Finferlo

Il prezzemolo dei funghi

Tra le molteplici varietà di funghi che si possono trovare nel sottobosco delle macchie di vegetazione, ce n'è uno che viene particolarmente ricercato da tutti gli estimatori, secondo solo al celebre porcino, e da alcuni preferito a questo. Si tratta del fungo chiamato finferlo, che è noto anche con moltissime altre diverse denominazioni. Il finferlo in botanica si chiama cantarellus cibarius: questo termine viene per la prima parte dal greco, lingua in cui kantaros significa coppa, e per la seconda parte dal latino, lingua in cui cibus sta per cibo, e quindi cibarius indica che il fungo è buono da mangiare. In effetti il finferlo assume una forma ricurva che lo fa assomigliare ad un calice da cui bere. Nelle varie declinazioni regionali, il finferlo è detto anche gallinaccio, galletto, gialletto.
Illustrazione botanica del finferlo

Gardenzooshop - PEZZI 2 - Scopa Casa Mod.Moretta Pvc Nera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,8€


Le caratteristiche del finferlo

Esemplari di finferlo Come si può riconoscere il finferlo rispetto agli altri funghi? In effetti, esso ha delle caratteristiche facilmente riconoscibili, ma si deve comunque fare parecchia attenzione, in quanto assomiglia molto al velenoso omphalotus olearius, da cui si distingue prevalentemente perchè quest'ultimo non dà alcun odore, mentre il finferlo sì. Morfologicamente, si presenta con un cappello molto ampio, che può raggiungere i 10 centimetri di diametro. Inizia ai margini con forma convessa per poi diventare concavo al centro, proprio come una coppa. I bordi sono frastagliati e irregolari, e il colore è giallo oro, molto vivo. Il gambo è piuttosto tozzo, e in genere non si sviluppa oltre i 7 centimetri di lunghezza; le lamelle inferiori hanno lo stesso colore del cappello e sono molto compatte. Anche la carne interna è soda e polposa, di colore giallastro, profumata e dolce nel sapore.

  • Il Cantharellus cibarius si trova facilmente nel sottobosco, per via del suo colore giallo Alcuni funghi hanno maggiore diffusione di altri, soprattutto quando si possono trovare con relativa facilità, e il loro sapore in tavola è gradito agli estimatori. Tra le specie più amate e apprezzat...

DOPPIO RASO mm25*50m giallino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,04€


L'uso del finferlo in cucina

Funghi di tipo chantarellus cibarius essiccati La particolare bontà delle carni del finferlo lo rendono molto diffuso nell'uso culinario. Addirittura, una volta essiccato, viene triturato finemente ed usato anche per condire e dare sapore ad altri funghi: per questo motivo viene definito il prezzemolo dei funghi. Il finferlo si può consumare crudo, cotto, o conservare secondo diverse metodologie. A differenza di altri funghi non si usa molto essiccarlo, tranne che per l'uso sopra specificato, poichè una volta reidratato tende a diventare un po' legnoso. Invece è ottimo messo sottolio o sottaceto, mentre non si congela perchè prende un gusto amaro. Se si deve lavare un finferlo fresco, lo si può fare tranquillamente sotto l'acqua corrente, perchè non è poroso e quindi non assorbe l'acqua. Un altro modo per eliminare bene ogni residuo di terra che possa restare tra le lamelle consiste nel metterlo un momento in acqua bollente.