Perenni

Le piante perenni sono quelle la cui crescita non si estingue in uno o due anni come avviene per le annuali o le biennali. Le perenni possono infatti continuare infatti a vivere anche per molti anni dopo la fioritura e la sfioritura.

Alcuni degli articoli più letti sulle piante perenni sono

* primula

* elleboro

* erica

* bucaneve

Consulta la nostra scheda sintetica su alcune delle perenni più interessanti.

Nell'elenco sottostante troverai, elencate in ordine alfabetico le nostre schede complete sulle perenni più diffuse. Consultale per consigli sulla coltivazione e la loro cura. Le piante perenni sono piante che durano più di due anni e fioriscono ogni anno.

Di solito sono erbacee, ma possono anche essere legnose alla base.

Il clima ha molta influenza sulla classificazione perché alcune sono potenzialmente perenni nei paesi caldi mentre vengono considerate annuali nelle zone più rigide.

Alcune perdono completamente la parte aerea durante l’inverno. Altre, ... continua


Altre notizie inerenti: Perenni


  • Pervinca maggiore - Vinca major

    Pervinca La pervinca è una pianta tappezzante che cresce spontanea in molte zone d'Europa e che viene coltivata anche come ornamentale per le sue bellissime caratteristiche
  • Primula - Primula polyantha

    Primula  La primula è uno dei primi fiori che portano un po' di colore quando l'inverno molla la sua presa e ci segnala che la primavera si sta avvicinando...scopri come coltivarla
  • Alstroemeria, Giglio peruviano - Alstroemeria aurantiaca

    Giglio del Perù L'alstromeria è una pianta perenne dal fiore stupendo che può essere coltivata praticamente in tutta Italia con degli ottimi risultati...scopri tutto in
  • Rose di Natale

    Rose di Natale La rosa di natale o elleboro è una delle piante più tipiche di questo periodo dell'anno carico di eventi molto significativi e di giorni speciali...scopri come coltivarla
  • Crisantemi - Chrysanthemum hyb.

    Crisantemi  I crisantemi sono dei fiori utilizzati per i morti ma al di là di questa associazione un po' triste regalano delle bellissime fioriture in autunno
  • Campanula - Campanula portenschlagiana

    campanula portenschlagiana La campanula è una pianta ideale per creare aiuole e bordure ma anche per decorare fioriere e terrazzi...scopri come coltivarla leggendo tutti i nostri consigli in questo articolo
  • Erica

    Erica L'erica è una pianta che cresce bene in terreno acido e che è molto utilizzata come ornamentale per via dei suoi bellissimi fiori e della sua ottima rusticità
  • Non ti scordar di me - Myosotis

    Myosotis pianta erbacea perenne originaria dell'Europa, del nord America e della Nuova Zelanda. Sono piccole
  • Gerbera - Gerbera

    Gerbera  Al genere gerbera appartengono alcune decine di specie di piante erbacee perenni, originarie del sud
  • Saponaria di roccia - Saponaria ocymoides

    Saponaria pianta perenne originaria dell'Europa; forma piccoli cuscini striscianti, che tendono ad allargarsi
  • Veronica - Veronica

    Veronica  Scopri la Veronica e tutte le sue caratteristiche per coltivarla in maniera corretta ed avere dei bellissimi risultati e dei fiori splendidi
  • Iperico - Hypericum

    Iperico  Pianta perenne semisempreverde, originaria dell'Europa e dell'Asia; sviluppa lunghe ramificazioni st
  • Margherite

    Margherite Le margherite sono alcuni di fiori più diffusi e apprezzati ma quando parliamo di margherite, sappiamo realmente di cosa stiamo parlando?
  • Rudbechia, Echinacea rossa - Echinacea purpurea

    Echinacea pianta erbacea perenne originaria dell'America settentrionale, con grandi fiori a forma di margherit
  • Achillea - Achillea millefolium

    Achillea  Scopri con noi tutte le caratteristiche dell'achillea per coltivare correttamente questa specie e conoscere tutti i suoi segreti paragrafo dopo paragrafo
  • Bacopa - Sutera cordata

    Bacopa  Viene comunemente chiamata bacopa, anche se il nome scientifico è Sutera cordata, per la stretta som
prosegui ... , come abbiamo detto, conservano una parte legnosa o semilegnosa. Altre ancora sono sempreverdi.

Le risposte possono essere molteplici. Prima di tutto all’interno di questa categoria troviamo una enorme varietà di fiori, con colori bellissimi e forme diverse tra loro. A questo si possono aggiungere le incredibili differenze di portamento, utilissime per creare movimento nelle bordure e, non ultimo, la forma e le colorazioni delle foglie, molto importanti per alternare in modo piacevole le varie tessiture.

Negli ultimi anni hanno trovato molti estimatori perché sono interessanti anche durante l’inverno specie se lasciano bacche, infruttescenze soffici o baccelli che possono essere coperti dalla neve o dalla brina creando delle atmosfere magiche.

Le perenni sovente non sono solo belle da ammirare. Infatti alcune sono molto profumate e tra esse possiamo annoverare anche alcune piante aromatiche.

I profumi in giardino non dovrebbero mai essere sottovalutati perché sono la caratteristica che si fissa più profondamente nella nostra mente e possono diventare la caratteristica più evocativa con il passare degli anni.

Inoltre le infiorescenze delle perenni hanno la capacità di rendere il nostro giardino “vivo” attirando insetti gradevoli come le api e le farfalle. A questo scopo le persone più amanti della natura possono studiare appositamente il proprio giardino scegliendo i fiori più profumati e più adatti all’insetto che si desidera attirare e rendere un frequentatore costante del nostro spazio verde.

Oltre agli insetti possiamo cercare di attirare anche degli uccelli come i friguelli o i cardellini che si nutrono delle bacche e delle infiorescenze autunnali e utilizzano la peluria soffice di alcune piante come materiale per la costruzione del nido.

Gli uccelli ci aiuteranno inoltre a combattere alcuni parassiti come bruchi, larve o insetti vari.

Le perenni presentano molti vantaggi rispetto alle annuali e alle biennali.

Prima di tutto la gran parte di loro dura molti anni e tendono ad allargarsi o a disseminarsi. E’ quindi molto difficile che si perdano o che muoiano definitivamente.

Se una certa varietà ci piace molto è sufficiente aspettare qualche anno perché si ingrandisca per poi dividerla durante l’inverno e creare altre piante da utilizzare in altre parti del giardino o da regalare ad altri amanti del verde.

Per di più gran parte delle perenni è di facile coltivazione, raramente vengono attaccate da parassiti in maniera grave e richiedono relativamente poca cura, specie se crescono nel rispetto delle loro esigenze specifiche di esposizione, terreno e irrigazione.

Le uniche cure richieste sono una pulizia primaverile o autunnale dei fusti esausti dell’annata precedente e l’eventuale taglio negli esemplari semilegnosi.

Alle volte può, per le varietà più alte, essere necessario l’impiego di tutori.

Le perenni sono piante molto varie e versatili: possono essere impiegate da sole come esemplari isolati (ad esempio le peonie) oppure in gruppo in giardini formali o in bordure con annuali, bulbose, rizomatose o arbusti. Possono essere coltivate anche in contenitori e inserite nel giardino al momento della fioritura in maniera da avere sempre colore oppure trovare una collocazione su balconi e terrazzi.

In genere le perenni e gli arbusti sono considerati la struttura portante in un giardino, ciò che lo caratterizza maggiormente dato che creano degli schemi che si ripresentano ogni anno a cui possono poi essere abbinate le piante annuali e le bulbose, più facili da spostare e inserire creando un elemento di innovazione ogni anno.

Avendo i più diversi portamenti (tappezzanti, rampicanti, erette, prostrate) non stupisce che riescano sempre a trovare una collocazione e siano ogni giorno più utilizzate.

Le perenni da giardino trovano la loro origine praticamente in ogni habitat del pianeta, dai prati alle montagne, rive dei ruscelli, laghi e fiumi, alle spiagge e alle zone aride.

Da sempre gli uomini le hanno osservate, le hanno prelevate e hanno cercato di coltivarle in condizioni simili a quelle dei luoghi di origine.

Nei nostri giardini sono poi arrivate varietà da ogni parte del mondo grazie ai cacciatori di piante che, soprattutto nel 1700 e 1800, andavano alla ricerca di esemplari particolari e insoliti.

Un pericolo da non sottovalutare è però la potenziale invasività di esemplari alloctoni. Più di una volta nella storia di queste introduzioni si è verificato che la pianta diventasse un pericolo per la flora locale rubando spazio e soffocandola.

Alcuni esempi famosi sono la Fallopia Japonica e l’Heracleum mantegazzianum che hanno creato e creano molti problemi in Inghilterra e in Galles.

Una delle caratteristiche peculiari delle perenni è la loro varietà, anche all’interno della stessa specie.

All’origine di questa abbiamo la grande capacità di avere delle mutazioni nel colori, nella forma dei fiori e nel loro habitus (per esempio varietà nane). Questi fenomeni si verificano sia in natura, sia in coltivazione.

Il lavoro di selezione consiste proprio nel rilevare queste variazioni, nel valorizzarle e renderle stabili.

Per questa ragione i vivaisti monitorano attentamente le loro piante e, anche attraverso incroci mirati, cercano di ottenere cultivar sempre più belle, vivaci, resistenti e varie.

I vivaisti (specie in Inghilterra, Francia e Stati Uniti) si dedicano spesso alla selezione di una sola pianta in particolare (abbiamo bellissimi esempi per l’heuchera, il delphinium, ellebori, echinacee e geranium) ottenendo risultati spettacolari e cultivar che in breve tempo diventano famose e si diffondono in tutto il mondo.

L’utilizzo delle perenni in modo sistematico è iniziato nel XIX secolo e fu Introdotto da Gertrude Jekyll che trovò ispirazione nel tradizionale cottage garden inglese dove piante di ogni tipo venivano accostate creando alternanze armoniche di colori e tessiture.

La bordura erbacea consiste nell’accostamento esclusivo di piante perenni rustiche, di solito a gruppi di tre per varietà. Vengono posizionate lungo un muro, un sentiero o una siepe. Il consiglio è sempre di posizionare sul retro le piante più alte e sul davanti quelle basse tappezzanti.

Si può dire in generale che in un giardino di erbacee la visione generale è sempre meglio della visione di un particolare. Ciò che è importante è il colpo d’occhio e gli accostamenti.

Dopo la grande fortuna ottocentesca questo stile cadde in disuso, soprattutto perché richiedeva molta manutenzione.

Ritornò di moda negli anni Sessanta, momento in cui vennero create alcune varietà nane che non necessitavano di sostegni e quindi erano più autonome.

Si arrivò quindi all’idea del cottage garden contemporaneo: le piante erano più facili da usare e grazie alle nuove varietà e alla loro integrazione nel giardino si poteva senza grande sforzo avere un giardino gradevole per la maggior parte dell’anno.

Proprio grazie a queste caratteristiche anche in Italia si sta sviluppando un gusto e una attenzione particolare verso di loro, queste piante vengono coltivate sempre di più e sono nati molti vivai che vi si dedicano in maniera esclusiva.


Guarda il Video
  • piante perenni

    piante perenni Benvenuto nella sezione di giardinaggio.it dedicata alle piante perenni dove troverai moltissimi video tutorial per cono
    visita : piante perenni
  • piante fiorite

    piante fiorite Il mondo , le nostre città , i nostri giardini sono densamente popolati da un numero enorme di piante da fiore . Il rapp
    visita : piante fiorite
  • fiori gialli nomi

    fiori gialli nomi Il Tarassaco o Dente di leone ("Taraxacum officinale") è così chiamato per le sue foglie munite di piccoli denti. E' una
    visita : fiori gialli nomi
  • fiori giardino

    fiori giardino Se desideriamo valorizzare il nostro giardino con piante che garantiscano la fioritura per buona parte dell'anno, dovrem
    visita : fiori giardino