Infusi

Gli infusi sono preparazioni erboristiche in cui l’estrazione dei principi attivi vegetali avviene immergendo parti di pianta in acqua bollente. In pratica, le parti vegetali attive vengono aggiunte dopo aver fatto bollire la soluzione acquosa. L’infuso classico si prepara facendo bollire, per dieci o quindici minuti, 200 ml di acqua. Dopo l’ebollizione si aggiungono le parti attive della pianta: foglie, fiori, radici, ecc. Le parti si lasciano intiepidire per altri cinque o dieci minuti, si filtrano e poi si bevono. Gli effetti dell’infuso dipendono dal tipo di droga vegetale utilizzata. Esistono, infatti, piante con effetti diuretici, drenanti e depurativi. Gli infusi a base di queste piante avranno gli stessi effetti delle parti utilizzate. Per una maggiore efficacia, le parti vegetali vanno tritate o sminuzzate. Nell’infuso conta anche il rapporto tra la soluzione acquosa e le parti vegetali. La prima deve essere maggiore delle seconde. I rapporti standard per preparare infusi davvero efficaci sono di venti grammi di pianta ogni cento parti di acqua. Le piante officinali adatte a preparare infusi sono tantissime. Tra le più note ricordiamo la camomilla, ... continua

Altre notizie inerenti: Infusi


1          3      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
  • Infuso malva

    infuso malva La malva è una pianta officinale molto apprezzata che viene utilizzata in diversi modi in erboristeria. L’infuso di malva è senza dubbio una delle preparazioni più frequenti con questa pianta e viene
  • infuso alloro

    alloro Conoscete l'infuso di alloro e le sue proprietà benefiche e curative? In questo approfondimento tutto quello che dovete sapere su questa speciale bevanda fitoterapica
  • Infuso di zenzero

    infuso di zenzero Lo zenzero è un alimento che contiene moltissime proprietà, viene utilizzato da tantissimi anni nella medicina tradizionale cinese come rimedio per molti mali.
  • infuso rosa canina

    rosa canina Come ottenere infusi di rosa canina e conoscere meglio questa pianta
  • infuso tiglio

    tiglio Il Tiglio appartiene alla famiglia delle tiliacee ed ha origine nell’Emisfero Boreale. E’ un albero
  • infuso di ortica

    Infuso di ortica A differenza di ciò che possiamo pensare, la pianta di ortica gode di un'altissima considerazione ne
  • melissa infuso

    melissa La melissa è una pianta conosciuta fin dall’antichità per le sue notevoli proprietà curative. Attual
  • infuso di carciofo

    carciofi Tisane, infusi, decotti... è facile pensare che uno valga l'altro o che siano di fatto la stessa cos
  • infuso finocchio

    finocchio Solo con i latini il nome finocchio entra in uso in tutta l'Europa, il termine vuol dire letteralmen
  • infuso menta

    menta Usata spessissimo in cucina, pochi sanno che l'infuso di menta è salutare per molteplici motivi e no
  • Infuso di salvia

    Tisana di salvia e limone digestiva e sgonfiante Sono tanti i disturbi che un infuso di salvia è in grado di alleviare o di far sparire completamente. Una calda tisana a base di salvia è il rimedio adatto per innumerevoli fastidi che il nostro corpo
  • rosmarino infuso

    rosmarino infuso Il rosmarino si usa molto sia perché è in grado di insaporire qualsiasi piatto, sia perché ha un rid
1          3      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , la melissa, il papavero, il tè, il tarassaco, il sambuco, l’ortica e la betulla. Anche, l’infuso, al pari di tutte le altre tisane, può essere miscelato con diverse erbe per migliorarne il gusto e per potenziarne gli effetti. Per velocizzare la preparazione del rimedio, si ricorre spesso a filtri erboristici in bustina. La preparazione dell’infuso con le classiche erbe tritate è ormai praticata solo nel caso di aggiunta di una sola tipologia di droga. I filtri in bustina sono anche più pratici perché evitano il filtraggio della soluzione. Gli infusi da sottoporre a filtraggio sono, infatti, solo quelli in cui si aggiungono le erbe sminuzzate. In base alle proprietà delle erbe utilizzate, gli infusi possono avere specifici effetti. Quelli alla camomilla e al papavero, ad esempio, combattono l’insonnia, quello alla melissa possiede effetti ansiolitici e sedativi, quello al tarassaco ha effetti drenanti. Per una reale efficacia l’infuso va assunto con regolarità per almeno tre settimane. La posologia, però, può cambiare in base al tipo di droga utilizzata. Le piante officinali possono, infatti, essere controindicate in caso di patologie croniche, gravidanza, allattamento e contestuale assunzione di farmaci. Solitamente, gli effetti collaterali delle piante sono presenti anche nell’infuso, che non va bevuto in tutte le condizioni che abbiamo appena indicato.
  • infusi L'infuso di zenzero, molto utilizzato nelle medicina tradizionale orientale, è un rimedio efficace per curare il corpo i
    visita : infusi