Aromatiche starter pack: le 5 piante aromatiche da tenere sul balcone della cucina

vedi anche: Trova piante

Piante aromatiche per cucina

Le aromatiche sono insostituibili in cucina: ci permettono di aggiungere sapore o dare note frizzanti alle nostre preparazioni in modo sano. I cibi diventano appetitosi senza aggiunta di grassi e diminuendo l’uso di sale. Possono però trovare altri usi: molte sono adatte alla preparazione di tisane e decotti, altre trovano impieghi vari per l’igiene e gradevolezza della nostra abitazione.

Sono prodotti di uso quotidiano, ma il loro acquisto è raramente conveniente: hanno un prezzo spesso esorbitante per piccole quantità e la veloce deperibilità ne renderà inutilizzabile buona parte in breve tempo.

La soluzione è avere una propria piccola coltivazione in vaso, nei pressi della cucina: sarà facile l’accesso alle piante e potremo di volta in volta prelevare anche solo piccole quantità, ma sempre freschissime.

Ecco le aromatiche più conosciute.

Piante aromatiche per cucina

Vivai Le Georgiche Rosmarino Prostrato

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Salvia

Salvia La salvia officinale è un piccolo arbusto: si consiglia di inserirla in un vaso abbastanza grande, con terriccio ricco, leggermente argilloso, ma dotato anche di un buon drenaggio. L’ideale è mescolare terra da giardino e terriccio per piante fiorite in egual misura, aggiungendo poi qualche sassolino e un po’ due manciate di sabbia. Teniamo in pieno sole e irrighiamo solamente quando il substrato risulti ben asciutto. Per il resto è autonoma: vuole solo una potatura abbastanza bassa alla fine dell’inverno: otterremo un individuo poco legnoso e molte foglioline nuove.

La raccolta può essere fatta in qualsiasi momento, scegliendo foglie piccole e sane. L’aroma si sposa bene con le carni e le verdure, ma va bene anche per il condimento di primi piatti.


  • Salvia russa La Perovskia atriplicifolia è una varietà erbacea perenne che sviluppa un arbusto legnoso, originaria dell'Asia. Produce fusti legnosi o semilegnosi, abbastanza ramificati, che danno origine ad un p...
  • Phlomis Parenti strette di salvia e lavanda le phlomis sono arbusti rustici di origine mediterranea; se ne conoscono circa una decina di specie. Queste specie producono ampi arbusti ben ramificati, con ramifi...
  • Salvia splendente La salvia splendens o splendente pianta erbacea perenne, originaria dell’America meridionale, coltivata in giardino come annuale. Ha piccole foglie di colore verde scuro, dall’aspetto vellutato, di fo...
  • Salvia acquatica La Salvinia minima è una felce acquatica originaria dell'America centro-meridionale, le altre specie di questo genere, circa dieci, sono originarie dell'Europa, dell'Asia e dell'Africa. Questa pianta ...

Zafferano Bulbi, Paesi Bassi Crocus sativus fiore pianta rara bonsai Fiore piante da fiore bulbi freschi (non è seme) -2 Bulbi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,48€


Origano

Origano L’origano è un arbustino spontaneo molto diffuso nel Mediterraneo.

Richiede un vaso di almeno 20 cm di diametro e un substrato ricco, ma drenante. Consigliamo di mescolare terra da giardino, terriccio per fiorite e sabbia in parti uguali, creando un ottimo drenaggio sul fondo. La posizione ideale è pieno sole e vuole irrigazioni saltuarie: diamo acqua solo quando il terreno sia completamente secco.

La raccolta delle foglie fresche può essere fatta sempre: si usano per aromatizzare formaggi, nelle insalate o a crudo sul pesce.

In estate produce lunghe infiorescenze: raccogliamole a mazzetti e mettiamole a seccare all’ombra. Sono profumatissime e ideali per aromatizzare la pizza, la carne, il pesce, le verdure e i formaggi freschi.


Basilico

Basilico Il basilico è un’erbacea annuale con steli triangolari e piccole foglie ovali, ricchissime di oli essenziali.

La coltivazione, nella bella stagione, è molto semplice. Consigliamo di partire da seme: riempiamo un vaso con un miscuglio di compost, terriccio per fiorite e sabbia in uguali misura. Distribuiamo i semi e copriamo con un leggero strato di terriccio, tenendo sempre umido. Alla germinazione diradiamo; attendiamo che vi siano tre coppie di foglie e procediamo con la cimatura.

Irrighiamo regolarmente. L’esposizione ideale è sole la mattina e ombreggiato al pomeriggio. Preleviamo regolarmente le cime per evitare che vadano a seme.

Le foglie possono essere utilizzate a crudo su formaggi e verdure oppure per i sughi di pomodoro. Naturalmente sono l’ingrediente fondamentale del pesto: preferiamo quelle più piccole e per la realizzazione usiamo un mortaio a mano.


Menta

La menta è una erbacea diffusa in terreni argillosi e freschi. Consigliamo di acquistare dei vasetti in vivaio: è facile trovare tante varietà con aromatizzazioni dalle più intense alle più dolci e fruttate.

La coltivazione è semplice se si simulano le condizioni naturali di sviluppo: vaso ampio, per espandersi velocemente e substrato pesante: usiamo prevalentemente terra da giardino cui aggiungeremo una buona quantità di compost. L’esposizione deve essere soleggiata solo la mattina.

Le foglie possono essere prelevate in qualsiasi momento, nel periodo vegetativo. L’ideale è usarle fresche: le sostanze contenute sono capaci di dare particolare sensazione di freschezza, ideale in abbinamento con verdure, pesce, carni e formaggi freschi. Può però anche essere usata nella composizione di frittate e, da fresca o essiccata, per la realizzazione di tisane e bevande.


Aromatiche starter pack: le 5 piante aromatiche da tenere sul balcone della cucina: Prezzemolo

Prezzemolo Il prezzemolo è una pianta erbacea biennale originaria del bacino del Mediterraneo.

La semina non è difficile, ma la crescita è abbastanza lenta. Consigliamo di acquistare delle piantine presso un vivaio: il prezzo è modesto e otterremo risultati velocemente. Trapiantiamo in un contenitore profondo e largo riempito con terra da giardino, terriccio ricco e un po’ di sabbia. Teniamo in una zona molto luminosa, ma evitiamo il sole delle ore centrali della giornata. Irrighiamo regolarmente, senza ristagni.

La raccolta può avvenire al bisogno prelevando solo le foglie o gli steli dalla base (stimoleremo il rinnovamento).

Si può congelare, ma l’ideale è il consumo fresco, a crudo: all’ultimo minuto su piatti a base di pesce, sulle verdure, sui formaggi freschi. È un componente indispensabile di molte salse d’accompagnamento.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO