Ficus bonsai

Il ficus bonsai, apprezzato e conosciuto

Il ficus bonsai può essere considerato come uno dei bonsai da interno per antonomasia. Si tratta di una pianta in grado di vegetare senza problemi in ambienti privi di una illuminazione eccessiva, negli stessi punti in cui la maggior parte delle altre piante non sarebbe in grado di sopravvivere; inoltre, richiedere poche e semplici cure per sopravvivere e crescere, e pertanto risulta consigliato anche ai bonsaisti meno esperti. In natura esistono migliaia di varietà di ficus, dal repens rampicante a quello comune, ma il più adatto e diffuso per la tecnica bonsai può essere individuato nel ficus retusa. Abbiamo a che fare con una specie dal tronco sinuoso e robusto, caratterizzato da una corteccia piuttosto chiara talvolta arricchita ma macchie orizzontali bianche. La base del tronco negli esemplari adulti è ricca di radici molto contorte, dall’aspetto estetico particolare; ma a distinguere ancora di più il bonsai ficus sono le radici aeree, che arrivano a terra partendo dai rami, e in pratica si presentano come dei tronchi secondari. Per quel che riguarda le foglie, esse presentano un colore verde intenso e sono appuntite; i frutti, invece, sono dei piccoli fichi di colore giallognolo, che però non compaiono sempre.
ficus bonsai

Neuftech Forbici da potatura Professionali | in acciaio inox potatura cesoie - Lame Affilate perfetto per gli alberi di mele, Rose & siepi, giardino, cortile ecc

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€
(Risparmi 11€)


Esposizione in primavera e in estate

ficus bonsai Durante i mesi primaverili, con temperature superiori ai dieci gradi, la pianta deve essere tenuta in pieno sole all’esterno, in maniera tale che, ricevendo un’illuminazione adeguata, possa vegetare in maniera vigorosa, producendo foglie piccole e rami robusti, e dando vita in generale a una vegetazione uniforme e compatta. Anche in estate il ficus non ha problemi a rimanere al sole (a differenza di quel che succede con la maggior parte degli altri bonsai) purché il vaso venga adeguatamente protetto dai raggi diretti: in questo modo, infatti, si evita che l’apparato radicale si surriscaldi. In alternativa la pianta può essere portata in casa e posizionata in un luogo ben illuminato, possibilmente di fronte a una finestra. Attenzione alle finestre esposte al sole, però, che dovranno essere coperte da una tenda per impedire che l’effetto lente ustioni le foglie. Mentre in autunno il ficus vive senza problemi sia all’aperto che in casa, indifferentemente, quando le temperature vanno sotto i dieci gradi il ricovero in casa è obbligatorio. La giusta umidità può essere ottenuta con della ghiaia bagnata messa nel sottovaso, sia durante i caldi mesi estivi, sia di inverno, nel momento in cui l’aria viene seccata dai caloriferi accesi. Tra l’altro la presenza di ghiaia bagnata serve anche a scoraggiare eventuali infestazioni provenienti dal ragno rosso.


  • carmona Salve ho ricevuto un bonsai in regalo e vorrei sapere notizie piu particolari rispetto a quello che ho letto sul vostro sito, che ritengo molto molto utile: Posso rivolgermi a voi o all'esperto di com...
  • bonsai Salve!Volevo chiedere una cosa: mi sto appassionando molto ai bonsai, ma è una cosa appena nata e vorrei sapere come si fa a farli, basta prendere delle piante normali o c'è bisogno di piante partic...
  • ficus bonsai SECONDO VOI E' POSSIBILE CREARE DELLE TALEE DA UN'ALTRO BONSAI?...
  • Biancospino bonsai genere che comprende 100-150 specie di arbusti o piccoli alberi a foglia caduca, originari dell'Europa, dell'Africa settentrionale, dell'Asia e del nord America; generalmente si coltivano come bonsai ...

GRÜNTEK Comfort Tagliasiepi LUCCIO TEFLON 560 mm, Cesoie Arbusto con bordo seghettato e rivestimento double-Teflon. Prezzo di lancio con garanzia di soddisfazione di 21 giorni !!

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,49€
(Risparmi 4,36€)


L'annaffiatura

ficus bonsaiIl bonsai ficus può essere irrigato utilizzando un innaffiatoio dotato di soffione delicato: per la somministrazione di acqua, però, bisogna aspettare che il terreno sia completamente asciutto. L’operazione va ripetuta a distanza di pochi minuti per due o tre volte, così che il substrato sia in grado di assorbire interamente l’acqua versata. Le irrigazioni devono essere meno frequenti in autunno, quando il sole e più basso e le giornate diventano più brevi, visto che, naturalmente, la pianta consumerà una quantità di acqua inferiore rispetto a quella consumata in estate. E’ durante la primavera, invece, che occorre eseguire la potatura: se i rami vengono tagliati tra aprile e maggio, infatti, si avrà la certezza che la ripresa vegetativa sarà istantanea. Abbiamo a che fare, per altro, con una specie dal legno fibroso e tenero, il che si traduce in una cicatrizzazione rapida ma esteticamente non gradevole: in particolare, i tagli grandi creano un rigonfiamento piuttosto evidente, che deve essere curato usando della pasta cicatrizzante. Le operazioni di potatura vanno compiute con la tronchese concava; è lo stile del bonsai, invece, a determinare quali branche eliminare o accorciare. Di certo, devono essere tolti tutti quei rami che si proiettano in verticale, quelli che compaiono sotto altri rami, quelli che si sviluppano verso l’interno e quelli che si intersecano.