Piante Officinali

Le piante officinali sono specie dotate di particolari proprietà, sia farmacologiche che cosmetiche. Il termine “officinale” annovera infatti migliaia di piante con effetti diversi e catalogati in base alla regolamentazione vigente nei singoli Paesi. Una pianta officinale può essere tale in un Paese, mentre non può esserlo in un altro. Diverso è, invece, il termine “medicinale”, che indica specifiche proprietà farmacologiche o curative della pianta. La moderna erboristeria tende a considerare tutte le piante di interesse erboristico come “officinali”, a prescindere dalle specifiche proprietà. Le piante officinali sono tutte quelle che vengono sottoposte a trattamenti da cui si estraggono i loro principi attivi. Questi ultimi possono avere diverse proprietà, sia cosmetiche che farmacologiche. Molti estratti di piante officinali sono usati persino per insaporire minestre o insalate o per arricchire il gusto di caramelle alla frutta. Le piante officinali si prestano però anche alla preparazione dei cosiddetti “rimedi erboristici”, ... continua

Altre notizie inerenti: Piante Officinali


1          3      4      5      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
  • Gramigna

    gramigna La gramigna è una delle graminacee più diffuse e conosciute sia da chi è esperto di prati e pascoli, sia da chi conosce giusto le basi di giardinaggio. Da chi pratica giardinaggio la gramigna non è si
  • mirtillo rosso

    mirtillo rosso Il mirtillo rosso definito in gergo botanico come Vaccinium macrocarpon ed è disponibile in commerci
  • il Cerfoglio

    cerfoglio Scopri le caratteristiche, le proprietà e tutti i segreti della coltivazione del cerfoglio, una pianta officinale molto apprezzata per curare diversi disturbi
  • muira puama

    Muira Puama Originaria delle foreste dell’Amazzonia, la muira puama appartiene alla famiglia delle Olacacee. E’
  • perilla

    perilla Scopri l'olio di perilla e le caratteristiche di questa pianta dai moltissimi benefici e dalle numerose proprietà fitoterapiche e curative
  • patata dolce

    Patata dolce
La patata dolce, o anche patata americana, è una specie vegetale originaria del Sud America, luogo i
  • gymnema

    gymnema La Gymnema Sylvestre, che possiamo trovare comunemente in erboristeria, è ottenuta dalla pianta di G
  • nopal

    nopal Il Nopal non è altro che la pianta che viene scientificamente classificata con il nome di Opuntia fi
  • noce moscata

    noce moscata La noce moscata è molto diffusa in Italia, sia sulle tavole, come ingrediente culinario tra i più co
  • Lycium Chinense

    Una pianta di lycium chinense Il lycium chinense è una pianta officinale che in Oriente è conosciuta e usata da secoli per le sue importanti proprietà. Oggi c’è anche chi la coltiva in casa per consumarne le bacche, ma il suo mant
  • Papavero da oppio

    papavero da oppio Il papavero da oppio, o papaver somniferum, è una pianta officinale dagli effetti allucinogeni. Dalla raffinazione delle capsule che ne contengono i semi, si ottengono l'oppio e i derivati. Di origine
  • Crocus sativus

    Crocus sativus Il crocus sativus, è la pianta dalla quale si ricava lo zafferano vero. Questa pianta officinale, originaria dell'Asia Minore, viene coltivata soprattutto nel centro Italia con ottimi risultati, grazi
1          3      4      5      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , ovvero di sostanze liquide o solide derivate dagli estratti delle stesse piante. I rimedi erboristici liquidi sono le tisane, i decotti e gli infusi, mentre quelli solidi possono essere tavolette, compresse o capsule. Gli estratti di piante officinali contenuti nei rimedi appena citati possono avere diverse proprietà: emollienti, ricostituenti, ansiolitiche, drenanti, immunostimolanti, antisettiche, antimicotiche e così via. Le proprietà delle piante officinali dipendono dai principi attivi contenuti nelle foglie, nei fiori, negli steli o nei frutti delle stesse. In genere, la composizione dei principi attivi vegetali comprende vitamine, acidi, oli essenziali, flavonoidi, terpeni e tannini. Queste sostanze, appositamente trattate e lavorate, possono essere ulteriormente potenziate o miscelate con estratti di altre piante al fine di ottenere specifici effetti. I prodotti erboristici non sono mai composti da un’unica pianta, ma da più miscele di piante. Se si preferisce assumere gli estratti di un’unica pianta, si possono preparare dei decotti o delle tisane. Questi rimedi si ottengono sciogliendo in acqua le parti attive di un’unica pianta: foglie, fiori, radici, ecc. Le parti attive non sono uguali in tutte le piante. In alcune specie si possono usare solo i fiori, in altre solo le foglie. Diversa è anche l’efficacia delle parti attive in base al loro stato di conservazione. Alcune parti di pianta, per funzionare, devono essere essiccate, altre invece devono essere fresche.
Guarda il Video