Eulia

L'eulia

L'eulia dei frutteti è un insetto, dell'ordine dei lepidotteri, che appartiene alla famiglia delle Tortricidae che ha una diffusione estesa in Europa, in Asia occidentale e in Nordafrica. Gli insetti adulti mostrano un dimorfismo sessuale che si manifesta con la maggiore dimensione degli esemplari femminili. Le ali anteriori hanno una colorazione grigio-argentea con la presenza di 3 bande marroni con bordi irregolari. Il capo risulta ricoperto da una peluria marroncina. Le uova presentano una colorazione bianco-giallastra con una forma sferoidale oppure leggermente schiacciata e vengono deposte vicino alle foglie oppure sulle parti aeree della pianta. Le larve una volta giunte a maturazione hanno una colorazione verdastra. L'insetto è in grado di superare l'inverno allo stadio di crisalide in ripari differenti per poi presentarsi in primavera andando ad attaccare le piante da frutto, in particolare gli esemplari di melo e pero.
Maschio di eulia

POLTIGLIA BORDOLESE MANICA KG.1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,7€


Danni provocati

Femmina di eulia Le larve di questo particolare tipo di insetto sono in grado di provocare estese erosioni delle foglie e successivamente dei frutti. Sulle foglie l'attacco si manifesta generalmente sulla pagina inferiore, mentre sui frutti le larve sono in grado di provocare solamente danni superficiali, che si estendono ai piccioli dei frutti giunti a maturazione. Gli attacchi dipendono soprattutto dalle piante interessate, per esempio sulla vite vengono attaccati i fiori, che possono essere distrutti, e i frutti che vengono danneggiati. Anche se il frutto non viene attaccato internamente dalle larve, quindi non vi sono danni diretti, si potrebbe assistere successivamente ad attacchi da parte di altre infezioni, causate da funghi come Botrytis cinerea (la botrite) oppure si potrebbe assistere a processi fermentativi che seguono l'azione di questo insetto.

  • Melo fiori Al genere malus appartengono 30-35 specie di piccoli alberi, o grandi arbusti, a foglia caduca, originari dell’emisfero nord, in Europa, Asia e nord America. Si tratta di piccoli alberi, che a maturit...
  • fiore di melone Il Cucumis melo è una pianta annuale con fusto erbaceo flessibile, strisciante o rampicante, sarmentoso con ramificazioni laterali. Il melone è un prodotto di grande interesse per le nostre tavole, in...
  • melanzane pianta La melanzana è il frutto della pianta solanum melongena; come molte altre solanacee non può essere consumato crudo, in quanto contiene una sostanza tossica, chiamata solanina, fortunatamente questa so...
  • porta innesti melo Il melo è una pianta piuttosto facile da innestare, facendo ricorso a una delle tecniche maggiormente utilizzate, l'innesto a spacco diametrale. Questo tipo di operazione viene effettuata innestando p...

Kg 5 poltiglia bordolese manica solfato di rame 20 % vite olivo frutta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,9€


Controllo del problema

Eulia Le larve di questo insetto sono in grado di attaccare diverse coltivazioni e diverse tipologie di piante, sia arboree, sia erbacee in modo massiccio. Per esempio potrebbero essere attaccati: il melo, il pero, il nespolo, il pesco, il ciliegio, il susino, l'albicocco, la fragola, il fagiolo, il peperone, il finocchio, il mais, la canapa. A seconda della specie i danni possono essere diversi e a volte non troppo dannosi per la pianta, ma è fondamentale conoscere a fondo l'azione di questo tipo di parassita per evitare danni alle proprie coltivazioni. Gli interventi di lotta per questo insetto non dovrebbero essere utilizzati in ogni circostanza, ma si dovrebbe controllare l'incidenza della patologia, l'estensione della infestazione e il numero di insetti coinvolti nell'attacco. Seguendo un apposito vademecum si dovrebbero effettuare interventi in caso vi sia una percentuale di getti infestati superiore al 5 per cento, o che le trappole abbiano catturato più di 50 insetti.


Eulia: Lotta all'insetto

Eulia La lotta contro questo parassita potrebbe seguire metodologie di lotta diversificate soprattutto dopo che sia stato realizzato un monitoraggio che si potrebbe effettuare tramite l'utilizzo di trappole sessuali. Per riuscire a sfruttarle al meglio sarebbe opportuno posizionare le trappole nei frutteti nel mese di marzo, in modo che i feromoni possano attirare gli insetti durante la fase dello sfarfallamento. La disinfestazione da eulia dovrebbe prevedere l'eliminazione degli insetti adulti, ma anche l'eliminazione sia delle uova sia delle larve, procedendo manualmente alla rimozione degli agglomerati di lepidotteri. Un'efficace sistema di lotta comunque potrebbe provvedere l'impiego di alcuni organismi come funghi, batteri, virus o insetti antagonisti in grado di bloccare l'infestazione da parte di questa tipologia di insetto.



COMMENTI SULL' ARTICOLO