anche anni. I sentori saranno meno freschi e ricorderanno lieviti e crosta di pane.



COMMENTI SULL' ARTICOLO