Piante Medicinali

Da millenni l'uomo ha trovato nelle piante preziosi alleati per l'igiene e la salute del suo corpo, ed anche dello spirito; già nei secoli passati i primi medici utilizzavano fiori, radici, foglie e cortecce per produrre cataplasmi, tisane o unguenti medicamentosi. In tempi più recenti, nelle prime università, le facoltà che si occupavano di scienze mediche consideravano di grande importanza l’erboristeria e la conoscenza dei semplici, ovvero delle piante che potevano essere utilizzate singolarmente come cure per malanni di vario genere.

Con l’avvento del metodo scientifico molte di queste conoscenze su erbe e piante medicinali sono arrivate a noi, che ancora oggi utilizziamo farmaci i cui principi attivi sono di origine vegetale, anche se ormai spesso si tratta di prodotti di sintesi; utilizzando la conoscenza del mondo vegetale, ... continua


Altre notizie inerenti: Piante Medicinali


1          3      4      5      6      7      8      9      10      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
  • belladonna

    Belladonna Scopri la belladonna, una pianta considerata fra le più velenose che tuttavia viene utilizzata anche per alcuni suoi aspetti benefici...leggi il nostro approfondimento
  • Alchechengi

    alchechengi Proveniente dall'Asia e dall'Europa, l'alchechengi è una pianta facile da riconoscere grazie ai bellissimi calici arancioni simili lampioncini piccoli e ai suoi fiori bianchi
  • Tarassaco, Dente di cane, Cicoria selvatica - Taraxacum officinale

    terassaco Il tarassaco o dente di cane è una pianta che cresce spontanea in prati, giardini e pascoli e si può trovare dalla pianura sino alla bassa montagna. Le sue proprietà benefiche sono molteplici e per qu
  • Alchemilla

    alchemilla L’alchemilla è una pianta che cresce spontanea in molte zone d’Italia. Le sue proprietà benefiche sono conosciute e sfruttate a livello erboristico e fitoterapico, dove l’alchemilla viene utilizzata p
  • alchemia

    http://static.giardinaggio.net/Erboristeria/fitoterapia/alchemia_N2.jpg L’alchemia è una bellissima pianta che cresce spontanea nelle zone umide europee e dell’America centrale, molto utilizzata in cosmesi ed erboristeria per la produzione di creme e preparati. Le sue pro
  • Arnica

    esempio di arnica L’arnica è conosciuta forse più come pianta medicinale che come fiore anche se si presenta molto spesso allo stato naturale in molti prati del nostro territorio. Le sue proprietà sono numerose anche s
  • Fiori di Bach

    fiori di bach I fiori di bach sono dei preparati che vengono sempre più utilizzati in omeopatia e in fitoterapia. Esistono diverse tipologie di fiori di bach, in grado di intervenire in diverse dinamiche e permette
  • Mirto, Mortella - Myrtus communis

    mirto Nome: Myrtus communis L. Raccolta: Le foglie si raccolgono tutto l’anno, mentre i frutti tra sette
  • Pimpinella, Sanguisorba - Poterium sanguisorba

    pimpinella Nome: Poterium sanguisorba L. Raccolta: Tutto l’anno. Proprietà: emostatico, astringente, diuretic
  • aglio orsino

    Aglio orsino
Scopri a fondo l'aglio orsino e tutte le sue caratteristiche leggendo questa nostra scheda di coltivazione
  • Alchechengi - Physalis alkekengi

    alchechengi Nome: Physalis alkekengi Famiglia: Solanacee Nomi comune: chichingero, ciliegine, fiasche de
  • camomilla romana

    Camomilla romana La Camomilla romana, il cui nome botanico è Anthemis nobilis o Chamaemelum nobilis, è una pianta erb
  • Maggiorana proprietà - Origanum majorana

    maggiorana Nome: Origanum majorana L. Raccolta: Nei mesi più caldi. Proprietà: Calmante, carmativo, stomati
  • gambo di ananas

    gambo di ananas Risultano essere a molti note le ottime proprietà dimagranti e digestive dell'ananas. Ma non tutti s
  • Cedrina, Limoncina - Lippia citriodora

    cedrina Nome: Lippia citrodora L. Raccolta: Nei primi mesi primaverili. Proprietà: Stimolante, aromati
  • Alloro - Laurus nobilis

    alloro L'alloro è un arbusto sempreverde, o piccolo albero, originario dei paesi che si affacciano sul medi
  • Artemisia absinthium

    Pianta dell'artemisia L’artemisia, o assenzio che dir si voglia, è una pianta officinale e i suoi principi attivi sono alla base della realizzazione di molti medicinali. Cresce abbondantemente nelle zone aride e ben solegg
  • Crespino - Berberis vulgaris

    crespino Nome: Berberis vulgaris L. Raccolta: I frutti in autunno, le foglie tra giugno e luglio. Propr
  • altea

    altea Il fiore dell’altea si presenta o di colore rosa o rosso porpora ed ha una corolla di forma regolare
  • anice proprietà

    pianta anice Notoriamente conosciuta per il suo utilizzo in cucina per la realizzazione di dolci e liquori, l'ani
  • Ribes nero, Cassis - Ribes nigrum

    ribes nero Nome: Ribes nigrum L. Raccolta: i frutti in estate, le foglie tra aprile e giugno. Proprietà: Le f
  • Assenzio - Artemisia absintium

    ramo di assenzio Pianta erbacea perenne, originaria dell’Europa centrale e meridionale; dai rizomi carnosi si diparto
  • Carrubo, Siliqua - Ceratonia siliqua

    carrubo Nome: Ceratonia siliqua L. Raccolta: Durante tutto l'anno. Proprietà: Le foglie sono astringen
  • Maggiorana - Origanum majorana

    maggiorana La maggiorana è una specie di origano, il nome latino che la designa è infatti origanum majorana; co
1          3      4      5      6      7      8      9      10      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , e la chimica moderna si è potuto spesso potenziare e migliorare i principi attivi presenti nelle piante, rendendoli disponibili in grandi quantità e per tutto l’arco dell’anno.Da decenni ormai si è riscoperta l’utilità di questi rimedi naturali, preparati utilizzando ogni singola parte delle piante (o erbe medicinali); non si tratta certo semplicemente di una moda, i molti casi di malattie curate con metodi alternativi sono sotto gli occhi di tutti, anche se spesso i metodi delle medicine alternative non somigliano molto ai metodi della medicina tradizionale.

Molte sono le scienze che si occupano dell’utilizzo di prodotti naturali per curare l’uomo; in generale oltre all’utilizzo di prodotti non derivanti da sintesi chimica, ma direttamente dalle piante (medicinali), questi approcci alla medicina tendono ad avere una diversa visione dell’essere umano e delle malattie: in generale tendono a curare l’uomo nel suo insieme di comportamenti, stati d’animo, e sintomi; mentre la medicina tradizionale tende a curare prevalentemente i sintomi delle malattie.Molte sono ormai le vere e proprie scienze che si occupano di utilizzare le piante per la cura delle malattie; a partire dall’erboristeria, antica scienza di riconoscimento e raccolta di rimedi vegetali, i cui rimedi sono spesso conosciuti ed utilizzati da tutti: come ad esempio la tisana di camomilla, utile per calmare i bambini insonni. All’erboristeria si affianca la fitoterapia, vera e propria scienza che studia i principi attivi contenuti nei vegetali, ed il loro utilizzo nella cura delle malattie (in questo caso si parla propriamente di erbe o piante medicinali).

Negli ultimi anni si sono sviluppate anche nuove medicine alternative, di varia origine, come l’omeopatia, i Fiori di Bach, l'Aromaterapia, la medicina naturopatica, ed altre medicine, i cui approcci possono essere tra i più vari, così come il valore ad esse dato dalla medicina tradizionale, che sempre più spesso utilizza alcuni metodi e mezzi della medicina alternativa come sostituti delle cure tradizionali, o anche solo come affiancamento delle terapie convenzionali.Molto spesso si cade nell'equivoco che tutto ciò che è “naturale” non fa male, o è un rimedio blando. Ricordiamo che gran parte dei farmaci che utilizziamo comunemente sono costituiti da principi attivi che, almeno in origine, sono derivati da erbe o piante medicinali; questi principi attivi sono utili nella cura delle malattie da raffreddamento, ma anche in patologie più gravi, come i problemi cardiaci o la gotta. Questo per ricordare che le erbe contengono principi attivi che possono essere molto pericolosi, talvolta si tratta di veri e propri veleni (la cicuta lungo la strada sembra innocuo prezzemolo), è quindi sempre consigliabile evitare di assumere erbe o decotti senza il consiglio di un professionista, che sia un medico, un naturopata, un farmacista o un erborista. Quando poi si tratta di estratti d'erbe il consiglio è di essere quanto più cauti possibile: oli essenziali ed estratti alcolici concentrano i principi attivi presenti nelle piante medicinali, quindi vanno assunti nelle dosi e nei modi consigliati da un professionista del settore, evitando le cure fai da te.

In effetti in molti casi è semplicissimo acquistare oli essenziali e tinture madri di piante di qualsiasi tipo, spesso senza ottenere i giusti consigli sulla posologia di tali prodotti, che possono essere molto pericolosi se utilizzati a casaccio.

Guarda il Video