Piretro

Il piretro

Il piretro è una pianta perenne, diffusa in Europa; in particolare viene anche detta piretro della Dalmazia, il cui nome botanico è Tanacetum cinerarifolium, o anche chrysanthemum cinerarifolium. Le piante producono ampi cespi, con radici che tendono ad allargarsi nel terreno fino a che trovano spazio. Si tratta di una pianta rustica, che si coltiva in giardino, in piena terra; in genere è una pianta spartana, ma per ottenere un cespuglio rigoglioso e una ricca fioritura è consigliabile procedere a regolari annaffiature. L'acqua si fornisce solo quando il terreno risulta asciutto, da aprile fino a settembre. In caso di periodi particolarmente caldi e asciutti può essere necessario annaffiare ogni giorno, o ogni due giorni. Se le piogge ci aiutano invece le piante di piretro si possono annaffiare anche solo una volta a settimana. Di fondamentale importanza evitare gli eccessi, che possono favorire lo sviluppo di marciumi. Dall'autunno fino a primavera le annaffiature vanno sospese.
Cespuglio  piretro

Bayer - Piretro actigreen x 100 ml Bio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,58€


Coltivare il piretro

Fiori piretro Il piretro è una pianta vigorosa, che in natura si sviluppa in zone d'Europa che hanno un clima molto simile a quello della Pianura Padana. Per questo motivo il piretro si coltiva in giardino, in piena terra, dove non necessita di alcun tipo di protezione, potendo sopportare anche temperature inferiori allo zero. Si può quindi utilizzare per le aiuole di fiori, anche se molte persone tendono a posizionare piante di piretro nell'orto, per sfruttare al massimo il potere repellente ed abbattente nei confronti dei più diffusi insetti che attaccano le piante. Il fogliame emana un delicato profumo, ma solo se sfregato vigorosamente tra le dita. La pianta in genere tende a vegetare senza problemi, anche con cure minime. All'arrivo dell'autunno le foglie disseccano progressivamente, fino a lasciare il pane di radici totalmente spoglio. In tarda primavera, quando le nuove foglie sono già ben sviluppate, si possono dissotterrare i cespi, per dividerli dando vita a nuove piccole piante, da coltivare separatamente.

  • Crisantemi I crisantemi (genere chrysanthemum) sono piante erbacee perenni, spesso di grandi dimensioni, originarie dell’Asia e dell’Europa, coltivate da svariati millenni come piante ornamentali; il nome deriva...
  • Bocche di leone salve, prima dell'inverno ho coperto con il tessuto non tessuto le mie bocche di leone e le margherite, ora sembrano secche.Cosa devo fare? Sono da buttare o posso salvarle, e come? Grazie ...
  • Campo di margherite fiorite Molto importante per l'irrigazione delle margherite è far attenzione a controllare le condizioni del terreno per non rischiare di far ammalare la nostra pianta con troppe innaffiature o di farla secca...
  • Pratoline papaveri Le Pratoline che crescono allo stato selvatico non hanno assolutamente bisogno di essere annaffiate. Esse, infatti, riescono a trarre l'umidità di cui hanno bisogno direttamente dall'acqua piovana. Se...

Spray pronto all’uso SB Plant Invigorator con antiparassitario da 500 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Concimare il piretro

Pianta piretro Le piante di piretro non sono particolarmente esigenti in fatto di concimazione. Possono infatti vegetare anche se non ricevono alcun tipo di fertilizzate; se però si desidera ottenere una pianta rigogliosa e ricca di fiori è consigliabile spargere attorno al cespo di foglie del concime granulare a lenta cessione, più o meno un paio di volte all'anno. Tali concimazioni si forniscono a inizio autunno e a fine inverno, prima che la pianta ricominci il suo sviluppo vegetativo. Si può usare un comune fertilizzante universale bilanciato, avendo cura di scegliere un prodotto che contenga anche qualche micro elemento, come cromo, molibdeno, ferro e manganese. I fertilizzanti granulari a lenta cessione hanno il vantaggio di sciogliersi progressivamente, ad ogni annaffiatura; in genere i granuli impiegano circa 4-6 mesi a sciogliersi, quindi non è necessario ripetere la fornitura di concime ad intervalli di tempo inferiori.


Piretro: Parassiti e malattie

fiori piretro Il piretro è una pianta rustica da giardino, che si può tranquillamente coltivare in pieno sole o a mezz'ombra, in vaso o anche in piena terra nelle aiuole. Non teme il freddo invernale, quindi non necessita di essere coperta, neppure in caso di temperature inferiori allo zero. Le sue foglie contengono delle sostanze in grado di uccidere buona parte dei più comuni insetti che rovinano le altre piante, per questo motivo in genere cocciniglie, afidi e altri piccoli parassiti tendono a mantenersi ben lontani dalla pianta. Il macerato delle foglie fresche può essere usato come insetticida nel giardino e nell'orto. L'unica problematica che può causare qualche danno alla pianta è un eccesso di annaffiature, soprattutto nel periodo autunnale o a inizio primavera, quando il clima è ancora abbastanza fresco: in questo caso la pianta può essere colpita da marciumi radicali o del colletto, che vanno risolti utilizzando appositi prodotti fungicidi. Durante l'estate la pianta può manifestare qualche sofferenza a causa del caldo intenso, in queste occasioni è bene ripararla dalla luce solare diretta durante le ore più calde del giorno.


  • piretro pianta Molto simile alla margherita, questa pianta viene usata sia per scopi decorativi che terapeutici. E’ una pianta perenne
    visita : piretro pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO