Olmo

Quanto e quando irrigare

L'olmo è una pianta appartenente al genere Ulmus e si distingue dalle altre piante poiché è una delle più imponenti. Le caratteristiche di questa pianta la rendono sicuramente una delle più particolari da coltivare e curare. Inoltre, l'albero di olmo si distingue per la versatilità e la capacità di adattamento, caratteristiche che di sicuro lo rendono adatto a vivere negli ambienti più eterogenei. Di norma, il giorno precedente la piantagione si procede con l'umidificazione del terreno. Questo verrà irrigato ma non eccessivamente. Questa operazione risulta di fondamentale importanza in quanto si deve produrre un'ambiente ben idratato, atto ad accogliere l'albero. Tuttavia, il terreno continuerà ad essere irrigato nei giorni successivi alla piantagione e, in generale, durante il primo anno del ciclo vitale della pianta è necessario procedere in maniera regolare.
Irrigazione olmo

OLMO Stayer 22-400B-Motosega Elettrica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 116,89€
(Risparmi 9,11€)


Come coltivarlo

Specie olmo bonsai Per effettuare una perfetta piantagione è necessario seguire una serie di accortezze, valide anche per l'olmo bonsai. Innanzitutto bisogna capire se il terreno presenta tutte le caratteristiche morfologiche e fisiche adatte ad una crescita della pianta ottimale. Assicuratisi di ciò, si procede con la formazione nel terreno di una buca dove verrà sistemata la pianta. Una volta riempita con tutte le radici della pianta, questa viene ricoperta con del terreno e poi si provvede a creare una giusta protezione contro le gelate con della paglia o materiale simile. La piantagione si esegue solitamente nella stagione autunnale, a temperature ancora tollerabili. Inoltre, l'arbusto viene tenuto dritto grazie all'utilizzo di un supporto a cui viene legato. La potatura non va effettuarla regolarmente.

  • olmo adulto L'Olmo albero è di grandi dimensioni e di origine europea, ma anche asiatica o nordamericana a seconda delle specie. Nei nostri territori si trovano specialmente di tipo montano o campestre. Dotato di...
  • Akadama terriccio olmo Il numero di volte in cui un albero va annaffiato dipende da motivi diversi: la sua specie, il periodo dell'anno in cui si trova, le sue dimensioni. L'Olmo va annaffiato ogni 15-20 giorni, d'estate, e...
  • Eritrina L'eritrina è un arbusto o piccolo albero caduco appartenente ad un genere che comprende più di 100 specie di alberi originari dell'America centrale. Questa pianta presenta un portamento eretto, molt...
  • abies concolor L'Abete Abies concolor è una conifera sempreverde, originaria dell'America settentrionale; si tratta di un albero a crescita abbastanza lenta, mediamente longevo, che può raggiungere i 15-25 metri di ...

Stayer . Motosega Olmo G1-250 B, a benzina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 159,6€


Come e quando concimare

Olmo foglie Nel periodo immediatamente successivo all'operazione di piantagione, in linea generale vengono messe a punto tutte quelle operazioni che permetteranno all'albero di adattarsi al nuovo contesto abitativo. Avere cura dell'olmo implica comunque una costanza non limitata solo al periodo post coltivazione. La concimazione è la fase basilare per la corretta crescita della pianta. Si procede con questa operazione fondamentale durante i mesi primaverili ed autunnali, ossia in piena stagione vegetativa. La concimazione deve essere ovviamente un'attività controllata, poiché un eccesso nell'utilizzo di fertilizzanti potrà influire negativamente sullo stato dell'albero. Inoltre, è consigliato l'utilizzo di fertilizzanti a lenta cessione, sia naturali (come il letame o altri scarti animali) che chimici.


Olmo: Malattie e cure

Tronco albero L'olmo è una specie vegetale esposta continuamente all'attacco di parassiti e agenti patogeni. La prima malattia sicuramente degna di nota viene chiamata grafiosi. Questa è una tra le più temibili per questo arbusto ed è dovuta ad un pericolosissimo parassita. Per evitare la malattia, la cosa principale da fare è eliminare, in fase di piantagione, i rami secchi della pianta. Nella peggiore delle ipotesi e se non curata adeguatamente, la pianta può addirittura arrivare alla morte. Ulteriori agenti patogeni che possono affliggere l'olmo sono dei parassiti che si attaccano prettamente alle foglie, causandone il disseccamento e la caduta. In conclusione, i funghi del legno (che attaccano solitamente il legno del tronco) sono la causa per cui possono insorgere patologie della corteccia dell'olmo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO