Alberi caducifoglie

Alberi caducifoglie

Gli alberi caducifoglie si spogliano delle foglie durante il freddo: dalla fine dell'autunno fino alla primavera, quando le gemme (che sono nate durante l'inverno) si sviluppano producendo nuove foglie.

Si tratta per la maggior parte di alberi latifoglie, ovvero dotati di foglie con superficie estesa.

Durante il periodo di caduta delle foglie esse assumono colorazioni che virano dal giallo al rosso al marrone, in seguito all'azione di pigmenti specifici che agiscono stimolati dalle basse temperature.

Le piante caducifoglie richiedono un po' di tempo e di risorse per la loro gestione, perchè in autunno perdono le foglie e bisogna raccoglierne una gran quantità, ma quasi sempre in primavera ripagano degli sforzi con delle grandi fioriture e delle chiome dal verde splendente.

acero rosso

Palma Resistente Al Freddo Fortunei Di Trachycarpus freddo hardy Palma canapa fino a - 17 C° con 3 tribù Altezza 2,70-3,30 Metri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 419€


ACERO

Si tratta di un albero caducifoglie.

Presenta un fusto diritto e slanciato, a crescita rapida, che può raggiungere fino a 30-40 metri di altezza.

Le foglie sono di grandi dimensioni, di forma palmata o lobata con 5 lobi dai bordi arrotondati, hanno la pagina superiore di colore verde scuro e quella inferiore di colore biancastro.

Formano una chioma ampia e tondeggiante.

I fiori ermafroditi sono riuniti in grappoli penduli di colore verde giallastro.

I frutti sono samare doppie disposte a formare una V rovesciata.

Richiede terreni freschi, ben drenati, a composizione non acida.

Predilige i climi freschi, tipici della montagna, ma ama una buona esposizione alla luce anche se prolifera maggiormente se riparato da una insolazione diretta.

E' sufficiente l'acqua piovana per irrigarlo.

  • alberi All'interno di ogni scheda sulla singola pianta, troverete alcune generalità, e le principali caratteristiche dell'albero in relazione a:- Esposizione- Annaffiature- Terreno- Moltiplicazione...
  • Eritrina L'eritrina è un arbusto o piccolo albero caduco appartenente ad un genere che comprende più di 100 specie di alberi originari dell'America centrale. Questa pianta presenta un portamento eretto, molt...
  • abies concolor L'Abete Abies concolor è una conifera sempreverde, originaria dell'America settentrionale; si tratta di un albero a crescita abbastanza lenta, mediamente longevo, che può raggiungere i 15-25 metri di ...
  • Cipresso alberi Il Cupressus sempervirens è una conifera sempreverde di dimensioni contenute, proveniente dal nord America, dall'Europa mediterranea, dall'Africa settentrionale e dall'Asia, solitamente di forma colon...

Polyscience Bourbon impregnata Scaglie di legno di quercia per Polyscience Smoking Gun, 500 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,36€


PLATANO

platano Si tratta di un albero latifoglie caducifoglie.

Presenta un fusto eretto, con altezza fino a 30 metri, con una corteccia levigata e sottile di colore grigio tendente al marrone.

Le foglie sono larghe, palmate, con evidenti nervature, di colore verde chiaro che diventano dorate durante il periodo autunnale.

Formano una chioma tondeggiante.

I fiori sono riuniti in infiorescenze rotonde di due tipi: quelle maschili sono di colore giallastro, mentre quelle femminili sono di colore rossastro.

I frutti sono ricci rotondeggianti con molti semi.

Richiede un terreno profondo, con matrice calcarea o argillosa, ben drenato e ricco di sostanze organiche.

Predilige le zone ben esposte al sole e alla luce.

Sopporta bene le variazioni climatiche, anche se vive bene in climi temperati e miti.

E' un albero molto diffuso lungo i viali delle città in quanto tollera bene anche l'inquinamento.

E' dotato di ottima adattabilità, non richiede particolari cure.


BETULLA

betulla Si tratta di un albero latifoglie.

Presenta un fusto eretto, diritto, con altezza fino a 12-18 metri, dotato di una corteccia chiara con riflessi argentati.

Ha una crescita veloce, ma una vita piuttosto breve: al massimo 60 anni.

I rami sono lucenti, marroni tendenti al rossiccio.

Le foglie hanno forma ovale, dentata, di colore verde scuro, che diventano dorate in autunno prima di cadere.

Formano una chioma rada e leggera.

I fiori sono riuniti in infiorescenze a forma di spiga sottile e lunga, e sono molto profumati.

Quelle maschili sono lunghe e pendenti, quelle femminili sono corte, solitarie e laterali

Produce infruttescenze cilindriche contenenti semi dette samare dotate di un ala membranosa.

Richiede un terreno sabbioso, ben drenato, mai a componente calcarea che sarebbe molto nociva alla pianta, limitandone l'accrescimento.

Predilige ambienti luminosi e molto soleggiati, anche se riesce ad adattarsi alle temperature rigide ed al vento.

Per annaffiarla è sufficiente l'acqua piovana.

E' consigliabile effettuare almeno un ciclo di concimazione annuale.


CASTAGNO

Si tratta di un maestoso albero latifoglie.

Presenta un imponente fusto colonnare che può arrivare fino a 30 metri di altezza, con corteccia liscia e lucida di colore bruno grigiastro.

Le foglie sono lanceolate a margine seghettato e apice acuminato, di consistenza coriacea, con disposizione alterna e formano un'ampia chioma tondeggiante.

I fiori maschili sono bianchi e riuniti in glomeruli; quelli femminili sono isolati e avvolti in brattee.

I frutti sono marroni, lucidi all'esterno e pelosi all'interno, di forma rotondeggiante con una zona appuntita da un polo e convessa dall'altro.

Si tratta delle castagne, commestibili ed appetitose per l'uomo.

Sono racchiuse dai ricci: involucri spinosi di colore verde chiaro che, giunti a maturazione, si aprono spontaneamente.

Richiedono terreni freschi, profondi, ben drenati, a componente acida, ricchi di sostanze organiche, non calcarei.

Predilige i climi miti con notevole umidità, anche se sopporta bene sia il caldo che il freddo in quanto si tratta di una specie rustica molto adattabile.

E' consigliabile annaffiare la pianta soltanto durante i mesi caldi, con una cadenza bimensile.

Si raccomanda una concimazione da effettuarsi con letame maturo e fertilizzanti ricchi di fosforo e potassio, da effettuare almeno due volte all'anno.


ROBINIA

foglie robinia Si tratta di un albero latifoglie.

E' una specie rustica, ben adattabile, coltivata per scopi ornamentali.

Il fusto è eretto, diritto, con una corteccia scura e rugosa.

Le foglie hanno forma ovale, sono imparipennate ed hanno colore verde intenso.

I fiori sono riuniti in grappoli penduli molto profumati e presentano colorazioni varianti dal bianco al rosa al rosso.

I frutti sono bacelli allungati di colore marrone scuro tendente al nero, contenenti i semi.

Richiede un terreno asciutto, sabbioso e ben drenato.

Non è necessario annaffiare in quanto è sufficiente l'acqua piovana.

La concimazione è consigliata mediante materiale organico e letame maturo, almeno due volte all'anno.




COMMENTI SULL' ARTICOLO