Ortensie

Coltivata in moltissime varietà principalmente come pianta ornamentale, l'ortensia è una delle specie più utilizzate per decorare ed abbellire i giardini. In questa sezione di giardinaggio.it trovi moltissime specie descritte in base alle loro caratteristiche principali con utilissimi consigli su cura e coltivazione delle ortensie. Il nome Hydrangea fa riferimento alle capsule seminali di queste piante. Sono infatti simili a scodelle in cui si raccoglie l’acqua piovana.

La vera diffusione delle ortensie in Europa si ebbe con l’introduzione delle varietà asiatiche che presero in breve tempo il posto di quelle americane fino ad allora conosciute. L’ortensia paniculata arrivò in Inghilterra alla metà del XIX secolo. Seguirono la grandiflora e poi numerose altre specie. Molte di queste vennero però genericamente indicate come macrophylla perché distinguere le une dalle altre risultava difficile. Solo recentemente in Europa, ... continua


Altre notizie inerenti: Ortensie


1          3      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
  • Ortensia rampicante

    dddd L'ortensia rampicante è una varietà piuttosto rara ma proprio per questo ancor più ricercata da chi ama queste piante...scoprila con noi
  • Colorazione Ortensie

    ortensia blu E' vero che la colorazione delle ortensie dipende dal concime che utilizziamo? Scopriamo i meccanismi che regolano la colorazione di questi fiori
  • Coltivazione ortensie

    ortensie La coltivazione delle ortensie può dare grandissimi risultati se si conoscono le tecniche di giardinaggio ed i segreti delle piante
  • Hydrangea Paniculata

    hydrangea paniculata grandiflora Un tipo di ortensia molto speciale ricco di varietà molto apprezzate in campo ornamentale..scoprile con noi
  • Malattie ortensie

    ortensia foglie Le malattie ortensie vanno conosciute per poter intervenire con temepestività e contrastarle in modo efficace con azioni mirate. Vediamo insieme come fare.
  • Ortensia bianca

    Ortensia bianca L'ortensia bianca, il cui nome botanico è hydrangea panicula, è una pianta originaria della Cina. La sua principale caratteristica è la resistenza ai climi più freddi e la sua particolare forma ad alb
  • Hydrangea Quercifolia

    Tennessee Clone Una specie di ortensia molto coltivata e ricca di varietà apprezzatissime nella coltivazione ornamentale.
  • Hydrangea Macrophylla

    Merveille Sanguine Altra ortensia ricchissima di varietà e cultivar interessanti, l'ortensia macrophylla vi stupirà con le sue caratteristiche
  • Storia delle ortensie

    ortensia bianca La storia delle ortensie può aiutarci a capire quali sono le varietà più diffuse e quali le tecniche migliori per la loro coltivazione.
  • Hydrangea arborescens

    Hydrangea arborescens Portamento cespuglioso e fiori bianchi, l'hydrangea arborescens è una specie molto apprezzata per la coltivazione
  • Hydrangea Rampicante

    Petiolaris Hydrangea rampicante, bellissima ortensia rampicante ideale per muri e grigliati..scoprila con noi
  • Altre hydrangeaceae

    Schizophragma Hydrangeoides Stai cercando altre ortensia per il tuo giardino o i tuoi vasi da balcone...cercale qua
1          3      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , e soprattutto in Italia, si è cominciato a conoscere e valorizzare le specie di origine americana o giapponese.

Famiglia e genereFam, Hydrangeaceae  gen Hydrangea
Tipo di piantaArbusti o rampicanti
FogliameFoglia caduca
EsposizioneMezz’ombra, ombra
RusticitàBuona
TerrenoAcido, umido
ColoriBianco, rosa, rosso, azzurro
ColturaMediamente facile
Fiorituraestate
AltezzaArbusti: 0,50 m- 2 m. rampicanti: anche 15 metri
PropagazioneTalea,  propaggine, seme

Il nome Hydrangea fa riferimento alle capsule seminali di queste piante. Sono infatti simili a scodelle in cui si raccoglie l’acqua piovana. La vera diffusione delle ortensie in Europa si ebbe con l’introduzione delle varietà asiatiche che presero in breve tempo il posto di quelle americane fino ad allora conosciute. L’ortensia paniculata arrivò in Inghilterra alla metà del XIX secolo. Seguirono la grandiflora e poi numerose altre specie. Molte di queste vennero però genericamente indicate come macrophylla perché distinguere le une dalle altre risultava difficile.

Solo recentemente in Europa, e soprattutto in Italia, si è cominciato a conoscere e valorizzare le specie di origine americana o giapponese.

La coltivazione delle ortensie non è particolarmente difficile e questo spiega la loro diffusione. Sono in linea generale piante molto resistenti e difficilmente periscono anche vivendo in un terreno non adatto o magari in una posizione troppo soleggiata. Tuttavia se vogliamo avere delle belle hydrangee è necessario seguire scrupolosamente alcuni accorgimenti.

Le ortensie vogliono un terreno almeno neutro, ma l’ideale sarebbe acido.

Dobbiamo valutare attentamente quale varietà inserire : se il nostro substrato è neutro o alcalino sarà totalmente inutile scegliere varietà splendide nell’azzurro. Sarà meglio puntare su cultivar con un bel rosa o rosso o puntare sul bianco.

Cambiare il pH del terreno è un’impresa ardua e date le abbondanti irrigazioni che queste piante richiedono sarà quanto mai difficile mantenerlo. Il consiglio è di volere ortensie azzurre solo se il nostro terreno ce lo consente. A quel punto potremo davvero intervenire con azzurranti a base di sali di alluminio per esaltarlo ancora di più. Diversamente è meglio non impuntarsi sul cambiamento di colore…ci porterà probabilmente solo ad avere delle tonalità imprecisate o al massimo un viola poco allegro. Una soluzione (proprio per chi volesse ottenere a tutti i costi l’azzurro) può essere quella di inserire le piante in grandi vasi di cemento interrati riempiti con substrato acido. Per un certo numero di anni potremo godere dell’agognato blu. Se però l’acqua che usiamo per l’irrigazione è calcarea sarà difficile mantenere questo risultato nel tempo.

Per avere delle ortensie davvero belle è necessario irrigare frequentemente, specie nella stagione estiva e se si vive al Centro-Sud della penisola. A partire da giugno l’ideale sarebbe, in mancanza di piogge, innaffiare giornalmente ogni singola pianta con almeno 7-8 litri di acqua. Le abbondanti irrigazioni non sono però un rimedio ad una esposizione troppo assolata. Purtroppo in quel caso i fiori seccheranno comunque anzitempo e le foglie rischieranno numerose scottature.

Per avere hydrangee con molti fiori è bene spargere già a marzo un buon concime a lenta cessione per acidofile. Se il terreno è neutro o alcalino è necessario, dalla fine dell’inverno, cominciare a spargere sul terreno (o mescolare all’acqua dell’irrigazione) prodotti a base di solfato di ferro. I risultati però non sono sempre certi. Nel caso si scorgessero dei segni di clorosi fogliare è meglio intervenire al più presto con prodotti a base di ferro chelato in cui il ferro sia assimilabile anche in terreni molto alcalini.

La clorosi può danneggiare irreparabilmente la crescita e la fioritura delle piante.

L’esposizione ideale per le ortensie è la mezz’ombra. L’ideale in quasi tutta l’Italia è una posizione soleggiata al mattino e ombreggiata al pomeriggio. Nelle zone montane può andare bene una esposizione in pieno sole mentre, al Centro-Sud, è in linea generale meglio posizionarle in ombra luminosa.

La potatura delle ortensie è un’operazione molto importante e deve essere eseguita con un certo scrupolo per non compromettere la fioritura.

In genere viene effettuata in primavera, dopo la fine delle gelate.

Una abitudine molto diffusa è quella di tagliare tutti i rami alla base.

L’ideale (sulle specie più diffuse, in particolare le macrophylla ) è invece eliminare totalmente soltanto i rami più vecchi (che hanno già parecchie ramificazioni) e quelli storti o poco vigorosi.

Bisogna tenere i rami che la pianta ha prodotto l’anno precedente e spuntarli. Alcuni si spingono a tagliarli fino alla seconda, terza coppia di gemme dal suolo.

Le piante più vecchie traggono beneficio dall’eliminazione di circa 1/3 delle fronde. Questo stimola la produzione di nuova vegetazione e rende il cespuglio più arieggiato evitando problemi crittogamici.

Molto probabilmente quando avete visto la prima volta un'ortensia avete pensato, "però, che bel fiore! mi piacerebbe coltivarlo in giardino!", senza pensare al significato che questo fiore ha ed assume nelle diverse culture.

La sua bellezza enorme e il colore dei suoi fiori così pieni e nitidi non potevano passare inosservati ed essere tralasciati dalla simbologia...ed ecco quindi alcune informazioni sul significato delle ortensie per chi vuole approfondire questo argomento.

Molti di voi non sapranno sicuramente che l'ortensia, nonostante i suoi fiori splendidi, non è proprio un fiore da regalare a chi conosce il significato dei fiori. Il fiore di ortensia simboleggia infatti l'intenzione di andarsene, di volere uscire da una situazione d'empasse, e se regalata a qualcuno può trasmettere il messaggio di volersene andare da una relazione, da una situazione o da un rapporto.Per moltiplicare l'ortensia si può procedere principalmente nei due modi classici ovvero per riproduzione gamica via seme oppure per riproduzione agamica con talea. Per effettuare una talea di ortensie sarà necessario prelevare dalla pianta una porzione di ramo di 10-15 cm contenente almeno un paio di gemme.

Per la talea di ortensie è opportuno scegliere un ramo che non ha fiorito perchè avrà più probabilità di attecchire. Tagliate quindi il ramo e mettetelo in un terreno per acidofile in una zona umida fresca e ben ombreggiata del giardino. Nel primo periodo il terreno andrà mantenuto umido evitando comunque ristagni idrici eccessivi.

Lentamente la talea di ortensia emetterà delle radici e darà vita ad una nuova piantina che diventerà poi una ortensia vera e propria. I mesi più indicati per fare le tale sono quei mesi nei quali le condizioni climatiche sono più stabili ovvero la primavera inoltrata e l'autunno. Meglio in generale preferire l'autunno perchè rispetto alla primavera è meno soggetto a sbalzi e cambiamenti climatici repentini.

Guarda il Video