Orchidea cattleya

vedi anche: Orchidee

L'orchidea cattleya: generalità

L'orchidea cattleya può essere monofoliata o bifoliata, a seconda del numero di foglie presenti sulla pianta; quelle del primo gruppo possiedono fusti più alti (fino a 1 m) e producono fiori di dimensioni maggiori, molto appariscenti. L'orchidea cattleya bifoliata, invece, è caratterizzata da fiori più piccoli e delicati. Tutte sono dotate di foglie nastriformi, arcuate, cuoiose e di colore verde acceso; le radici sono rizomatose e da esse parte uno pseudobulbo eretto, a cui sono attaccate le foglie. La struttura dell'orchidea cattleya fa sì che dal suo stelo si possano distinguere le generazioni della pianta; andando indietro orizzontalmente, infatti, si potranno vedere uno stelo in fiore preceduto da uno senza fiori, in quanto più vecchio e, dunque, già sfiorito.
Fiore d'orchidea cattleya

Vivai Le Georgiche ORCHIDEA CATTLEYA ARANCIO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 37,4€


L'orchidea cattleya: coltivazione

Orchidea cattleya in vaso Contrariamente a ciò che molti pensano, che le orchidee siano delicate e difficili da coltivare, l'orchidea cattleya è una pianta rustica, che richiede poche cure e che può essere affidata anche a mani poco esperte.Relativamente al terreno, essendo una pianta epifita questa orchidea richiede un substrato drenante, capace di trattenere l'umidità e di consentire alle radici la giusta aerazione: corteccia, torba, argilla espansa, o pezzetti di legno. L'orchidea cattleya necessita di una posizione luminosa e di temperature costanti, intorno ai 20/25°C, senza particolari sbalzi notte/giorno. Le innaffiature devono essere regolari ma ridotte, prestando attenzione a evitare i ristagni d'acqua; l'ideale sono vaporizzazioni frequenti dei fusti e del substrato.

  • bauhinia corniculata Questo genere comprende circa 200 piccoli arbusti o alberelli provenienti dalla Cina, dall'India e dall'Africa meridionale. Alcune specie, come B. grandiflora si possono coltivare all'aperto nelle reg...
  • Orchidee Cattleya spicata Il genere orchidee cattleya conta circa cinquanta specie di epifite e litofite, originarie dell'America meridionale; sono munite di pseudobulbi carnosi, che possono avere dimensioni vicine ai 5-7 cm, ...
  • Laelia Il genere Laelia comprende circa 50-60 specie di orchidee, prevalentemente epifite, originarie dell'America centrale, molto affini alle cattleya. Queste varietà formano densi ciuffi di pseudobulbi pia...
  • Bletilla striata Generalmente quando pensiamo a un’orchidea il nostro immaginario rievoca ricordi di piante delicate, dai requisiti molto particolari, spesso con radici aeree, che andrebbero coltivate solo dai veri ap...

Vivai Le Georgiche ORCHIDEA CATTLEYA ROSA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 37,4€


L'orchidea cattleya: concimazione

Assortimento di orchidee cattleya L'orchidea cattleya necessita di essere concimata costantemente, ogni 20 giorni circa, con un composto di azoto, fosforo e potassio, da somministrare in concentrazioni diverse a seconda del periodo: per favorire la ripresa vegetativa, aumentare la quantità di azoto; durante la fioritura, diminuire l'azoto e aumentare la concentrazione di potassio; negli altri periodi, somministrare un composto delle sostanze in parti uguali.Il concime dovrà essere diluito nell'acqua d'irrigazione, avendo l'accortezza di bagnare prima il substrato dell'orchidea cattleya con sola acqua, in modo da evitare concentrazioni di sali che danneggerebbero le radici. Inoltre, ogni 4/5 concimazioni effettuare qualche innaffiatura con sola acqua, per diluire i sali concentrati nel substrato.