Haworthia

Haworthia

Le haworthia sono piante grasse di dimensioni contenute ornamentali per le belle foglie a raggiera che si declinano in molte forme e sfumature differenti. Sono diventate popolari per la loro facilità di coltivazione: sono difatti poco esigenti per quanto riguarda le irrigazioni e la manutenzione in generale. In Italia vanno per lo più coltivate in vaso, anche se in particolari contesti (estremo Sud e aree costiere molto miti) è anche possibile la piantumazione in giardino, specialmente se disponiamo di un’area ben protetta durante l’inverno.

Tollerando bene posizioni ombreggiate o non eccessivamente luminose trovano un largo impiego anche come piante da interno: possono diventare un’ottima idea regalo per iniziare al giardinaggio una persona con poco “pollice verde”.

Haworthia

ALBERO PIANTA LIMONE KUMQUAT impalcato BASSO IN VASO MOLTI FRUTTI Produzione Viggianocactus

Prezzo: in offerta su Amazon a: 50,9€


Origini e caratteristiche della Haworthia

haworthia Il genere, che fa parte della famiglia delle Liliaceae, comprende circa 70 specie di piante succulente strettamente imparentate con le Aloe e le Gasteria (appaiono infatti molto simili). Sono tutte originarie degli stati meridionali dell’Africa e sono caratterizzate da dimensioni abbastanza contenute (in pochi casi superano i 30 cm di altezza) con foglie appuntite o tronche (in realtà molto polimorfe), di solito disposte a rosetta rispetto al centro. Quelle tronche (dette “fenestrate”) guadagnano molto in bellezza nel periodo dello sviluppo: la parte apicale della foglia (dove sembra che ci sia un “taglio”) diventa estremamente brillante, traslucida e quasi trasparente, per poi, in primavera ed estate, riprendere il normale aspetto opaco.

Lo sviluppo è molto lento e necessitano quindi di pochissima manutenzione e rarissimi rinvasi; la fioritura, ( che avviene di solito intorno al solstizio di inverno), è un evento frequente, ma le corolle rappresentano più una curiosità che un’effettiva attrattiva ornamentale. Sono portate su steli da 10 a 30 cm, alle volte molto più lunghi dell’intera pianta; i petali si declinano nelle sfumature del bianco, del crema e del rosa chiaro.

L’HAWORTHIA IN BREVE
Famiglia, genere, specie Lilicecae, gen. Haworthia, circa 70 specie
Origine Sudafrica
Dimensioni Da 5 a 60 cm di altezza
Tipo di pianta succulenta
Esposizione Mezz’ombra
Necessità idrica bassa
Manutenzione Bassa e facile
Terreno Povero e molto drenante; per cactacee
Temperatura minima 5-10°C
Temperatura nel periodo vegetativo 15-22°C
Parassiti e malattie Marciumi, cocciniglia
Propagazione Divisione, talea, semina


  • haworthia cymbiformis Il genere Haworthia conta 80-90 specie, originarie dell'Africa meridionale. Il nome Haworthia deriva dal celebre Adrian Hardy Haworth, specialista in piante succulente. Si tratta, infatti, di una succ...
  • piante grasse gruppo che comprende decine di piante succulente sempreverdi originarie dell'Europa, dell'America e dell'Asia. Si presentano come dense rosette di foglie carnose, per lo più arrotondate, talvolta allu...
  • piante grasse Generalità: Originario del Sud America, comprende venticinque specie di cactus a colonna.Trichocereus Spachiana Il Trichocereus Spachiana è originario dell'Argentina settentrionale. Ha portamento co...
  • Stetsonia questo genere è composto da una sola specie di catus colonnare originario dell'America meridionale, riscontrabile soprattutto in Argentina e in Bolivia. Ha fusto eretto, molto ramificato, che presenta...

PIANTE GRASSE VERE RARE Haworthia VASO 11 CERAMICA BIANCO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,9€


Esposizione e Clima Haworthia

haworthia fasciata In linea generale le Haworthia crescono bene in posizioni non troppo soleggiate. La luce e il calore intensi possono infatti causare bruciature o disidratazione e un’antiestetica colorazione rossastra. Di conseguenza sono ideali come piante da interno, specialmente per quelle abitazioni prive di finestre disposte a Sud o ad Est. Possono tuttavia essere tenute anche all’esterno a patto di inserirle dove la luce sia schermata per buona parte della giornata (specialmente durante le ore centrali).

Gradiscono temperature praticamente costanti durante tutto il corso dell’anno, né troppo alte, né troppo basse. Idealmente dovremo rimanere tra i 15 e i 22°C. Durante la stagione invernale tollerano un freddo leggero, ma nel locale in cui sono ricoverate non dobbiamo mai scendere sotto i 5°C (ma informiamoci attentamente per ogni singola varietà perché alcune soffrono già quando si sfiorano i 10°C).


Terreno

Le haworthia richiedono un substrato povero e soprattutto estremamente drenante. L’ideale è mescolare della ghiaia di fiume (o pomice e pozzolana) di pezzatura media e fine con della sabbia o, se ne disponiamo, della agriperlite agricola.

Adatta è anche una miscela ottenuta da metà torba e metà terriccio per cactacee, magari con l’aggiunta di ghiaietto di piccole dimensioni nella parte bassa del vaso.


Irrigazioni e annaffiature

haworthia reinwardti Sotto questo aspetto queste succulente sono poco esigenti. In natura vivono semplicemente con l’umidità lasciata dalla notte sul terreno. Noi dovremo, per avere piante sane, seguire diverse fasi durante le stagioni dell’anno. Alla fine dell’inverno vi è il periodo di massima crescita vegetativa: questa va supportata con irrigazioni un po’ più frequenti (lasciamo indicativamente il terreno asciutto per un giorno prima di procedere con la somministrazione) In estate lasciamo passare un po’ più di tempo: l’haworthia, infatti, si dedica maggiormente allo sviluppo delle radici ed è proprio in questa fase che si rischia maggiormente l’insorgere di marciumi. Lasciamo perciò asciugare perfettamente il substrato. Utili, per attenuare il caldo, sono invece le leggere vaporizzazioni del fogliame.

In inverno le irrigazioni vanno invece sospese quasi completamente: controlliamo solamente che il pane di terra non diventi un blocco unico troppo asciutto e compatto.


Rinvaso Haworthia

Rinvaso Haworthia Può essere effettuato in qualsiasi momento dell’anno. Non è un’operazione da effettuare regolarmente: si procede quando le radici hanno occupato tutto lo spazio disponibile o sono insorte delle marcescenze a livello radicale.

In quest’ultimo caso le radici possono essere anche sparite completamente: per porre rimedio lasciamo asciugare all’aria l’intera pianta per qualche giorno. Inseriamola poi in un nuovo substrato il più possibile inerte, povero e drenante: ciò favorirà (specialmente durante la stagione estiva) la produzione di nuove radici.

Le haworthia hanno un apparato radicale abbastanza carnoso e profondo: scegliamo quindi vasi più alti che larghi e in materiale naturale (che garantisce una migliore traspirazione).

IL CALENDARIO DELLE HAWORTHIA
Crescita vegetativa Marzo-giugno
Crescita apparato radicale Luglio-settembre
Riposo vegetativo Novembre-marzo
Divisione aprile
Concimazione equilibrata marzo
Concimazione mensile P-K Aprile-settembre
Rinvaso Primavera; sempre possibile


Concimazione Haworthia

La concimazione si struttura in due fasi: all’uscita dall’inverno si somministra un prodotto liquido con uguali proporzioni di azoto, fosforo e potassio. In seguito, di solito una volta al mese, si utilizza una formulazione in cui i due ultimi macroelementi risultino preponderanti. Preferiamo sempre i fertilizzanti dotati anche di microelementi, essenziali dato che il substrato è quasi inerte.


Fioritura

fiore haworthia La fioritura viene favorita da una periodo di freddo moderato: il poco interesse degli steli (e lo sforzo che comportano per la pianta) portano molti appassionati alla loro eliminazione per permettere una maggiore concentrazione sullo sviluppo vegetativo.


Propagazione

Il metodo più semplice di propagazione è la divisione: si procede di solito in primavera. Le singole piantine vanno estratte dal substrato e lasciate asciugare per qualche giorno (in questo modo si evita l’insorgenza di marciumi e muffe lungo le incisioni). Si separano poi tagliandole con un coltello affilato e si inseriscono in vasetti singoli. Evitiamo di bagnare per qualche giorno e teniamole ad una temperatura di circa 18°C, in posizione ombreggiata.


Parassiti e malattie haworthia

haworthia Sono piante molto resistenti: patiscono solamente in caso di eccessive irrigazioni.

In casi eccezionali possono venire colpite dalla cocciniglia farinosa: può essere staccata a mano, disinfettando poi con alcool. In alternativa utilizziamo dell’olio bianco attivato con un insetticida sistemico, monitorando la diluizione a seconda del periodo dell’anno.


Varietà di Haworthia

Haworthia attenuata

Molto diffusa in commercio: le foglie, lunghe circa 6 cm, sono di solito erette, di color verde militare attraversate da puntini o linee (per esempio la varietà clariperla) irregolari bianche sia sul fronte che sul retro. La punta non è acuminata ed è quindi adatta a case in cui vi siano bambini o animali domestici. La dimensione definitiva si attesta sui 15 cm in altezza come in larghezza. La fioritura, color crema, avviene di solito in estate.

Vive bene con luce piuttosto intensa, ma di solito non patisce le esposizioni ombreggiate. Richiede pochissima manutenzione e tollera benissimo la siccità.

Haworthia truncata

Succulenta molto particolare per la strana forma delle foglie: sono quasi rettangolari e disposte in linea retta. L’apice è tronco, come fosse stato tagliato di netto, e appare estremamente lucido, specialmente nelle fasi di crescita. Vuole un substrato perfettamente drenato per evitare l’insorgere di marciumi ed è una delle poche a sopportare il sole diretto. La fioritura è portata su di uno stelo lungo circa 20 cm. I fiori sono piccoli tubuli chiari con striature brune.

Haworthia margaritifera

Foglie appuntite disposte a rosetta, abbastanza erette e larghe più di 15 cm. Bella per le piccole escrescenze candide.

Haworthia reinwardtii

Ha foglie che crescono a rosetta di forma molto particolare: allungata e appuntita. Il colore è verde scuro con righe e punti in rilievo più chiari.

Haworthia minima

Caratterizzata da dimensioni davvero contenute: cresce al massimo fino a 8 cm di altezza e ampiezza. È una specie piuttosto variabile per quanto riguarda forma e colori delle foglie. In generale risultano quasi sempre appuntite e disposte a rosetta con maculature e punteggiature più o meno evidenti. I fiori sono bianchi con sfumature rosate.

Molto amata perché vive bene in diverse condizioni di luce, ma bisogna stare attenti a non esagerare con le irrigazioni visto che è frequente vittima di marciumi

Haworthia venosa

Molto interessante per l’attitudine a crescere allargandosi, anche se ha un portamento abbastanza eretto. Le foglie sono appuntite e rivolte verso l’esterno, dentate lungo i bordi. Il colore è verde scuro (alle volte con sfumature rossastre) dove compaiono righe in tonalità più chiare. Può crescere fino a 60 cm , ma è un esemplare che va necessariamente ritirato durante la stagione fredda visto che comincia a patire già a 10°C.

Haworthia tesselata

Molto simile alla precedente (alcuni la classificano come una sua varietà) ha foglie molto grandi (superano i 30 cm di lunghezza) e caratterizzate da un motivo a quadri estremamente ornamentale.



  • haworthia Il genere Haworthia conta 80-90 specie, originarie dell'Africa meridionale. Il nome Haworthia deriva dal celebre Adrian
    visita : haworthia

COMMENTI SULL' ARTICOLO