Schinus molle

Quando e quanto irrigare

Gli alberi della specie denominata Schinus molle hanno il fogliame persistente e molto profumato. I primi anni di vita necessitano di irrigazioni frequenti, soprattutto nel periodo successivo alla messa a dimora. Infatti, i giovani esemplari hanno bisogno di annaffiature regolari e costanti, a partire dai primi mesi della stagione primaverile. Durante l'estate, a luglio e agosto, è importante che l'apporto idrico venga sempre assicurato, avendo cura di non creare pericolosi ristagni idrici, che potrebbero ledere l'apparato radicale con l'insorgere di muffe e marciumi. Le somministrazioni d'acqua non sono indispensabili sia in autunno che in inverno. Gli alberi sempreverdi già adulti di Schinus molle sono molto autonomi e possono sopportare anche prolungati periodi di siccità senza risentirne.
Albero schinus molle

Il Kit Piante da Cocktail di Plant Theatre – 6 varietà da coltivare – Un fantastico regalo per gli amanti del giardinaggio che non disdegnano di farsi un bicchierino.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Come prendersene cura

Fiori pianta falso pepe Le piante di Schinus molle prediligono i territori connotati da un clima mite e da stagioni temperate. Non è consigliabile coltivarle nelle regioni settentrionali, dove il freddo è intenso per diversi mesi. Infatti, risentono delle temperature al di sotto dei 7°C e dei forti venti. Il contesto ambientale ideale per lo sviluppo sono le zone meridionali e costiere. Non hanno particolari pretese e crescono bene in diverse tipologie di terreno anche poveri e aridi. Per ottenere una crescita continua è opportuno preparare un substrato fertile e ben drenato, composto da terriccio da giardino e sabbia grossolana. Gli alberi della specie Schinus molle non richiedono interventi di potatura frequenti, infatti, basta eliminare in primavera le ramificazioni secche e danneggiate dalla stagione invernale.

  • schinus si puo'conservare il pepe rosa detto pure "falso pepe"nei barattolini e usarlo in cucina per fare delle salsine? In Germania usiamo del pepe verde per certe salsine, e visto che vicino casa mia c'e' u...
  • schinus molle Salve! Ho un albero di "falso pepe/pepe rosa" ( Schinus molle) in giardino da circa 3 anni. Nel mese di febbraio a causa della neve e delle basse temperature ha iniziato a perdere le foglie. A marzo h...
  • Piante di pepe in California L’albero di pepe è una liana legnosa perenne capace di arrivare, in determinate condizioni, anche a 5 metri di altezza. Le foglie misurano tra i 5 e i 10 centimetri e tendenzialmente hanno forma oval...
  • Peperoncini rossi La pianta del peperoncino appartiene alla famiglia botanica delle Solanaceae ed al genere Capsicum, che comprende varie specie. Il Capsicum annuum è il più coltivato e comprende sia le varietà piccant...

Piante aromatiche N. 24 vasi in 4 pack diversi (in vaso diam.9cm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 48,9€


Quando e come concimare

Bacche pepe rosa Le concimazioni non sono strettamente necessarie per la crescita degli alberi di Schinus molle. Tuttavia, al momento della messa a dimora è utile preparare il terreno mescolandolo con una parte di stallatico maturo sfarinato. In questo modo, le piante potranno avere a disposizione tutti gli elementi nutritivi indispensabili. Dopo il periodo di attecchimento questi vegetali possono essere concimati due volte l'anno, in primavera e in autunno. È possibile scegliere un fertilizzante granulare a lenta cessione, da dispensare a marzo e nel mese di settembre, da acquistare presso i rivenditori autorizzati. In alternativa, si può optare per un composto di stallatico maturo. In entrambi i casi è molto importante amalgamare bene i singoli concimi con gli strati superiori del terreno e intorno al colletto.


Schinus molle: Esposizione, malattie e rimedi

Coltivazione pepe rosa Gli Schinus molle, per crescere bene e svilupparsi in altezza, richiedono posizioni molto soleggiate e ben luminose. Un aspetto importante da tenere in considerazione, soprattutto se gli alberi vengono coltivati in zone dove le temperature invernali scendono al di sotto dei 10°C. Nelle regioni meridionali questa specie può vivere a ridosso della costa, non risentendo della salsedine. In generale, si tratta di piante molto resistenti che difficilmente vengono colpite da attacchi parassitari. Al contrario, è facile che possano soffrire di patologie fungine, se il terreno è troppo compatto e poco drenato. In questo caso, è molto utile assicurare il corretto drenaggio del substrato per prevenire queste eventualità. Per scongiurare l'insorgere di malattie è anche utile impiegare dei fungicidi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO