Siepe pyracantha

vedi anche: Le siepi

Principali caratteristiche morgologiche della pianta pyracantha

L'arbusto di pyracantha è caratterizzato da fusti sottili, di colore scuro e che crescono in modo da formare una ricca chioma tondeggiante, con molti rami anche a livello del terreno. Inoltre, il fusto presenta grosse spine appuntite. Le foglie sono di forma ovale, sottili, lucide e di colore verde scuro. Questa pianta è molto usata per creare siepi, ma è molto bella anche se adoperata a solo scopo decorativo. La siepe può essere ottenuta adoperando le differenti cultivar ed ibridi presenti in commercio: ad esempio, la p. Navaho è la varietà nana della specie e può essere adoperata per ottenere siepi di un metro d'altezza. Le sue bacche sono di colore arancio. La Red Column è caratterizzata dalle tipiche bacche rosse, mentre la p. Soleil d'Or ha le bacche gialle, proprio come suggerisce lo stesso nome.
Siepe di pyracantha con bacche

Vivai Le Georgiche Pyracantha Mohave

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,4€


Le principali modalità di coltivazione

Esempio di pyracantha Coccinea, dalle bacche rosse L'arbusto di pyracantha è molto diffuso in natura ed è anche di facile coltivazione, essendo ben adattato alle tipiche condizioni climatiche che caratterizzano la nostra penisola. Per quanto concerne l'esposizione, è fondamentale porre a dimora le piante in una zona ben soleggiata e molto luminosa, in modo che possano assorbire molta luce diretta del sole. Per quanto riguarda il terreno, deve essere ben drenato, anche se non ricco di sostanze nutritive, come la comune terra da giardino. La pyracantha è in grado di sopportare anche lunghi periodi di siccità. Soprattutto gli esemplari più giovani, quelli messi da poco tempo a dimora, necessitano di una maggiore quantità d'acqua nei primi due o tre anni di vita. Infine, la potatura può essere effettuata al termine dell’inverno oppure a metà estate.

  • pyracantha coccineum red column L'agazzino o pyracantha è un arbusto sempreverde, originario dell'Asia e dell'Europa, che ha una crescita piuttosto veloce e raggiunge abbastanza rapidamente i 2-3 m di altezza. Ha portamento eretto...
  • Pyracantha e Cotoneaster Pyracantha e cotoneaster sono due generi di arbusti sempreverdi appartenenti alla famiglia delle rosacee; entrambi i generi sono originari dell'America settentrionale, dell'Europa e dell'Asia, con num...
  • una amica mi dice che le bacche di pyracanta sono commestibibili. è vero? SE SI,come e perchè vengono utilizzate?Grazie, e cordiali saluti a tutti antonella memmi...
  • piracanta La piracanta è un arbusto da giardino, le circa dieci specie sono originarie dell’Europa e dell’Asia, e in Italia si può trovare anche allo stato selvatico; produce un arbusto denso e no molto compatt...

Uland 1,5 mq Pannelli siepi di bosso artificiale ornamentale in plastica staccionata Mats 100% Fresco in plastica resistente ai raggi UV Barriera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 97,68€


Come ottenere una siepe di pyracantha compatta

Tutore per piccola siepe di pyracantha Per poter ottenere siepi compatte è necessario seguire questi semplici consigli: per prima cosa, gli arbusti devono essere piantati ad una distanza di almeno sessanta centimetri gli uni dagli altri (per permettere una crescita rigogliosa); in secondo luogo, le piante devono essere messe a dimora vicino ad una rete, un muro o comunque in modo che possano avere un tutore dove poggiarsi, soprattutto nei primi anni di vita. Inoltre, per ottenere l'effetto compatto della siepe, è necessario effettuare la potatura dei rami più esterni (anche se ricchi di frutti) in maniera regolare, almeno due o tre volte l'anno (per esempio fine inverno e nei mesi estivi, come luglio e agosto). La potatura, infine, va fatta in modo da lasciare la base più larga, quindi, sempre esposta al sole.


Siepe pyracantha: Malattie che colpiscono le piante di pyracantha e cure

Malattie delle piante di pyracantha Molto spesso gli arbusti di pyracantha vengono colpiti da malattie particolari, che, nei casi più gravi, possono anche provocare la morte della pianta stessa, in assenza delle cure adeguate. Una delle malattie più frequenti è data dal marciume radicale, che si sviluppa solo in condizioni di fortissima umidità, con acqua che rimane stagnante per lunghi periodi nel terreno. Questa tipologia di problema ovviamente può essere scatenato esclusivamente da due fattori: il clima o le annaffiature eccessive. Altre malattie possono essere, invece, causate da batteri, come il colpo di fuoco batterico. I batteri penetrano nella pianta da una lesione dell'arbusto (ad esempio un ramo spezzato), provocandone la morte. Infine, vi sono le malattie causate da parassiti, come la cocciniglia o gli afidi. In tutti i casi è bene adoperare opportuni fungicidi o insetticidi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO