agave

vedi anche: Agave - Agave

Agave

Esistono numerose specie di agave, il quale hanno molte caratteristiche in comune ma si differenziano anche per quanto riguarda le dimensioni raggiunte dalle piante, il colore e la forma delle foglie.

Una caratteristica comune alla maggior parte delle specie di Agave è quella di fiorire una sola volta nella sua esistenza, nella stagione primaverile avanzata o all’inizio dell’estate, quando la pianta è ormai adulta e pronta a far maturare i propri frutti, dopo di che l’Agave secca e muore.

In tutte le specie differenti l’Agave si presenta come una pianta a cespuglio, con foglie disposte a rosetta, di forma allungata e molto spesse, in genere il bordo della foglia è dotato di piccole spinte e sulla punta è presente un aculeo.

Nel corso della sua esistenza la pianta produce lo stelo fiorale che sosterrà i fiori quando sarà il momento, lo stelo si sviluppa al centro della rosetta di foglie e, a seconda della specie, può arrivare anche a un’altezza di diversi metri. I fiori si manifestano con infiorescenze raccolte a grappolo mentre il frutto è una capsula composta da tre parti.

agave

Vivai Le Georgiche AGAVE AMERICANA VARIEGATA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


Le specie più conosciute

agaveQuesto genere di pianta grassa comprende molte specie diverse che si sviluppano al meglio se messe a dimora a terra, ecco le principali e più note:

- Agave Americana: le sue foglie sono allungate e hanno un caratteristico colore grigio verdastro, ha aculei sulla punta, raggiunge la maturità nel tempo di pochi anni ed è la più diffusa nelle zone in cui il clima è piuttosto caldo grazie alla sua resistenza a diverse tipologie di temperatura e al fatto che può anche essere coltivata in vaso e mantenuta entro dimensioni piuttosto contenute

- Agave Stricta: le sue foglie sono di un color verde molto intenso, non molto carnose, lunghe fino a mezzo metro e dotate di un grosso aculeo, mentre lo stelo raggiunge al massimo due metri di altezza

- Agave Victoriae Reginae: è forse la più caratteristica grazie alle sue foglie allungate e sottili che presentano striature bianche sui margini e all’interno della foglia che creano delle forme irregolari. Essendo una pianta tipica del Messico ama i terreni calcarei o desertici ed è una specie tra le più piccole, le sue foglie formano un cespuglio molto compatto, i fiori sono molto grandi e lo stelo può tranquillamente superare i due metri di altezza.

  • agave pianta succulenta originaria del Messico, diffusa in tutta l'area mediterranea e in molti luoghi temperati del globo. Costituisce dense rosette basali di foglie carnose, triangolari, arcuate, lunghe 1...
  • agave Le agavi sono delle succulente monocarpiche o pluricarpiche multiannuli o perenni. Hanno foglie grandi il più delle volte rigide e succulente. Spesso in cima è presente una spina molto appuntita. Il ...
  • agave pianta succulenta originaria del Messico; produce un’ampia rosetta di foglie succulente, alta fino a 60-80 cm e larga anche 100-150 cm; le foglie sono allungate, rigide e carnose, molto spesse, di col...
  • agave Piana succulenta originaria dell'America centro-meridionale, molto ben adattata ai climi mediterranei; è molto conoscitua soprattutto per la particolarità di fiorire un'unica volta, appena prima della...

Vaso Agave In Resina Quadrato Grigio H70 33x33Cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36,8€


Coltivazione e annaffiatura

coltivazione agaveL’Agave trova il suo ambiente prediletto in ambienti con clima particolarmente mite o in zone temperate che più si avvicinano come condizioni climatiche alle sue zone di origine. La temperatura ideale per la crescita di queste maestose piante grasse è compresa tra venti e trenta gradi ed è indispensabile scegliere una posizione assolata e ben illuminata sia durante la stagione estiva che quella invernale. L’Agave ama l’aria aperta anche se può essere coltivata anche in vaso, ma è molto importante in questo caso spostare il vaso all’aperto non appena le temperature si fanno più intense.

L’Agave non ha bisogno di grandi quantità d’acqua, la soluzione ideale è quella di innaffiarla poco e con regolarità: durante l’inverno la pianta è in fase di quiescenza vegetativa e quindi non necessita di molta acqua, è sufficiente mantenere il suo terreno leggermente umido. Dal mese di marzo in poi, con l’arrivo della primavera e con la ripresa vegetativa si devono intensificare gradualmente le innaffiature avendo cura di mantenere il terreno umido ma mai bagnato, i ristagni d’acqua sarebbero letali alla pianta. Quando si avvicina l’autunno, verso il mese di settembre, si devono iniziare a diradare le innaffiature.

Per le piante in vaso è indispensabile che nel sottovaso non ci sia mai dell’acqua, inoltre è molto importante che l’operazione di innaffiatura sia effettuata da sotto le foglie, oppure se viene effettuata dall’alto è d’obbligo asciugare gli eventuali residui che potrebbero fermarsi nella rosetta delle foglie.