Abete argentato

Come irrigare

Le annaffiature vanno innanzitutto regolate sulla base dell'età dell'esemplare; gli alberi più giovani, infatti, hanno un maggiore bisogno d'acqua rispetto a quelli adulti, e temono molto di più la siccità. Un altro fattore che deve influenzare le irrigazioni è l'andamento delle precipitazioni, poiché naturalmente la somministrazione di risorse idriche va limitata in caso di piogge abbondanti, soprattutto in inverno. Si raccomanda di non provocare mai ristagni, che causano marciumi alle radici e, di conseguenza, determinano un indebolimento generale della pianta. Grazie all'irrigazione a goccia è possibile monitorare attentamente la quantità d'acqua fornita, interrompendo il getto quando lo si ritiene opportuno; tramite questo sistema si evita di inumidire le foglie, bagnando direttamente il terreno in superficie o le radici.
Abete argentato

Vivai Le Georgiche Salix Babylonica (Salice Piangente Della Cina) [H. 250 Cm.]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 57€
(Risparmi 6€)


Coltivazione dell'abete argentato

Aghi abete Questo albero, perfetto per adornare i parchi ed i giardini, necessita di un terreno morbido, leggero e ben drenato. Un primo impianto va effettuato in un recipiente contenente terriccio universale con torba; trascorsi circa due anni, la pianta potrà essere trapiantata in piena terra. La moltiplicazione si verifica sia tramite semina, sia per talea semilegnosa, rispettivamente nel corso della stagione primaverile e di quella estiva. La potatura è essenziale per ottenere una crescita perfetta dell'abete argentato: nel momento in cui si presenta una malattia fungina, è fondamentale eliminare immediatamente i rami colpiti per scongiurare danni irreparabili all'esemplare, ed allo stesso modo bisogna recidere il prima possibile le parti legnose rovinate da altri fattori, tra cui il vento ed i parassiti.

  • Abete di Natale La tradizione dell'Abete di Natale affonda le sue radici nelle più svariate culture europee: i celti e le popolazioni nordiche veneravano le conifere sempreverdi, simbolo di vita eterna, alberi cosmic...
  • abies concolor L'Abete Abies concolor è una conifera sempreverde, originaria dell'America settentrionale; si tratta di un albero a crescita abbastanza lenta, mediamente longevo, che può raggiungere i 15-25 metri di ...
  • Abies koreana - pigne L'Abies Koreana è una conifera a crescita lenta lenta, di medie dimensioni, originaria della Korea; gli esemplari adulti possono raggiungere i 9-10 metri di altezza, nell'arco di alcune decine di anni...
  • albero abies picea L'abies picea, o abete rosso, è una conifera diffusa particolarmente in Europa settentrionale e centrale. Rispetto ad altri tipi di abete, questo genere presenta degli aghi singoli, mai raggruppati; q...

Semi di prova Bonsai prodotto Melo 30 pc di Apple Seeds (Usato Wet Sand Cavolo) Frutta Bonsai Garden In Vasi di fiori Fioriere

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,89€


Come concimare

Pino argentato giardino Bisogna eseguire la concimazione dell'abete argentato annualmente, preferibilmente in primavera: si consiglia di interrare ai piedi dell'albero un fertilizzante granulare a lenta cessione che possa fornire tutti gli elementi necessari per lo sviluppo e per il sostentamento dell'esemplare. I tre macroelementi principali sono il fosforo, il potassio e l'azoto; ognuno di essi ricopre un ruolo importante, in quanto il primo favorisce il rafforzamento delle radici ed il metabolismo, il secondo incentiva l'assorbimento degli zuccheri e la sintesi proteica, il terzo supporta la crescita dei tessuti e delle parti vegetative. Proprio per questo l'azoto non deve mai essere presente nel concime in quantità eccessiva: in caso contrario, l'albero tenderebbe a indebolirsi. La fertilizzazione è fondamentale per la salute della pianta coltivata, e va effettuata con regolarità.


Abete argentato: Esposizione, malattie e parassiti

Ruggine pianta L'esposizione suggerita è soleggiata oppure a mezz'ombra; in entrambi i casi l'albero si sviluppa correttamente. In più, questa pianta non teme il freddo, e tollera anche temperature al di sotto dello zero. Un pericolo, tuttavia, consiste in malattie fungine determinate da un eccesso di umidità, tra cui la ruggine. Essa si manifesta con una sorta di muffa brunastra che ricopre gli aghi e ne provoca il deperimento: come cura si suggeriscono metodi sia naturali, come gli infusi d'aglio, sia chimici, come appositi anticrittogamici a base di zolfo e zinco. Anche i parassiti possono colpire questo albero; particolarmente fastidiosi sono gli afidi, che succhiano la linfa e trasmettono vari tipi di virus. Un'ottima soluzione per debellarli è il macerato d'ortica, ma vanno bene anche gli insetticidi a base di piretro.


Guarda il Video
  • abete argentato Il Pino argentato è una conifera originaria del nord America; ama terreni freschi e umidi, quindi necessita di annaffiat
    visita : abete argentato

COMMENTI SULL' ARTICOLO