Afide lanigero del melo

vedi anche: Afide

Afide lanigero del melo

L'afide lanigero del melo è un insetto infestante che risulta molto difficile da debellare. L'Erisoma lanigerum è un insetto dalla lunghezza variabile tra gli 1,5 e i 2,5 millimetri, con una colorazione rosso-violacea. Questo insetto è in grado di secernere un fluido dalla consistenza cerosa che potrebbe ricoprire completamente i rami, le radici e ogni parte legnosa della pianta. L'afide è in grado di svernare (solo gli esemplari femminili) sulla pianta riprendendo l'attività in primavera con la generazione di nuovi individui. L'infestazione si propagherebbe tramite gli individui dotati di ali che compaiono in estate. L'esemplare adulto è particolarmente sensibile al freddo, mentre allo stadio larvale possono resistere anche a temperature vicine ai -25. L'attivazione avviene solitamente tra i mesi di aprile e di maggio.
Afide lanigero del melo

POLTIGLIA BORDOLESE MANICA KG.1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,7€


Danni

Infestazione da <em>afide lanigero</em> del melo Il danno che viene provocato dall'afide lanigero del melo consiste principalmente nella comparsa sui rami e sulle parti legnose della pianta di tumori o di nodosità che sono causate da una ipertrofia o da una iperplasia che colpisce le cellule. Infatti i succhi salivari degli afidi sono in grado di stimolare la deformazione della struttura di intere parti della pianta. Le piante infestate dagli acari lanigeri potrebbero diventare molto più ricettive anche per altre patologie, provocando in alcuni casi l'ingresso di funghi o di altri insetti parassitari. Gli acari lanigeri sono in grado di insediarsi in ferite preesistenti sulla pianta, causate da altri parassiti come per esempio dai rodilegno o sulle cicatrici delle potature. Un attacco prolungato potrebbe portare ad un danno consistente sulle piante e alla perdita della produzione di frutti.

  • afidi Circa un mese fa ho piantato nel mio orto un pesco di tre anni acquistato al consorzio agricolo, il pesco è fiorito e ha messo i suoi primi frutti ma ho notato che le goglie più piccole si sono avvolt...
  • foglie con ruggine Questo patogeno compare nei primi mesi della primavera ed ha il suo massimo nei mesi di giugno. Le condizioni ottimali per lo sviluppo di questo micelio sono la presenza d'acqua e temperature che vari...
  • pianta grassa Le piante grasse sono fra le più acquistate, in quanto considerate più resistenti di altri tipi di pianta: ma anche le piante grasse si ammalano. Ecco come riconoscere le malattie più comuni, e come c...
  • piante grasse Coloro che vengono comunemente denominate "piante grasse" sono in realtà una categoria di vegetali ben precisa che prende il nome di "piante succulente". La caratteristica che le contraddistingue dall...

SOLFATO DI RAME GRANITELLO 98-99% DI PUREZZA IN CONFEZIONE DA 1 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Lotta all'infestazione

Infestazione da afide lanigero del melo La lotta contro l'afide lanigero del melo potrebbe comprendere sia la lotta biologica sia quella chimica. L'afide potrebbe essere controllato mediante l'imenottero Aphelius mali che riesce a contrastare efficacemente l'infestazione. Il parassita è in grado di svernare all'interno delle larve degli afidi, nutrendosi di essi e lasciandoli completamente svuotati al momento dello sfarfallamento. Per salvaguardare gli insetti parassitari sarebbe opportuno controllare adeguatamente gli interventi invernali con polisolfuri e oli gialli che risultano particolarmente tossici per l'aphelius. In caso di infestazione estesa sarebbe opportuno trattare le piante con aficidi specifici cercando di salvaguardare i Crisopidi, i Coccinellidi e i Sirfidi. Questo intervento andrebbe effettuato sia prima sia dopo la fioritura delle piante.


Cura delle piante infestate

Infestazione di afidi lanigeri del melo L'utilizzo degli oli si è rivelato il metodo migliore per combattere le infestazioni da parte di questa tipologia di insetto che può provare seri danni alle piante di mele. Gli oli andrebbero sparsi sulle piante durante il periodo estivo, ma in presenza di forti infestazioni e con il rischio di perdere le coltivazioni. Per evitare che le piante subiscano infestazioni sarebbe opportuno evitare interventi di potatura estesi ed invasivi. In caso di rami infestati sarebbe opportuno provvedere ad eliminarli prima che gli afidi attacchino l'intera pianta. Una corretta fertilizzazione del terreno sarebbe in grado di apportare gli adeguati nutrimenti alle piante in modo da renderle più vigorose e maggiormente resistenti agli attacchi da parte degli afidi. In caso di innesti sarebbe opportuno utilizzare dei portainnesti che siano resistenti all'attacco da parte dell'afide lanigero.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO