Zamia

Quando e come annaffiare la zamia

La zamia è una pianta piuttosto resistente agli scarsi apporti d'acqua. Nonostante questo, però, le operazioni di annaffiatura sono particolarmente importanti, specialmente in determinati periodi dell'anno. Le irrigazioni devono risultare abbastanza generose specialmente nel periodo compreso tra la primavera e l'estate, corrispondente a quello in cui la zamia cresce più attivamente. Durante la stagione invernale e quella autunnale, invece, le annaffiature necessitano di essere drasticamente ridotte. E' sufficiente, in questo periodo, inumidire leggermente il terreno. Nell'annaffiatura della zamia bisogna assolutamente evitare che si formino dei ristagni idrici. Questi sono temutissimi dalla pianta che può andare, per questo motivo, incontro a diverse malattie e a danni anche irreversibili che la portano alla morte.
Zamia in piena terra

Semi Ardisia crenata Bonsai Natale Berry ornamentale perenne Albero, professionale Pack, 10 semi / Pack, Coralberry Albero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Come coltivare e curare correttamente la zamia

Particolare di un ramo di zamia La coltivazione della zamia, così come la sua cura, è relativamente semplice. E' una pianta, quindi, adatta anche a chi si sta avvicinando per la prima volta al mondo del giardinaggio. Importantissima risulta la tipologia di terreni in cui mettere a dimora la zamia. Questi devono necessariamente risultare soffici e ben drenati, dal momento che la zamia teme tantissimo i ristagni idrici. Periodicamente può essere necessario procedere con il rinvasamento della pianta, al fine di darle maggiore spazio all'interno di un vaso più grande. Le foglie necessitano spesso di essere pulite dalla polvere che vi si può accumulare, utilizzando un batuffolo leggermente inumidito. La potatura non è essenziale per la zamia. E' sufficiente eliminarne le foglie secche o danneggiate al fine di evitare la comparsa di parassiti o malattie.

  • La zamioculcas è una pianta tropicale molto apprezzata per la sua facilità di coltivazione e per la sua resistenza a parassiti e malattie. La pianta si mostra resistente anche in condizioni difficili,...
  • zamia La Zamia pumila è un piccolo arbusto sempreverde, simile ad una piccola palma, infatti il genere Zamiacee appartiene alla famiglia delle cicadaceae; sono originarie dell’America centrale. Ha un corto ...
  • Zamioculcas salve vorrei sapere come mai gli steli della pianta stanno diventando tutti macchiati di nero e tendono ad abbassarsi?Cosa posso fare ?Grazie ...
  • sanseveria Buongiorno,in un vaso grande di porcellana pieno di argilla, ci sono due piante di Sansevieria fasciata con i rispettivi vasetti in plastica.In inverno non le annaffio quasi mai, vorrei sapere cortese...

Beitsy Sfera Trattare l 39;erogatore di fieno Hanging Toy per il coniglio di coniglio Chinchilla Guinea Pig Small Animals

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,4€


Concimazione zamia

Pianta di zamia in vaso La concimazione è un'operazione di vitale importanza per tutte le piante. La zamia, ovviamente, non fa eccezione. Il periodo ideale in cui concimare la pianta è quello compreso tra la primavera e l'estate. Sarà necessario utilizzare un buon fertilizzante liquido adatto per piante verdi e da diluire direttamente nell'acqua utilizzata per l'irrigazione. Le dosi vanno dimezzate rispetto a quelle indicate sulla confezione del prodotto scelto. La cadenza periodica con cui effettuare la concimazione è pari ad intervalli di 30 giorni circa. Gli elementi indispensabili per la zamia sono l'azoto, il fosforo ed il potassio. Importantissima, però, anche la presenza di altre sostanze minori come il ferro, il rame e lo zinco. Solo con un'equilibrata concimazione si può garantire una corretta crescita ed un buono sviluppo alla zamia.


Zamia: Esposizione e malattie zamia

zamia floridiana La zamia può vivere e crescere prosperosa sia in pieno sole che all'ombra. Questo aspetto dipende essenzialmente dalla tipologia di zamia scelta. E' bene farsi consigliare dal proprio vivaista di fiducia. L'esposizione della pianta deve risultare essere preferibilmente in luoghi comunque ben illuminati ma non soggetti direttamente ai raggi del sole.La resistenza della zamia è uno dei suoi punti di forza. Per questa motivazione raramente è vittima di malattie o parassiti, specialmente se le cure prestate (e sono davvero pochissime) risultano adeguate alle necessità della pianta. Le variazioni climatiche sono tollerate quindi non creano eccessivamente problemi. Importantissimo evitare assolutamente i ristagni d'acqua che possono compromettere la zamia anche irrimediabilmente, facendola marcire.



COMMENTI SULL' ARTICOLO