Malattie dei gerani

I gerani

Il geranio appartiene al genere Geranium ed è caratterizzato da cinque petali uguali tra loro ed una grande varietà di colori. È gradito ospite dei nostri balconi per l'allegria dei suoi petali e per la semplicità delle cure di cui ha bisogno, tanto che sopravvive anche sui balconi dei pollici più neri. I gerani hanno bisogno di molta acqua ma non che ristagni; hanno radici forti il che li rende adatti a qualsiasi tipo di terreno, infine la temperatura per loro ideale è intorno ai 25 gradi, ma possono resistere fino ai 15 sotto i quali è bene tenerli al riparo e soprattutto lontano dalle correnti d'aria. Purtroppo anche il geranio è soggetto a problematiche, dovute essenzialmente a tre tipi di agenti patogeni: funghi, batteri ed insetti.
Geranio zonale

Crescita Miracolosa C002001 Nutrimento Gerani, 375 ml, Rosso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Le malattie fungine

fiori di geranio Le cause principali delle malattie fungine sono le concimazioni azotate e le innaffiature, quando portano ad un ristagno dell'acqua. Queste tipologie di malattia si manifestano soprattutto in primavera - con la fioritura e l'umidità - ed in estate - quando è necessario annaffiare la pianta giornalmente. Le tipologie principali sono: ruggine, muffa grigia e marciume. La ruggine si presenta con macchioline giallastre sulle foglie: è pericolosa poiché può estendersi alle piante vicine. Col progredire della malattia, le foglie si seccano e cadono. La muffa grigia si riconosce per delle macchie scure sulle foglie della pianta ed è causata dalle concimazioni azotate. Il marciume dà una colorazione nera ai rami della pianta; è causata dal ristagno dell'acqua e può essere letale se colpisce le radici. Se una malattia è presa all'inizio, basta cambiare la terra in vaso per un drenaggio migliore. Altrimenti è bene affidarsi ai fungicidi chimici.

  • Gerani Le piante preferite in Italia, ma anche nel resto d'Europa, per abbellire balconi e terrazzi durante la primavera e l'estate. La fioritura è ricchissima, la coltivazione semplice, le cure da prestare ...
  • Geranio In vivaio troviamo decine di varietà di gerani botanici, che scegliamo per il nostro terrazzo, praticamente tutte le piante che portiamo a casa sono varietà ibride o cultivar, create nel corso degli a...
  • pelargonium orange Il pelargonium è da sempre il re indiscusso dei balconi e delle terrazze, sia per la facilità di coltivazione, sia per la quantità incredibile di fiori che può produrre in un anno. Le prime piante di ...
  • geranium subcaulescens splendens Il genere geranium comprende numerose specie di piante perenni e annuali, originarie dell'Asia, dell'Europa e del Nord America. Le piante di geranium costituiscono bassi cespuglietti costituiti da f...

2 braccialetti Anti Zanzare tranquilisafe + 4 ricariche agli oli essenziali

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Le malattie batteriche

gerani fioriti Le malattie batteriche sono causate da errori di potatura o attrezzi non disinfettati. Il geranio non viene colpito da molte patologie batteriche, ma la più pericolosa e letale è la Batteriosi del geranio. Quando una pianta viene colpita dalla Batteriosi del geranio, vi è un ingiallimento delle foglie ed arricciamento, fino alla caduta delle stesse. I metodi di cura sono drastici, soprattutto per evitare che si propaghi ad altre piante. La pianta colpita da batterio è bene che venga eliminata, bruciandola lontano dalle altre piante. Anche il terriccio dev'essere eliminato ed il vaso pulito e disinfettato. In caso di coltivazione in terreno, bisognerà disinfettarlo con rame prima di poterlo riutilizzare.


Malattie dei gerani: Gli insetti.

geranio I gerani possono essere colpiti dagli insetti fitofagi, che si nutrono della pianta e segnalano la loro presenza secernendo il feromone. Tra gli insetti più diffusi vi sono gli afidi, la cocciniglia ed il ragnetto rosso. Questi attaccano le foglie: gli afidi attaccano per giungere alla linfa, la cocciniglia ne ricopre la superficie ed infine il ragnetto rosso ne provoca l'ingiallimento tessendo la tela alla base della foglia. Si consigliano le soluzioni chimiche solo quando la malattia è diffusa: se presa all'inizio esistono efficaci metodi alternativi, su tutti la pulizia della pianta con batuffoli di cotone intrisi d'alcool. Nel caso della cocciniglia una pulizia accurata delle foglie, prima coi batuffoli di cotone poi spruzzando acqua e sapone neutro, basta per fermarla. Per quanto riguarda il ragnetto rosso, è bene ricordare che questi ama gli ambienti poco umidi: dopo aver pulito le foglie, usare lo spruzzino più volte al giorno per mantenerle umide, fermerà il ragnetto. L'acqua saponata e l'ambiente umido sono efficaci anche contro gli afidi, per cui basta un'accurata pulizia.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO