terriccio

Il terriccio

Con il termine terriccio si indica un terreno particolarmente ricco di elementi nutritivi (solitamente sostanze vegetali in stato di decomposizione) derivati dalla campagna, dai boschi o dal compostaggio della parte organica dell’immondizia e dei rifiuti solidi; tale terreno viene mescolato con ulteriori sostanze, e quindi impiegato come concime o substrato fertile per le piante da giardinaggio, per le piante da vaso e all’interno delle serre. Evidentemente, l’etimologia fa riferimento alla terra, vale a dire al suolo nel quale le piante vegetano. In realtà, il terriccio è composto da tre parti: una parte vegetale, costituita da residui vegetali e foglie; una parte inerte, drenante e strutturante, costituita da ciottoli, ghiaia e sabbia; e infine una parte argillosa, costituita da limo o argilla, più o meno compatta. Ciascuna di queste parti, per altro, può essere sottoposta ad altre distinzioni riguardanti la natura fisica, l’origine e la provenienza chimica. Ma in realtà effettuare distinzioni troppo nette sarebbe sbagliato, perché, per esempio, la componente vegetale può risultare nutriente all’interno dell’argilla, mentre l’argilla stessa può avere l’aspetto della sabbia, eccetera. Resta il fatto che dalla combinazione delle diverse parti discendono condizioni fisiche di rilascio di acqua, ritenuta idrica e umidità particolari, ma anche nutrienti, sia inorganici che organici. Inoltre, ogni terriccio è caratterizzato da un pH specifico, vale a dire da un determinato valore di alcalinità e acidità.

terriccio

BioBizz Light-Mix Sacco Terriccio 50L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,89€
(Risparmi 2,01€)


Varietà differenti

terriccioDal punto di vista delle coltivazione delle piante, è possibile individuare una gamma praticamente infinita di terriccio, visto che ogni specie vegetale manifesta esigenze specifiche da questo punto di vista: avremo, infatti, piante che preferiscono terreni drenanti e piante che preferiscono terreni compatti; piante che preferiscono terreni alcalini e piante che preferiscono terreni acidi; e così via, senza dimenticare altre peculiarità come la ricchezza o la scarsità di nutrienti e la capacità di ritenere i liquidi. Oltre ai principali nutrienti, corrispondenti a potassio, fosforo e azoto, è necessario ricordare i cosiddetti mesoelementi, il cui ruolo è fondamentale nell’esercizio di funzioni catalitiche, chimiche o fisiche, ma soprattutto i microelementi, che, pur presenti in minime quantità, si rivelano indispensabili per garantire la sopravvivenza delle piante. Vale la pena di ricordare, inoltre, che la popolazione micetica e batterica serve a dare il via a trasformazioni chimiche importanti, a mettere a disposizione i nutrienti e soprattutto a favorire la condizione di terreno soffice. A proposito del terriccio di coltivazione, nell’ambito del giardinaggio i prodotti impiegati derivano dalla composizione di diversi elementi. Risulta fondamentale essere a conoscenza dei bisogni delle diverse piante, così da adeguare le condizioni del suolo alla crescita. E’ soprattutto al momento della semina che la preparazione si rivela importante, nel momento in cui per l’emersione degli steli (e in generale per i primi stadi di vita delle diverse specie) sono rilevanti la disponibilità di nutrienti, la ritenuta di liquidi, la morbidezza del suolo e la capacità di conservare l’umidità.


  • Alpinia zerumbet fiore L'alpinia zerumbet o purpurata è una pianta tropicale sempreverde, originaria dell'America centro meridionale e dell'Asia. Forma un cespo fitto e compatto di foglie allungate, appuntite, di colore ver...
  • Eschinanthus Al genere aeschynanthus appartengono alcune specie di piante perenni rampicanti o prostrate, epifite, originarie dell'Indonesia e del Borneo; il genere comprende moltissime specie, spesso molto dissim...
  • Calathea makoyana La calathea (comunemente detta calatea) è una pianta tropicale, originaria dell’America meridionale, diffusa in natura anche in alcune zone dell’Asia; in natura queste piante si sviluppano come sottob...
  • Exacum affine E' una erbacea perenne sempreverde originaria dell’Isola di Socotra; al genere exacum appartengono circa 40 specie di piante erbacee, annuali e perenni, ma solo E. affine viene coltivata come pianta o...

BioBizz All-Mix Sacco Terriccio 50L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,46€
(Risparmi 1,3€)


La torba

torbaL’uniformità del terriccio, per altro, ha aumentato la disponibilità di torba, un composto derivante dalla decomposizione vegetale che esercita un’azione di primo piano nella riduzione delle infezioni. Non è un caso che la torba venga raramente impiegata per le piante adulte, le quali non hanno bisogno di conservare l’umidità in maniera così evidente (e nemmeno di proteggersi dalle malattie tramite aiuti esterni): di conseguenza, in questi casi si può fare ricorso ad ammendanti meno costosi. Bisogna sottolineare, per altro, che l’incremento di utilizzo della torba, per la verità molto consistente, ha dato origine a problemi notevoli di eco-sostenibilità, visto che le torbiere si stanno gradualmente esaurendo: per trovare una soluzione immediata, è indispensabile una gestione equilibrata che riesca a conciliare il ripristino naturale delle torbiere e la loro coltivazione.