Pompa

Piccole spiegazioni sulla pompa

Con il termine pompa si indica una particolare macchina operatrice che, utilizzando alcuni organi meccanici in movimento, riesce a sollevare, a spostare da una zona ad un'altra o anche solo a raccogliere liquidi e gas.Le pompe vengono impiegate in ambienti chiusi, spesso tra due condotti, uno di aspirazione e l'altro di mandata.E' importante sottolineare che parecchi manuali designano con il termine solo quelle macchine in grado di spostare e raccogliere liquidi, mentre adoperano il termine compressore per indicare tutti gli apparecchi capaci di spostare, non liquidi, ma fluidi gassosi.Ogni pompa si distingue, innanzitutto, per l'utilizzo e per il liquido con il quale bisogna lavorare, ma soprattutto per determinate caratteristiche di impiego, quali la portata, la prevalenza e la forza motrice che è in grado di applicare alla situazione.Foto presa da www.kar-el.com.tr
Un esempio di pompa

Wolfcraft 2202000 - Pompa autoaspirante per trapani, attacco 6 mm, 1300 l/h

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,35€
(Risparmi 0,5€)


Brevi accenni storici

Pompa dinamica Lo strumento della pompa ha origini ben più antiche di quanto si possa pensare: è stato, infatti, Archimede a ideare e descrivere per la prima volta una macchina simile alle moderne pompe; si trattava di uno strumento a rotazione in grado di spostare quantità costanti di liquido ad ogni rotazione. Per evitare che si potesse sgranare ad ogni utilizzo, veniva impiegato solo per quantità minime.Nel Medio Evo si è riusciti a migliorare il lavoro di Archimede e ad ampliarlo a grosse quantità; da questi studi è nata la noria, che, attualmente, è ancora utilizzata in specifiche tecniche di agricoltura.Il progresso della scienza nel corso degli anni ha portato a sviluppare diversi sistemi di funzionamento delle pompe come quelli a biella e manovella e quelli a cilindro e pistone.Con l'introduzione del vapore si è riusciti migliorare anche le prestazioni singole.Infine nell'ultimo secolo si è riusciti a costruire pompe di tipo dinamico.Foto presa da italian.thermal-oil-boilers.com

  • Pompa centrifuga Una pompa idraulica (o fluidodinamica) è una tipologia di dispositivo nel quale il movimento del liquido viene fornito direttamente al fluido stesso. Questi dispositivi non necessita di valvole, anche...
  • La motosega Castor modello CP 40 Le motoseghe Castor offrono performance eccellenti e sono durevoli nel tempo. L'azienda produce numerosi modelli dalla tecnologia avanzata ed affidabili in ogni condizione. La motosega CP 40, con moto...
  • Pompa sommersa Le pompe idrauliche sono dei macchinari che si occupano delle funzione di pompaggio di liquidi, in generale si tratta, comunque, di acqua. Esistono pompe idrauliche manuali, elettriche o a pedale. Que...
  • Una Veduta del Castello di Roncade Le origini del castello sono molto lontane nel tempo: il maniero di Roncade nel 900 fu dato ai Conti di Collalto da Ottone II e poi fu distrutto da Cangrande della Scala. Successivamente un patrizio v...

POMPA TRAVASO ELETTRICA BISENSO ROVER CE 20 ELETTROPOMPA VINO, ACQUA, GASOLIO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,98€
(Risparmi 33,02€)


Caratteristiche tecniche

Le principali caratteristiche delle pompe, oltre il modello e la tipologia, riguardano la portata, la prevalenza e la velocità di pompaggio, oltre che il tipo di liquido con il quale si lavora e la forza motrice che è in grado di applicare al lavoro.

Per quanto riguarda la portata, questa si indica con la lettera Q e indica la capacità di spostamento del volume di fluido in un determinato periodo di tempo, e si esprime solitamente in m^3/s.

In riferimento alla velocità di pompaggio, invece, ci si riferisce al volume del fluido spostato, ma questa volta in funzione del tempo.

In ultima analisi si parla di prevalenza, indicata con la lettera H, per quel che concerne il massimo dislivello di sollevamento che le pompe sono in grado di eseguire al top del rendimento possibile, e di norma viene espressa con l'unità di misura dei metri.


Pompa: Il parametro NPSH

http://www.sankichina.com/upfiles/201207508531404.jpg Oltre alle varie caratteristiche tecniche che differenziano le diverse tipologie di pompe, bisogna fare particolare attenzione ad un parametro che potrebbe risultare secondario, ma che così non è assolutamente: il NPSH.

Questa sigla è l'abbreviazione di Net Positive Suction Head ed indica la differenza che vi può essere tra la pressione in uno specifico punto di qualsiasi circuito idraulico e la tensione di vapore del liquido nello stesso punto in cui vi è la pressione.

Sulla base di questa caratteristica sono, però, evidenziabili parecchie limitazioni nella fase di aspirazione per quanto concerne qualsiasi tipo di pompa, qualsiasi sia la tecnologia con la quale lavora.

Tutto ciò perché è necessario ricordare che l'aspirazione viene effettuata esclusivamente per differenza di pressione grazie ad un decompressione nella zona di aspirazione.



COMMENTI SULL' ARTICOLO