Fistulina hepatica

Un fungo dalle caratteristiche uniche

Tra le molteplici varietà di fungo che esistono in natura, e che si possono trovare diffuse anche nei boschi italiani, ce n'è una che presenta delle caratteristiche molto originali, difficilmente assimilabili a quelle di altri funghi. Si tratta della Fistulina hepatica, l'unica del suo genere che si trovi in Europa. La sua diffusione è ampia soprattutto nelle zone temperate, mentre è meno presente al settentrione; in Italia quindi non è troppo difficile incontrarne un esemplare abbarbicato sul tronco di un albero, per quanto comunque non sia una specie troppo comune. Un notevole vantaggio di andare in cerca della Fistulina hepatica è che la si riconosce con estrema facilità, ed è molto difficile confonderla con altre specie di fungo. La sua forma peculiare le è valsa sia il nome latino, che quello con cui viene comunemente indicata. Hepatica viene da hepas, che vuol dire fegato: infatti questo fungo sembra un fegato umano. Inoltre è detto, popolarmente, lingua di bue, per via della sua somiglianza alla lingua di un bovino.
Un esemplare di Fistulina hepatica, o lingua di bue

MICELIO ESSICATO DI FUNGHI PRATAIOLO IN CONFEZIONE DA 100 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,5€


Le caratteristiche della Fistulina hepatica

Il liquido color rosso sangue prodotto dalla Fistulina hepatica Ecco quali sono le caratteristiche che rendono tanto riconoscibile la Fistulina hepatica. Per prima cosa, la si trova sempre attaccata al tronco degli alberi, prevalentemente a quello delle querce o dei castagni, a cui aderisce come se fosse una sorta di mensola. Infatti, la Fistulina hepatica è annoverata tra i funghi detti sessili. Il suo cappello ha forma di ventaglio, e può raggiungere i venti centimetri, ma si conoscono anche esemplari che hanno superato questa dimensione. Pare che il fungo più grande di questa specie abbia raggiunto i due metri di diametro. Il gambo, al contrario, è spesso del tutto assente, e se presente, è molto corto e tozzo. Il colore del cappello va dall'arancio, quando il fungo è giovane, fino ad arrivare al rosso brunastro in maturità. Anche le carni hanno lo stesso colore, e producono un liquido rosso molto simile al sangue.

    Stone-Lite - Statuetta - Monaco Shaolin dormiente - 28 cm - brillante - lavorazione dettagliata

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€


    Le carni della Fistulina hepatica

    Una sezione di fungo Fistulina hepatica La Fistulina hepatica è un fungo parassita, che aderisce all'albero che lo ospita, corrodendolo. Infatti provoca la cosiddetta carie: il legno, nel punto in cui si trova la Fistulina, cambia colore e diventa più scuro, creando anche dei disegni e venature che lo rendono molto ricercato dagli intagliatori. Quando si trova un esemplare di lingua di bue, lo si potrebbe scambiare per un fungo Ganoderma, ma ci sono degli indizi che permettono di fare una netta distinzione tra i due generi. I funghi Ganoderma, infatti, hanno di solito la superficie lucida, a differenza della Fistulina hepatica, e carni molto dure. Invece, ciò che caratterizza maggiormente la Fistulina sono proprio le sue carni: quando il fungo viene tagliato, le sue fette sembrano di prosciutto, o speck. Non a caso, in America questo fungo è chiamato beefsteak, ovvero, bistecca di manzo.


    Come si cucina la Fistulina hepatica

    Fistulina hepatica tagliata e messa in padella La Fistulina hepatica è un fungo molto ricco di vitamina C, conosciuto per la sua elevata commestibilità fin dall'antichità: ne parla ad esempio Plinio il Vecchio, che consiglia di mangiarlo crudo. In effetti, il sapore delle sue carni è molto forte ed aromatico, e a volte, quando la Fistulina hepatica viene cotta, emana un odore che può anche dare fastidio. Invece, tagliata a fettine sottili e preparata in carpaccio, oppure messa in insalata, è molto gradevole. Quando la si condisce in carpaccio, è sempre bene aggiungere del parmigiano a scaglie, o grattugiato, perché la sua presenza aiuta a digerire il fungo, che, se mangiato in grandi quantità, può risultare un po' pesante. Per la somiglianza della loro consistenza con quella del fegato, le sue carni si possono anche cucinare con le cipolle in padella. La Fistulina hepatica è ottima anche fritta, o gratinata.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO