Topinambur coltivazione

Come prendersi cura del topinambur

Prima di tutto va chiarito che il topinambur non si pianta mai a partire dai semi e non si mette mai nel semenzaio. L'operazione è molto più semplice: basta trovare il topinambur al supermercato o presso l'ortolano di fiducia. Esattamente come si fa con la patata, taglieremo il tubero e lo metteremo ad asciugare quando è in gradi di emettere germogli. Dopodiché il nostro topinambur sarà pronto per essere seminato, ovviamente con il germoglio rivolto verso l'alto, ad una profondità di almeno 10cm. È raccomandabile affidarsi ad un prodotto biologico, sia per quanto riguarda il fatto che non essendo stato trattato germoglierà meglio, sia per una questione di sicurezza e di qualità. Il topinambur è un tubero molto raro ma semplicissimo da coltivare. La distanza tra le piante deve essere superiore al mezzo metro. Le operazione di semina avvengono al termine della stagione invernale e il topinambur ci regalerà, oltre che un ottimo prodotto, anche degli splendidi fiori.
coltivare topinambur

Il Kit Ortaggi per un'Insalata Originale di Plant Theatre – 5 fantastiche verdure da insalata da coltivare – ottimo regalo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Topinambur coltivazione: come irrigare

Topinambur spontanei Topinambur coltivazione: l'apporto idrico artificiale è praticamente inutile. Decidendo di dedicare una parte dell'orto a questo tubero, sarà più che sufficiente lasciare che la natura faccia il proprio corso. Anzi, dovremo fare molta attenzione a limitare lo sviluppo di nuove piante, trattandosi di un infestante. Il topinambur, infatti, si prende in poco tempo tutto lo spazio che abbiamo dedicato e, se non limitiamo adeguatamente l'area, sarà molto difficile sbarazzarsi della pianta che prenderà il posto anche delle coltivazioni successive sottraendo nutrimenti. Il topinambur cresce spontaneamente sulle rive dei fiumi dove trova il suo ambiente ottimale. È dunque raccomandato cercare di riprodurre queste condizioni, almeno evitando i terreni estremamente aridi. Per il resto non dovremo pensare a nessun impianto di irrigazione.

  • girasole Una curiosità:i girasoli sono considerati fiori di campo?...
  • cicoria La cicoria è un’insalata molto interessante per il periodo in cui cresce, per la sua consistenza croccante e per il gusto amarognolo che aggiunge alle altre verdure. E’ ricca di virtù anche dal punto ...
  • Carote La carota è una pianta originaria delle regioni temperate dell'Europa, coltivata per le radici a fittone utilizzate a scopo alimentare sia crude sia cotte. Le varietà coltivate hanno radici carnose di...
  • fagioli borlotti Il fagiolo, come molto ortaggi appartenenti alla famiglia delle Fabaceae, è una coltivazione interessante sotto molti aspetti. Il prodotto è senza dubbio di notevole interesse, ma lo è anche la capaci...

Semi arancione della betulla Fungo Porcino Leccinum versipelle micelio Spawn secchi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Terreno e concimazione

Fiori gialli del topinambur Il topinambur non necessita di concimazioni particolari. Anzi, eccedere con l'apporto artificiale di nutrienti può essere oltre che inutile dannoso. Una volta preparato il terreno con una profonda vangatura, potremo procedere eventualmente ad un'aggiunta di letame maturo o di compost. Optando per questa seconda soluzione, andrà benissimo anche soltanto il compost casalingo, evitando sostanze chimiche e lasciando che la nostra coltivazione di topinambur sia più naturale possibile. Il topinambur si adatta a tutti i tipi di terreni, fatta eccezione soltanto per quelli dove è impossibile coltivare ortaggi perché caratterizzati da un'aridità estrema. Non è necessario, dunque, ricorrere a prodotti granulari né a concimazioni minerali. Il topinambur può adattarsi sia ad un terreno sciolto che ad uno umido e compatto.


Esposizione, malattie, raccolta

Topinambur raccolti Il topinambur si adatta anche ad un'esposizione non a tutto sole, potendo stare dietro altre piante o in una zona dell'orto che non è mai stata coltivata. Come tutte le piante gradisce tuttavia l'irraggiamento del sole durante buona parte della giornata. Il topinambur è naturalmente resistente alle malattie ed è molto difficile che venga attaccato da parassiti o insetti. È vivamente sconsigliato, dunque, trattare la coltivazione con antiparassitari o altri prodotti chimici. I topi sono ghiotti di questo tubero e l'unico inconveniente può essere rappresentato dal fatto che questi si nutrano del nostro topinambur. La raccolta avviene scavando in profondità, esattamente come si fa per le patate. Può essere raccolto a scalare e, generalmente, questo tipo di coltivazione è molto semplice e produttiva.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO