Salvia coltivazione

Una pianta sempreverde

La salvia è una specie appartenente al genere di piante sempreverdi arbustive. E' originaria del bacino del Mediterraneo dove trova il suo habitat naturale e le condizioni climatiche più favorevoli. Facilmente riconoscibile per la presenza di foglie ovali vellutate al tatto e dal caratteristico aroma. Il tipico profumo della salvia è dovuto alla presenza di un olio aromatico contenuto da strutture ghiandolari presenti sulla superficie delle foglie e del fusto, che rilasciano aroma al minimo sfregamento. La pianta produce piccoli fiori viola raccolti in modo simmetrico sulla porzione terminale degli steli. Con il termine salvia possono essere indicate tutte le oltre 1000 specie di questa erbacea, ma quella comunemente utilizzata come spezia e rimedio erboristico è la Salvia officinalis. Altre, come la Salvia divinorum, hanno invece una funzione puramente ornamentale.
foglia di salvia al microscopio

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla e Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Coltivazione della salvia

raccolta dei semi di salvia La coltivazione della salvia è semplice. Questa tipologia di arbusto aromatico ama il calore e l'esposizione solare, non tollera invece il ristagno di umidità. Sopporta egregiamente il freddo, ma necessita di protezione in occasione di gelate. La coltivazione su terreno sabbioso in prossimità di possibili ripari dal gelo (alberi, pareti) ne permetterà una crescita rigogliosa. La pianta si presta ottimamente anche alla coltivazione in vaso. Questo potrà essere riparato in casa durante la stagione invernale e garantirà la disponibilità di fogliame verde per tutto il periodo dell'anno. La coltivazione potrà essere avviata in primavera, con la semina o con l'interramento di talee. La fioritura avviene in primavera. I semi sono piccoli e di una colorazione nera e vengono facilmente raccolti dopo l'essiccazione delle inflorescenze.

  • Salvia russa La Perovskia atriplicifolia è una varietà erbacea perenne che sviluppa un arbusto legnoso, originaria dell'Asia. Produce fusti legnosi o semilegnosi, abbastanza ramificati, che danno origine ad un p...
  • Phlomis Parenti strette di salvia e lavanda le phlomis sono arbusti rustici di origine mediterranea; se ne conoscono circa una decina di specie. Queste specie producono ampi arbusti ben ramificati, con ramifi...
  • Salvia splendente La salvia splendens o splendente pianta erbacea perenne, originaria dell’America meridionale, coltivata in giardino come annuale. Ha piccole foglie di colore verde scuro, dall’aspetto vellutato, di fo...
  • Salvia acquatica La Salvinia minima è una felce acquatica originaria dell'America centro-meridionale, le altre specie di questo genere, circa dieci, sono originarie dell'Europa, dell'Asia e dell'Africa. Questa pianta ...

TERRICCIO EXTRA-FINE PER LA SEMINA E LA COLTIVAZIONE DEGLI ORTAGGI E DELLE PIANTE AROMATICHE CONF. DA 20 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Proprietà fitoterapiche

raccolta delle foglie La coltivazione della Salvia officinalis permette di godere delle sue numerose e preziose proprietà fitoterapiche. Queste sono dovute alla presenza di un olio essenziale che contiene borneolo, tujone, canfora e che conferisce i particolari odore ed aroma alla pianta. La salvia ha proprietà tonico stimolanti, digestive, antisudorifere ed aromatiche. Può essere assunta sotto forma di tisana o infuso, da utilizzare come bevanda o per gargarismi. Le foglie della salvia hanno anche un ottima azione igienizzante ed estetica su denti e gengive. Strofinando regolarmente una foglia di salvia sulla superficie dei denti avrete uno smalto bianchissimo ed un ottima igiene orale. La presenza di sostanze potenzialmente tossiche (tujone e canfora), ne limita però il consumo giornaliero a piccole quantità.